Il programma Erasmus+ ha l’obiettivo di consentire l’esperienza di vita in altri paesi, la conoscenza di altre culture e l’acquisizione di una formazione universitaria più varia e completa. I risultati perseguiti sono la crescita dell’identità europea, il rafforzamento del concetto di multiculturalità e di multilinguismo, nonché il miglioramento delle prospettive lavorative dei cittadini europei.


Le università traggono vantaggio dal programma attraverso il rafforzamento delle collaborazioni con altre istituzioni europee, le quali si traducono in modernizzazione dei programmi e competitività dell’istruzione europea nel mondo. 

Negli ultimi anni questa collaborazione ha portato alla creazione prima e al perfezionamento poi di un sistema di istruzione europeo unificato che semplifica il riconoscimento dei periodi di studio all’estero e dei crediti acquisiti. In virtù di tale rete di collaborazioni con università e imprese dei 33 paesi stranieri aderenti al programma Erasmus +, gli studenti di UniCa possono effettuare due tipi di esperienza di mobilità: studio e tirocinio (traineeship).

Uno studente può beneficiare per ogni ciclo di studio di:

  • Mobilità per studio: da 3 a 12 mesi
  • Mobilità per traineeship: da 2 a 12 mesi, anche per i neolaureati.

Periodi di studio e periodi di tirocinio possono essere tra loro alternati per un massimo di 12 mesi per ciclo; per le lauree a ciclo unico i mesi per la mobilità sono in totale 24.
In Erasmus + lo studente può seguire corsi, sostenere esami, fare ricerca per la tesi di laurea, effettuare esperienze di tirocinio e usufruire delle strutture disponibili presso gli enti stranieri ospitanti senza dover pagare ulteriori tasse oltre quelle previste dal proprio ateneo.


Agli studenti Erasmus + viene inoltre assegnata una borsa di mobilità il cui importo è modulato in base al costo della vita del paese ospitante.
Prima della partenza, gli studenti ricevono inoltre l’approvazione delle attività di studio o di traineeship da parte dell’università di appartenenza e dell’università ospitante.

Pubblicato il secondo avviso di selezione Erasmus+ Studio per l'a.a. 2023/2024

È stato pubblicato il secondo avviso di selezione per l’attribuzione di 1036 soggiorni Erasmus+ di lunga durata (di cui 238 con borsa di mobilità) finalizzati all’effettuazione, nel corso dell’A.A. 2023/2024, di esperienze di studio presso le Università Europee con cui l’Università degli Studi di Cagliari ha stipulato uno specifico accordo bilaterale Erasmus+.

Si porta a conoscenza degli interessati che, per motivi tecnici, la pubblicazione delle graduatorie del bando Erasmus studio  – a.a. 2023- 2024/seconda call  è rinviata al 14 novembre 2023.  

 

Il Sistema europeo di trasferimento e accumulo dei crediti (European Credit Transfer and Accumulation System, ECTS) è stato istituito nel 1989, nell’ambito del programma Erasmus, per permettere agli studenti di trasferire i crediti conseguiti all’estero e di utilizzarli, al loro rientro, per il conseguimento del titolo di studio presso l’istituzione di appartenenza. Intende agevolare la circolazione degli studenti tra diversi paesi, rendendo più trasparenti gli studi ed i percorsi formativi, e semplificando il processo di riconoscimento dei risultati di apprendimento, dei titoli e dei periodi di studio. È uno strumento centrale del processo di Bologna, che mira a rendere i sistemi nazionali più compatibili.
L’Università di Cagliari ha adottato il sistema ECTS come sistema di accumulo crediti:

1 Credito italiano (CFU, credito formativo universitario) = 25 ore di lavoro dello studente = 1 ECTS

I crediti ECTS rappresentano il carico di lavoro e i risultati di apprendimento definiti (“ciò che la persona conosce, comprende ed è in grado di fare”) di un determinato corso o programma: 60 crediti rappresentano l’equivalente di un anno di studio. In un anno accademico standard, 60 crediti vengono suddivisi in varie componenti più piccole.
Un tipico titolo di “primo ciclo” (o laurea) è composto da 180 crediti, mentre un tipico titolo di “secondo ciclo” (master) è composto da 120 crediti.

Tabelle di distribuzione dei voti

A causa delle diverse tradizioni culturali ed accademiche, i sistemi di istruzione superiore europei hanno sviluppato diversi sistemi nazionali di votazione, e li hanno anche usati in maniere diverse nell’ambito dello stesso paese, in aree disciplinari o istituzioni diverse.
Poiché gli studenti in mobilità hanno diritto ad un trattamento equo ed alla trasparenza dei loro voti quando i crediti sono trasferiti da una istituzione all’altra, per garantire che le informazioni sul profitto di un dato studente siano coerenti e trasparenti, ciascuna istituzione deve fornire le tabelle della distribuzione statistica dei voti positivi attribuiti nel corso di studio o nel settore disciplinare frequentato dallo studente (tabella di distribuzione dei voti), che serve ad indicare come la scala dei voti venga effettivamente usata in tale corso di studio. Le tabella di distribuzione dei voti sostituiscono la precedente scala ECTS (A, B, C, D, E) ancora usata da qualche istituzione.


Le Tabelle dei voti ECTS, riportate di seguito, sono state elaborate con i dati degli esami superati negli ultimi tre anni accademici. Esse riportano il numero di esami, la percentuale di conseguimento di ciascun voto positivo da parte degli studenti e la percentuale cumulata (quella da utilizzare per la conversione dei voti). Riportano anche le vecchie fasce A, B, C, D, E, da utilizzare per le istituzioni che non sono ancora passate al nuovo sistema.

Per ciascuna facoltà, sono riportate nell’ordine: la tabella di distribuzione per l’intera Facoltà, le tabelle per ciascun Corso di Studi (elencati secondo il codice corso), le tabelle per ciascuna Classe di laurea.

Documenti e linee strategiche dell’Ateneo per la mobilità studentesca

L’Ateneo ritiene strategico accrescere la dimensione internazionale, con particolare attenzione, grazie alla posizione geografica, a diventare centro di riferimento per le università del Mediterraneo.


Le azioni saranno concentrate sulla promozione della mobilità studentesca sia in ingresso che in uscita, sull’organizzazione di Summer School internazionali, sul potenziamento dei corsi di studio internazionali e della didattica in lingua inglese, compresi i percorsi di alta formazione post-laurea, anche grazie al rafforzamento delle relazioni con altre università straniere, favorendo così la creazione di un ambiente di studio multiculturale.

Di seguito alcuni dei documenti su cui si incentra la politica di Ateneo per la mobilità studentesca:

Partner di UniCa in Erasmus

 

Austria

 

Belgio

 

Bulgaria

 

Cipro

 

Croazia

 

Danimarca

 

Estonia

 

Finlandia

 

Francia

 

Germania

 

Grecia

 

Irlanda

 

Islanda

 

Lettonia

 

Liechtenstein

 

Lituania

 

Macedonia

  • International University of Struga (MK STRUGA01)

 

Malta

 

Norvegia

 

Paesi Bassi

 

Polonia

 

Portogallo

 

Regno Unito

 

Repubblica Ceca

 

Romania

 

Serbia

 

Slovacchia

 

Slovenia

 

Spagna

 

Svezia

 

Svizzera

 

Turchia

 

Ungheria

 

Cards
Image
ismoka
Ufficio ISMOKA / Contatti
È l’ufficio che si occupa della mobilità internazionale di studenti, docenti e dottorandi per l’Università degli Studi di Cagliari.
Image
Accordi internazionali
Accordi internazionali
L'Università di Cagliari stringe accordi con Atenei e Istituzioni estere nell'ambito della realizzazione di attività congiunte per la didattica, la ricerca e la formazione.