Image
Locandina dell'evento nel progetto Sharper

Anticipata da un ricco programma di pre eventi, la SHARPER Night ha avuto il suo culmine venerdì 30 settembre 2022 nella suggestiva sede dell’Orto botanico di Cagliari L’evento si è articolato in diversi format:

  • TALK: un palcoscenico nel cuore dell’Orto Botanico ha ospitato gli interventi di una decina di ricercatrici e ricercatori su tematiche di attualità, moderati dal prof. Alessandro Lovari.
  • EXPERIENCE ACTIVITY: attività esperienziali allestite in aree riservate dell’Orto Botanico gestite dai partner di Sharper per far conoscere le attività scientifiche al grande pubblico.
  • SPEAKERS’ CORNER: piccoli e informali spazi living in cui sono state presentate al pubblico le ricerche su cinque grandi tematiche: cibo, salute, oceani, porti e acque sicure, universo.
  • STEM LAB: laboratori scientifici volti a stimolare la curiosità per la scienza, attraverso un’esperienza coinvolgente che stimola la creatività.
  • KIDS LAB: coinvolgere i bambini e le bambine significa dare loro l’occasione di soddisfare ogni curiosità: attraverso attività ludiche pensate ad hoc, i bambini hanno avuto modo di vivere la ricerca scientifica come un’esperienza indimenticabile.
  • STORIE SONORE: una serie di racconti sonori ispirati alla ricerca: opere narrative, di fiction che hanno preso spunto da articoli scientifici. I podcast, fruibili attraverso dei QRcode, hanno accompagnato alla scoperta delle ricerche di UniCa lungo il tragitto all’interno dell’Orto Botanico.
  • ADVENTURE NIGHT: gioco a checkpoint con componenti di Escape e di Gioco di Ruolo dal vivo, con la presenza di enigmi. L’atmosfera era quella di un film d’azione, con riferimenti ai thriller fantascientifici e qualche momento di adrenalina!

All’Orto era presente, per il secondo anno, il “Punto giallo” a supporto del comitato "Verità per Giulio Regeni", a cura del partner Laboratorio Scienza.

La maratona: Come "fotografare" buchi neri con l’Event Horizon Telescope. Einstein ha ancora ragione?

Il programma nazionale di SHARPER include un filo conduttore di collegamenti in diretta da tutte le piazze in Italia: la maratona. Per Cagliari, il collegamento si è svolto dal Sardinia Radio Telescope di San Basilio con Ciriaco Goddi (ricercatore del Dipartimento di Fisica, Università degli studi di Cagliari), che ha conversato con Silvia Casu (Responsabile dell'Area Comunicazione e Divulgazione dell'OAC INAF-OAC).

Il collegamento ha raccontato della collaborazione internazionale dell'Event Horizon Telescope (la stessa che nel 2019 ha pubblicato ‘la foto del secolo’, ossia la prima immagine di un buco nero) e di un nuovo risultato storico conseguito da questo prestigioso team di ricerca: la pubblicazione della prima immagine del buco nero al centro della nostra Galassia. Questa nuova immagine ci permette di testare oltre i limiti finora esplorati la celeberrima Teoria Generale della Relatività, formulata più di un secolo fa. 

Le scuole: Researchers at School

Il programma della Notte delle ricercatrici e delle ricercatori comprende una ricca selezione di laboratori ed esperienze pensate per un pubblico a partire dai 3 anni di età. 

Gli eventi SHARPER non si sono conclusi il 30 settembre, ma continuano con una rassegna di iniziative dedicata alle scuole che si sviluppa nel corso dell'anno scolastico.

Visita la pagina con tutti gli eventi dedicati alle scuole.

I pre eventi

Settembre della ricerca a Monserrato” è il titolo del ciclo di seminari che si è tenuto per il secondo anno alla Casa della Cultura di Monserrato.

Il primo appuntamento è stato mercoledì 14 settembre alle 19 con il seminario “Guadagnare salute: rapporti tra stili di vita e benessere”, a cura del Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica di UNICA.

A seguire, giovedì 15 settembre alle 19 il Dipartimento di Giurisprudenza ha proposto il seminario “Il volto accogliente dell’Europa. L’attivazione della “protezione temporanea” per chi fugge dalla guerra in Ucraina”.

Lunedì 19 settembre, si è parlato di “Semplici strumenti contabili per diventare consumatori critici e sostenibili” (a cura di Simone Aresu, Dipartimento di Scienze economiche e aziendali, UNICA).

Martedì 20 settembre, di nuovo alle 19, Giuseppe Bozzi (INFN Sezione di Cagliari e UNICA) ha discusso di: “Cambiamento climatico: la non-logica dei negazionisti alla prova dei fatti”.

Per chiudere, mercoledì 21 settembre alle 19 il Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica (in collaborazione con il Dipartimento di Pedagogia, Psicologia e Filosofia UNICA e con l’AOU Cagliari) ha presentato il seminario “Le persone transgender: percorsi di vita”.

Due le iniziative inserite nel programma del GravitasFest, festival scientifico al confine tra fisica e filosofia della scienza organizzato da INFN - Sezione di Cagliari al Centro comunale d'arte e cultura il Ghetto. Il 17 settembre alle 21.30 Antonio Zoccoli, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ha raccontato “Dante e la Scienza moderna”, in compagnia dell’attore Stefano Sabelli. Il 18 settembre alle 19 la divulgatrice, youtuber e filosofa della scienza Gaia Contu ha presentato lo spettacolo “Tacchini e raggi di luce – storie di incroci tra scienze e filosofia”. 

Giovedì 22 settembre presso la Fondazione di Sardegna a Cagliari si è tenuto poi il “Passione scienza day”, organizzato dall’associazione Scienza Società Scienza.

Chiudono la serie di pre-eventi le visite guidate alla scoperta dei Musei di UNICA:

I partner

SHARPER è un progetto finanziato dalla Commissione Europea (azioni Marie Sklodowska-Curie, GA 101061553) e cofinanziato dalla Fondazione di Sardegna.

UNICA è capofila del consorzio locale Sharper, del quale fanno parte INFN – Sezione di Cagliari, Inaf-Osservatorio astronomico di Cagliari, Sardegna Ricerche, le associazioni Scienza Società Scienza e Laboratorio Scienza, Sardegna Teatro, i comuni di Cagliari e Nuoro e il consorzio universitario UniNuoro. SHARPER CAGLIARI è organizzato dalla Direzione per la ricerca e il territorio in collaborazione con il CREA UNICA - Centro servizi d'Ateneo per l'innovazione e l'imprenditorialità, e con il prezioso contributo di tutti i Dipartimenti, le Direzioni e i Musei dell’Ateneo.