Salta al contenuto principale

Il Ministero dell’Università e della Ricerca lancia il nuovo programma di mobilità “Erasmus italiano” che destina per il biennio 2024/25 dieci milioni di euro a borse di studio per attività di mobilità nazionale, sulla base di convenzioni tra atenei.  

Cos’è l’Erasmus italiano

È un nuovo progetto che punta alla realizzazione di un Erasmus nazionale, per far sì che gli studenti possano frequentare corsi in più università italiane tra loro consorziate. 

Qual’è l’obiettivo

L’Erasmus italiano vuole rafforzare l'integrazione e la complementarità tra le diverse università nazionali, secondo una prospettiva interdisciplinare e innovativa. Lo studente in mobilità nazionale potrà così conseguire un piano degli studi arricchito con insegnamenti ulteriori, differenti e complementari rispetto a quelli selezionati al momento dell’immatricolazione nell’Ateneo di origine. 

L’Erasmus italiano in Unica

Il nostro ateneo, sottoscritte le convenzioni con gli atenei italiani partner nelle attività, sta per pubblicare il primo avviso di selezione per l’assegnazione dei posti disponibili. Il bando in uscita a breve indicherà i termini, le modalità di presentazione della domanda e i criteri di selezione dei partecipanti.

A chi è rivolto

L’Erasmus italiano è rivolto agli studenti regolarmente iscritti alle lauree magistrali, ad eccezione di quelle offerte dalla facoltà di Medicina e Chirurgia. Tra le attività formative che si potranno svolgere rientra anche la preparazione della tesi di laurea. 

Quanto dura l’esperienza

La permanenza nelle altre sedi italiane dovrà essere compresa tra 3 e 6 mesi. 

Requisiti preliminari

Per ottenere la borsa di studio, dell’importo di 600 euro al mese, ogni studente regolarmente iscritto presso questa Università deve aver dichiarato per l’anno 2024 un valore ISEE non superiore a 36.000 euro con riferimento all’anno solare precedente. 

Nell’ambito dei posti disponibili, si potrà concorrere per esperienze con o senza borsa di studio. 

Per maggiori informazioni leggi la nota ministeriale disponibile qui sotto.