Image
Illustrazione sul tema della fisica
Corso di Laurea
Accesso Libero
SCIENZE
L-30 Classe delle lauree in Scienze e tecnologie fisiche
180 crediti
Italiano

Presentazione del corso

I laureati in Fisica acquisiscono aggiornate conoscenze teorico/pratiche che consentono l’inserimento nel mondo del lavoro o l’iscrizione alla Laurea Magistrale in Fisica. Gli esami fondamentali forniscono le conoscenze di base di meccanica, elettromagnetismo, fisica quantistica e relatività speciale e gli strumenti matematici necessari per la loro comprensione. Sono previsti approfondimenti nei campi della fisica nucleare e delle particelle elementari, della fisica della materia e della astrofisica. 

Nelle attività di laboratorio gli studenti acquisiscono esperienza sull'utilizzo di moderni strumenti di misura e su tecniche di acquisizione ed elaborazione di dati. Inoltre, il Corso fornisce conoscenze di base di informatica, di elettronica, di metodi numerici per il calcolo scientifico e di fisica dell’ambiente e medica. Questo bagaglio di conoscenze permette di utilizzare in modo sicuro il metodo di indagine scientifico nello sviluppo di strategie e modelli per la risoluzione di problemi complessi sia nell’ ambito della ricerca scientifica che in quello applicativo.

Il Corso ha una durata normale pari a 3 anni. Per conseguire la laurea sono necessari 180 CFU, da acquisire mediante 17 esami obbligatori, 12 CFU a scelta dello studente, la prova di idoneità di inglese e la prova finale.

Piano di studi

Anno di corso: 1
Obbligatori
  • CHIMICA
    6 crediti - 48 ore - Primo Semestre
  • GEOMETRIA
    8 crediti - 64 ore - Primo Semestre
Anno di corso: 2
Obbligatori
ATTIVITA' FORMATIVE A SCELTA DELLO STUDENTE (6 CFU)
Anno di corso: 3
Obbligatori
ATTIVITA' FORMATIVE A SCELTA DELLO STUDENTE (6 CFU)
Anno di corso: ATTIVITÁ IN OFFERTA

Programma, testi e obiettivi

Accesso ad ulteriori studi
Corsi del Secondo Ciclo
Status professionale conferito dal titolo
I laureati hanno trovato occupazione in vari campi di attività quali ad esempio la fisica sanitaria, l'industria elettronica e quella informatica.
Caratteristiche prova finale
La prova finale consiste nella discussione, davanti ad una commissione appositamente convocata e riunita, di un elaborato scritto (in lingua italiana o inglese) concernente una ricerca svolta dal candidato sotto la supervisione di un relatore. Lo studio può avere carattere sperimentale, teorico o compilativo e non deve necessariamente includere risultati scientifici originali.
Conoscenze richieste per l'accesso
Indipendentemente dal Diploma di scuola secondaria superiore (o equivalente) in suo possesso, lo studente deve avere alcune basi di matematica che sono necessarie per poter iniziare un percorso formativo a livello universitario in Fisica. In particolare deve avere le seguenti conoscenze di base: - Geometria elementare ed algebra. - Geometria euclidea a livello liceale, istogrammi, grafici, sistemi di coordinate, coordinate cartesiane ortogonali. - Concetto di funzione, grafici di funzioni semplici in coordinate cartesiane. - Trigonometria piana, funzioni trigonometriche - Logaritmi, funzioni logaritmiche e funzioni esponenziali. - Principi di geometria analitica (retta, coniche). Prima dell'inizio delle lezioni gli studenti si sottopongono ad un test che ne accerta il livello di conoscenza . Gli studenti che non superano il test avranno un debito formativo che devono estinguere seguendo un corso di recupero con esame finale. Il superamento dell'esame finale e' condizione necessaria per poter sostenere gli altri esami del corso di laurea.
Titolo di studio rilasciato
Laurea in Fisica
Abilità comunicative
La pratica di laboratorio (che comporta la stesura di relazioni scritte per ogni esperienza ed esercizio svolto in laboratorio sotto la guida del docente) e la consuetudine di discutere i risultati con gli altri componenti del suo gruppo di laboratorio rafforzano la capacità di comunicazione verbale e scritta dello studente. Egli/ella sara' in grado di descrivere e riferire i risultati delle sue azioni e delle sue osservazioni sperimentali o dei suoi calcoli teorici; avra' inoltre la capacita' di presentare in relazioni i problemi affrontati.
Autonomia di giudizio
Il laureato dovrà essere in grado di valutare correttamente ed autonomamente le situazioni ed i risultati delle sue azioni. In questo sarà aiutato e guidato dall'aver appreso i principi e l'applicazione concreta del metodo scientifico. Il Laureato dovrà inoltre essere capace di verificare la coerenza dei risultati ottenuti, di stimare eventuali errori di natura statistica. In tutte le attivita' sopra indicate utilizzera' le esperienze acquisite nel corso di studi su come collegare e riunire in un'unica visione del problema considerazioni teoriche ed aspetti sperimentali. Tali capacita' vengono sviluppate in modo particolare tramite esercitazioni ed attivita' di laboratorio ove i risultati di ciascuna esperienza sono analizzati e presentati in relazioni scritte.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Area Generica Terminato il corso il laureato avrà sviluppato le seguenti capacità: - Utilizzo del metodo scientifico; - Svolgimento di un lavoro all'interno di un gruppo, come richiesto ad esempio in attività sperimentali di laboratorio; - Determinazione dei termini essenziali di un problema ed elaborazione di metodiche razionali e/o modelli per la sua soluzione; - Estensione delle competenze in altri campi in cui i concetti e/o le metodologie fisiche e matematiche sono un valido strumento. Discipline matematiche e informatiche Lo studente sarà in grado di: - Utilizzare correttamente il formalismo e gli strumenti di matematica di base necessari per lo sviluppo delle conoscenze di fisica classica e quantistica; - Risolvere problemi avanzati di meccanica classica col formalismo lagrangiano e hamiltoniano; - Utilizzare a un livello base alcuni dei più diffusi sistemi operativi. Discipline chimiche Lo studente sarà in grado di: - Utilizzare conoscenze di carattere chimico sia in laboratorio sia come ausilio per la comprensione di fenomeni fisici. - Risolvere problemi stechiometrici di utilità pratica. Discipline fisiche: ambito sperimentale e applicativo Lo studente sarà in grado di: - Applicare le proprie conoscenze della fisica classica per risolvere semplici problemi teorici e sperimentali in diversi settori della fisica classica; - Condurre semplici esperimenti di fisica ed analizzare i risultati; - Utilizzare in sicurezza e competentemente la strumentazione di laboratorio; - Analizzare dati ed informazioni con l'ausilio di computer; - Elaborare semplici programmi con moderni linguaggi di programmazione e risolvere (o simulare) semplici problemi di fisica con metodi numerici; - Comprendere ed utilizzare circuiti digitali ed analogici. Discipline fisiche: ambito teorico e dei fondamenti della fisica Lo studente sarà in grado di: - Stabilire quando la meccanica quantistica deve essere utilizzata; - Esporre e descrivere con chiarezza e coerenza i concetti e le idee fondamentali della meccanica quantistica; - Risolvere semplici problemi di meccanica quantistica in una e in tre dimensioni spaziali; - Applicare correttamente il formalismo matematico alla soluzione dei problemi. Discipline fisiche: ambito microfisico e struttura della materia Lo studente sarà in grado di: - Raggiungere una conoscenza operativa (compresa la capacità di valutare gli ordini di grandezza) riguardante il calcolo delle quantità fenomenologicamente rilevanti in fisica nucleare e subnucleare; - Comprendere e risolvere problemi riguardanti la struttura atomica, molecolare e dei solidi. Discipline fisiche: ambito astrofisico, geofisico e spaziale Lo studente sarà in grado di: - Applicare quanto appreso a semplici ma importanti sistemi fisici nell'ambito dell'Astronomia di base: funzionamento ed evoluzione di una stella, mezzo interstellare e astronomia extragalattica.
Capacità di apprendimento
Durante il corso di laurea lo studente ha continuamente appreso nuove tecniche sperimentali (in laboratorio) e nuove tecniche di approccio ai problemi concettuali. Una volta laureato sarà quindi preparato e predisposto mentalmente ad apprendere nuove conoscenze sia in campo teorico sia in campo sperimentale. La curiosità intellettuale stimolata dal Corso di Studio sarà per lui una naturale predisposizione all'apprendimento di nuove conoscenze anche in campi non strettamente inerenti alla fisica.
Conoscenza e comprensione
Area Generica Il laureato deve avere un'ottima conoscenza e comprensione di: - Basi della fisica e della matematica nei rispettivi aspetti concettuali, metodologici e applicativi; - Diversi settori della fisica; - Tecniche di misura in laboratorio; - Tecniche di calcolo, di misura in laboratorio, informatiche ed elettroniche per l'esame e la soluzione dei problemi da diversi punti di vista; - Basi e linguaggio della chimica e i principali processi chimici. Discipline matematiche e informatiche Conoscere e saper comprendere: - Elementi di base della matematica: Analisi matematica, algebra lineare e geometria, analisi di funzioni di variabile complessa, elementi di analisi funzionale; - Meccanica analitica; - Fondamenti dell'informatica (sistemi operativi, concetti di base dell'ITC). Discipline chimiche Conoscere e saper comprendere i principi fondamentali della chimica generale, con particolare attenzione agli aspetti chimico-fisici, alle basi atomiche della chimica, al legame chimico e alla sua correlazione con le proprietà della materia. Discipline fisiche: ambito sperimentale e applicativo Conoscere e sapere comprendere: - Basi della fisica classica: Meccanica, termodinamica, elettrodinamica, ottica e propagazione delle onde; - Tecniche sperimentali di laboratorio, esperimenti fondamentali riguardanti la meccanica classica, l'elettromagnetismo e la fisica quantistica; - Tecniche di calcolo numerico applicate a problemi della fisica; - Elementi di base dei circuiti elettronici; - Elementi di base di fisica dell'ambiente e di fisica medica. Discipline fisiche: ambito teorico e dei fondamenti della fisica Conoscere e saper comprendere: - Basi della fisica moderna: Confini della fisica classica e origini della fisica quantistica; basi della meccanica quantistica non relativistica; - Metodi matematici della fisica con riferimento in particolare agli strumenti matematici necessari per l'apprendimento del formalismo quantistico. Discipline fisiche: ambito microfisico e struttura della materia Conoscere e saper comprendere: - Basi della fisica nucleare e sub-nucleare; - Teoria della relatività ristretta; - Basi della teoria quantistica della materia. Discipline fisiche: ambito astrofisico, geofisico e spaziale Conoscere e saper comprendere: - Fondamenti dell'astrofisica e e dell'astronomia, dei suoi metodi e le sue procedure di osservazione; - Analisi ed interpretazione dei risultati.
Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati
Fisico Sono possibili sbocchi professionali in vari ambiti dell'industria, dei servizi e della pubblica amministrazione riguardanti: - fisica medica (radio-protezione) - beni culturali - risparmio energetico - attivita' industriali nel campo dell'elettronica, dell'informatica o ove siano presenti processi di misure - diffusione della cultura scientifica
Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione
ITALIANO
Competenze associate alla funzione
Fisico Il laureato in Fisica ha competenze riguardanti: - utilizzo di strumentazione di laboratorio e misure sperimentali - analisi ed elaborazione di dati - capacita' di sviluppare strategie e modelli per la risoluzione di problemi complessi Il laureato ha inoltre le competenze necessarie per l'approfondimento degli studi nel corso di laurea magistrale in fisica o in altri corsi che ammettano studenti con un curriculum in Fisica.
Funzione in contesto di lavoro
Fisico Il laureato in fisica ha un curriculum che consente di svolgere ruoli di natura tecnica in vari ambiti lavorativi legati all'utilizzo o sviluppo di modelli fisico-matematici, ad attivita' di laboratorio, attività nel campo dell'elettronica e dell'informatica.
Descrizione obiettivi formativi specifici
Gli obiettivi formativi definiti dal Corso di Laurea sono determinati in modo da fornire al laureato triennale in Fisica un curriculum adatto prima di tutto per l'approfondimento degli studi nel corso di laurea magistrale in fisica e per l'inserimento nel mondo del lavoro secondo le funzioni, competenze e sbocchi occupazionali definiti. Gli obiettivi formativi sono espletati attraverso l'acquisizione di: - una solida base di conoscenze di base della fisica classica, della fisica quantistica e della relatività speciale - ampio spettro di conoscenze di base della fisica nucleare, della fisica delle particelle elementari, della fisica della materia e dell'astrofisica che costituiscano eventualmente un punto di partenza per i corsi della laurea magistrale - una solida base di conoscenze matematiche: analisi matematica, geometria e meccanica razionale sia nei loro aspetti concettuali sia nella loro applicazione ai problemi della fisica - concetti e principi di base della chimica inorganica sia nei loro aspetti concettuali sia come ausilio in attivita' di laboratorio - buona esperienza delle tecniche di laboratorio più comuni e delle tecniche di base di informatica e di elettronica - conoscenze di base della fisica dell'ambiente e della fisica medica - familiarità con il metodo scientifico di indagine e con le sue applicazioni nella rappresentazione e nella modellizzazione della realtà fisica Il corso, della durata di tre anni, è suddiviso in semestri. L'offerta formativa e' basata su corsi relativi alle seguenti aree di apprendimento: 1) discipline matematiche e informatiche 2) discipline chimiche 3) discipline fisiche nei seguenti ambiti: sperimentale e applicativo; teorico e dei fondamenti della fisica; microfisico e della struttura della materia; astrofisico, geofisico e spaziale Durante il primo anno vengono introdotti i concetti di base della geometria, dell'analisi matematica e della fisica classica (meccanica, onde, termodinamica) accompagnati dalle basi di geometria e chimica. Il secondo anno è dedicato al completamento dello studio della fisica classica (elettromagnetismo, meccanica analitica) e delle conoscenze di base dell'analisi matematica e dei metodi matematici della fisica. Il terzo anno è infine dedicato alla meccanica quantistica e all'introduzione dei fondamenti della fisica nucleare e sub-nucleare, della fisica della materia e dell'astrofisica. Lo studio dei fenomeni fisici viene affrontato in ogni anno di corso attraverso lo svolgimento di un insegnamento basato su lezioni frontali ed un corrispondente corso di laboratorio, in modo da garantire sia la padronanza della conoscenza formale sia quella delle implicazioni pratiche dei fenomeni studiati Durante il secondo e terzo anno sono previste attività formative a scelta dello studente che permettono allo studente di estendere le conoscenze acquisite a discipline differenti - quali, ad esempio, la biofisica, la fisica medica, la conservazione dei beni culturali, la conservazione dell'ambiente, l'elettronica. Il corso si conclude con una prova finale. Tutti gli insegnamenti, a parte i laboratori, vengono svolti in un solo semestre, in modo che gli studenti possano concentrare il loro studio su due o tre insegnamenti alla volta, senza disperdere le energie o trascurare alcuni degli insegnamenti a spese di altri. Inoltre sono presenti delle rigide propedeuticità per quanto concerne gli esami, cosí da obbligare gli studenti ad acquisire le competenze nell'ordine più razionale ed evitare la dispersione su corsi per i quali non hanno basi sufficienti.