UniCa UniCa News Notizie WEAKI TRANSIT. Il futuro dell’integrazione modale

WEAKI TRANSIT. Il futuro dell’integrazione modale

Venerdì 10 giugno al Museo dell’Istituto Minerario G. Asproni di Iglesias la presentazione del Progetto di Rilevanza Nazionale (PRIN 2017) durante un convegno nazionale organizzato da Mauro Coni, Chiara Garau e Francesca Maltinti, docenti del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. Obiettivo puntato sui sistemi innovativi di mobilità condivisa nelle aree cosiddette a domanda debole
09 giugno 2022
L'immagine della locandina

Il gruppo dell’Ateneo cagliaritano porta avanti il progetto con le Università di Catania, Palermo, Enna Kore, operatori privati della mobilità e amministrazioni locali

Sergio Nuvoli

Cagliari, 8 giugno 2022 - Si terrà venerdì 10 giugno il Convegno nazionale e Sperimentazione pilota “WEAKI TRANSIT. Il futuro dell’integrazione modale nelle aree a domanda debole”, organizzato da Mauro Coni, Chiara Garau e Francesca Maltinti, docenti del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura.

L’iniziativa si svolgerà al Museo dell’Istituto Minerario G. Asproni di Iglesias, dove sarà presentato il Progetto di Rilevanza Nazionale (PRIN 2017) “WEAKI TRANSIT: WEAK-demand areas Innovative TRANsport Shared services for Italian Towns”, che il gruppo dell’Ateneo cagliaritano porta avanti assieme alle Università di Catania, Palermo, Enna Kore, agli operatori privati della mobilità e alle Amministrazioni locali.

La giornata segna una tappa importante per la diffusione dei risultati conseguiti dalle unità di ricerca e per la sperimentazione della mobilità condivisa e dell’integrazione modale. Con un unico biglietto Trenitalia, infatti, i partecipanti partiranno in treno da Cagliari verso Iglesias e da qui arriveranno a Porto Flavia con minibus e auto elettrica. L’integrazione tra più vettori consentirà di raggiungere senza l’auto privata una località non servita puntualmente dai mezzi del trasporto pubblico: un risultato reso possibile dalla proficua collaborazione tra amministrazione comunale di Iglesias, Trenitalia e i partner PlayCar e BeTools.

Chiara Garau, Mauro Coni e Francesca Maltinti
Chiara Garau, Mauro Coni e Francesca Maltinti

L’obiettivo è studiare la fattibilità, la pianificazione e la progettazione di servizi di DRST (Demand Responsive Shared Transport) che possano fornire mobilità on demand in tempo reale, attraverso flotte di veicoli in condivisione

Il contesto di riferimento del Progetto WEAKI TRANSIT è la mobilità urbana ed estesa ad aree più ampie, fondamentale per la vita cittadina ma insieme causa di esternalità negative quali inquinamento, congestione del traffico e incidenti.

Le amministrazioni pubbliche affrontano infatti quotidianamente la sfida di garantire servizi di trasporto collettivo efficienti e infrastrutture adeguate a promuovere la mobilità attiva, ciclabile e pedonale. L’uso dei veicoli privati è però quasi inevitabile nelle città con meno di 50mila abitanti, nelle zone periferiche, rurali e nelle aree urbane disperse nelle quali il trasporto pubblico non è capillare o è addirittura assente. Le innovazioni apportate dalle tecnologie e dalle esperienze della mobilità condivisa possono aiutare a risolvere il problema della mancanza di alternative all’automobile.

L’ambito di ricerca di WEAKI TRANSIT riguarda i sistemi innovativi di mobilità condivisa nelle aree cosiddette a domanda debole. L’obiettivo è studiare la fattibilità, la pianificazione e la progettazione di servizi di DRST (Demand Responsive Shared Transport) che possano fornire mobilità on demand in tempo reale, attraverso flotte di veicoli in condivisione.

Il progetto WEAKI TRANSIT intende fornire soluzioni operative in risposta alle esigenze del territorio, e per questo è condotto con una forte rete di partenariato locale, con enti territoriali e operatori privati.

(ha collaborato Maria Chiara Esposito)

Il logo del progetto
Il logo del progetto

Allegati

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 agosto 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie