UniCa UniCa News Notizie UniCa per la Giornata della Memoria

UniCa per la Giornata della Memoria

Visitabile nell’atrio di Palazzo Belgrano fino a fine mese la mostra "A 80 anni dalle leggi razziali": l’esposizione ricostruisce il clima che determinò l’emanazione delle norme per effetto delle quali vennero espulsi Doro Levi, Camillo Viterbo e Alberto Pincherle. Rimandata di qualche mese a causa della pandemia la posa delle tre pietre di inciampo con i loro nomi
26 gennaio 2022
La mostra visitabile in Rettorato fino a fine mese

L’esposizione - curata da Mariangela Rapetti, Gianluca Scroccu e Eleonora Todde, docenti del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali - ricostruisce nel dettaglio il clima culturale dell'epoca

Sergio Nuvoli

Cagliari, 26 gennaio 2022 - È visitabile nell’atrio del Rettorato dell’Università di Cagliari, fino a fine mese, la mostra "A 80 anni dalle leggi razziali". L’Ateneo cagliaritano partecipa anche in questo modo alla Giornata della Memoria 2022.

L’esposizione - curata da Mariangela Rapetti, Gianluca Scroccu e Eleonora Todde, docenti del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali - ricostruisce nel dettaglio il clima culturale dell'epoca che portò all'applicazione della norma che imponeva agli atenei italiani l'espulsione immediata dei docenti ebrei. E' possibile vedere documenti dell'Archivio storico dell'Ateneo, dell'Archivio Centrale dello Stato e dell'Archivio di Stato di Cagliari.

È stata rimandata di qualche mese la cerimonia di posa delle tre pietre di inciampo in via Università (davanti all’ingresso di Palazzo Belgrano), già programmata per ricordare i tre docenti - Doro Levi, Camillo Viterbo e Alberto Pincherle - espulsi nel 1938.

Novembre 2018: Giovanni Pincherle osserva il pannello della mostra in cui è esposto uno scritto autografo del padre
Novembre 2018: Giovanni Pincherle osserva il pannello della mostra in cui è esposto uno scritto autografo del padre

La collocazione delle pietre di inciampo rientra nel progetto “Stolpersteine”, a cui l’Ateneo ha aderito su proposta del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali

In quell’occasione si svolgerà anche un seminario di approfondimento alla presenza dei discendenti dei tre professori.

La collocazione delle pietre di inciampo, sampietrini d’ottone di piccole dimensioni opera dell’artista tedesco Gunter Demnig, con i dati biografici dei tre docenti, rientra nel progetto “Stolpersteine”, a cui l’Ateneo ha aderito su proposta del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali.

Come si ricorderà, alla fine del 2018 il Magnifico Rettore aveva formulato le scuse dell’Ateneo ai familiari dei tre docenti, durante la cerimonia di inaugurazione della mostra sulle leggi razziali, allestita anche allora nell’atrio di Palazzo Belgrano.

La mostra allestita nell'atrio di Palazzo Belgrano, sede del Rettorato di UniCa
La mostra allestita nell'atrio di Palazzo Belgrano, sede del Rettorato di UniCa

Il progetto internazionale “Stolpersteine”

Conosciuto in Italia come “Pietre d’inciampo” (www.stolpersteine.eu), è nato da un’idea dell’artista tedesco Gunter Demnig per commemorare le vittime delle persecuzioni nazifasciste per motivi di religione, razza, idee politiche, condizioni di salute e orientamenti sessuali.

Le Pietre d’inciampo sono oggi oltre 70.000 in tutta Europa, fra cui circa 1.300 in Italia. Le Pietre sono state già installate in numerosi comuni italiani, fra i quali Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma e Torino, e anche presso diversi atenei italiani, fra i quali Venezia-Ca’ Foscari e Padova, in questi casi in memoria dell’ingiusta espulsione dei docenti di origine ebraica in seguito alle Leggi razziali del 1938.

Link

Ultime notizie

22 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionario e social

Condividi su: