UniCa UniCa News Notizie Storia dell'arte, la prima laurea magistrale in Sardegna

Storia dell'arte, la prima laurea magistrale in Sardegna

Martedì 19 luglio alle 10.30 alla Cittadella dei Musei la presentazione del nuovo corso di studi attivato in Facoltà di Studi umanistici dal Dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali diretto da Ignazio Putzu. Un'iniziativa molto attesa dagli studenti, che ha richiesto un accurato lavoro di preparazione da parte di un team di docenti. L'obiettivo è formare professionisti che potranno trovare occupazione nelle soprintendenze e, più in generale, nell'organico del Ministero della Cultura, in musei, gallerie d'arte, monumenti, nelle biblioteche specializzate e nell’ampio settore dell’industria culturale
18 luglio 2022
storia arte.png

Il prorettore alla Didattica: "Dallo studio e dal recupero del patrimonio artistico deriva per i nostri giovani una straordinaria opportunità di valorizzazione dei beni artistici sul piano culturale quindi socioeconomico"

Cagliari, 18 luglio 2022 - Martedì 19 luglio, alle 10.30, nel Giardino interno del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali della Cittadella dei Musei, in Piazza Arsenale a Cagliari, si terrà l’incontro di presentazione del nuovo corso di laurea magistrale in Storia dell’Arte dell’Università di Cagliari.

Per la prima volta in Sardegna un corso di laurea è interamente dedicato ai diversi aspetti del patrimonio storico-artistico e formerà professionisti che potranno trovare occupazione nelle soprintendenze e, più in generale, nell'organico del Ministero della Cultura, in musei, gallerie d'arte, monumenti, nelle biblioteche specializzate e nell’ampio settore dell’industria culturale. Gli insegnamenti erogati all’interno del nuovo percorso di studi permetteranno, inoltre, ai laureati di accedere alle classi dell’insegnamento della Storia dell’arte nelle scuole secondarie di secondo grado.

“Il corso di studi magistrale in Storia dell’arte nasce con un profilo di forte innovatività nei contenuti, nelle metodologie e negli approcci scientifici e didattici – evidenzia Ignazio Putzu, prorettore alla Didattica dell’Università di Cagliari e direttore del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali, struttura cui il corso afferisce – la sua didattica avanzata ha come obiettivo la formazione di specialisti in grado di affrontare un’ampia gamma di problemi connessi alla conservazione, al restauro, alla musealizzazione, alla gestione e alla valorizzazione del patrimonio storico artistico. Si tratta di figure preziose per tutelare e valorizzare il patrimonio artistico, di cui ha forte bisogno, in particolare, il contesto regionale sardo, erede di un patrimonio artistico importante e talvolta addirittura straordinario ma che spesso è poco studiato e bisognoso di restauro e tutela. Dallo studio e dal recupero di tale patrimonio deriva per i nostri giovani una straordinaria opportunità di valorizzazione dei beni artistici sul piano culturale quindi socioeconomico: per fare un esempio tra i tanti possibili, si pensi alle ricadute nell’ambito del turismo colto internazionale”.

Il Prorettore alla didattica Ignazio Putzu
Il Prorettore alla didattica Ignazio Putzu

“Siamo contenti - commenta Rita Pamela Ladogana, docente di Storia dell’arte contemporanea e membro del comitato promotore della nuova laurea - di poter finalmente rispondere alle richieste degli studenti"

“Giunge a compimento – ricorda Carlo Lugliè, che ha coordinato in questi anni il percorso istitutivo del nuovo corso di laurea - un lungo lavoro progettuale che ha coinvolto i rappresentati delle istituzioni del territorio e del mondo del lavoro: il corso che nasce risponde pienamente alle recenti indicazioni ministeriali che definiscono in dettaglio conoscenze, competenze e abilità dei professionisti che intendono operare nel campo della storia dell’arte”.

“Siamo contenti - commenta Rita Pamela Ladogana, docente di Storia dell’arte contemporanea e membro del comitato promotore della nuova laurea - di poter finalmente rispondere alle richieste degli studenti, che da tempo premevano per poter fruire di una formazione specialistica concentrata sulle discipline storico-artistiche”.

Per Fabio Pinna, coordinatore del corso, “Punti di forza del nuovo percorso formativo biennale saranno gli insegnamenti che permetteranno di acquisire conoscenze e competenze di livello avanzato sulla storia dell’arte dal medioevo all’età contemporanea, anche con l’introduzione di nuove discipline come Digitalizzazione dei beni storico-artistici, Storia delle esposizioni e pratiche curatoriali, Storia delle arti minori, Management e Comunicazione dei beni culturali”.

La notizia della presentazione rilanciata da "L'Unione Sarda" il 18 luglio in tutte le edicole della Sardegna
La notizia della presentazione rilanciata da "L'Unione Sarda" il 18 luglio in tutte le edicole della Sardegna

Il percorso di studi si avvarrà delle collaborazioni con enti pubblici e privati, musei e altre istituzioni culturali e beneficerà della possibilità di studiare e di fare esperienza nelle realtà museali dell’ateneo cagliaritano

“Oltre alle lezioni in aula - sottolinea Andrea Pala, uno dei promotori del corso e docente specializzato nei temi dell’arte medievale - le attività formative sono orientate a far conoscere attraverso lo studio sul campo, workshop e la partecipazione diretta ai progetti di ricerca il ricchissimo patrimonio storico-artistico dell’isola, inserito nello scenario internazionale”.

Il percorso di studi si avvarrà delle collaborazioni con enti pubblici e privati, musei e altre istituzioni culturali e beneficerà della possibilità di studiare e di fare esperienza nelle realtà museali dell’ateneo cagliaritano, come il MUACC Museo Universitario delle Arti e Culture Contemporanee e la Collezione Sarda Luigi Piloni.

Durante l’incontro di presentazione saranno forniti i dettagli relativi al percorso formativo e tutte le informazioni su requisiti di accesso e le scadenze per l’iscrizione al nuovo corso. Sarà inoltre illustrato il nuovo sito web e presentati gli spazi della Cittadella dei Musei dedicati alla didattica e allo studio personale.

Andrea Pala, docente di Storia dell'Arte medievale, uno dei promotori del nuovo corso di laurea
Andrea Pala, docente di Storia dell'Arte medievale, uno dei promotori del nuovo corso di laurea

Allegati

Ultime notizie

06 ottobre 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

05 ottobre 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 ottobre 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie