UniCa UniCa News Notizie Ricerca scientifica e protezione ambientale a difesa degli ecosistemi fluviali

Ricerca scientifica e protezione ambientale a difesa degli ecosistemi fluviali

L’Università di Cagliari ha sottoscritto una convenzione con la Libera associazione guide ambientali-escursionistiche professioniste per sviluppare un progetto mirato al monitoraggio sull’impoverimento biologico delle acque interne e sulle conseguenze dovute all’impatto di attività turistiche e sportive che comportano possibili danni alla fauna e alla flora che vivono in questi delicati ambienti. Lo studio affidato agli esperti del Dipartimento di Scienze della vita e dell'ambiente, guidati dal professor Andrea Sabatini
11 luglio 2022
In aumento le attività escursionistiche e sportive lungo i corsi d'acqua interni, che offrono possibilità e scenari naturali di grande respiro

UNICA E LAGAP. Con la stipula della convenzione il Dipartimento di Scienze della vita e dell’ambiente dell’Università di Cagliari e Libera associazione guide ambientali-escursionistiche professioniste inizia anche in Sardegna un progetto di studio degli impatti sugli ecosistemi delle acque interne derivato da attività turistiche. Il progetto sarà curato dal ricercatore Andrea Sabatini dell’Università di Cagliari e dal suo staff, in stretta collaborazione con le guide afferenti a Lagap.
 
L’UNITÀ DI RICERCA
di UniCa, collegata con una rete di scienziati europei, è impegnata da anni in progetti di ricerca per la salvaguardia degli ecosistemi: in particolare della trota sarda e del suo ambiente, legato alle acque dolci. Proprio da queste accurate ricerche è emerso che diverse minacce, presenti nel tempo, hanno messo a serio rischio la specie. L’intervento delle istituzioni, sollecitate dai ricercatori dell’ateneo cagliaritano, ha permesso di ottenere i primi risultati per il mantenimento di questa specie autoctona molto rara, fondamentale per l’equilibrio dell’ambiente fluviale sardo.
 
OBIETTIVI. Partendo appunto dall'esperienza del gruppo di ricerca e dal suo valore assoluto a livello internazionale, si è individuato l’obiettivo principale del progetto: valutare in maniera scientifica ed oggettiva l’impatto delle attività turistiche sugli ecosistemi delle acque interne, con particolare riferimento alla frequentazione di corsi d’acqua con portate d’acqua variabili nel tempo e con momenti forte scarsità, soprattutto nei periodi estivi, nei periodi di massimo carico turistico; a causa anche del rilancio del turismo di prossimità, in conseguenza del Covid, con la ricerca di momenti turistici esperienziali, i corsi d’acqua sono stati riscoperti, sono sempre più utilizzati per attività ludico-ricreative. Tutto questo, visti anche i numeri bassi del recente passato di queste attività, attualmente senza nessuna esperienza diretta di buone prassi e soprattutto senza nessuna regolamentazione. Il fine dichiarato è, dunque, di riunire risorse e professionalità, contribuendo in tal modo alla reale salvaguardia, alla valorizzazione della biodiversità e delle caratteristiche peculiari di questi ecosistemi; sempre in un’ottica della creazione di modelli scientifici a supporto di una fruizione realmente sostenibile, con valori e indicazioni basate su valutazioni scientifiche e senza preconcetti, del territorio.

Uno studio per diffondere buone prassi e rendere sempre più fruibili in modo consapevole e responsabile le risorse ambientali, secondo un’ottica di eco-sostenibilità e protezione dell’ambiente

«Da diversi anni in Italia si è sviluppato un sistema di escursioni e attività varie in fiumi e torrenti - a parlare è Giovanni Pischedda, naturalista e presidente nazionale Lagap - e come guide siamo i primi ad avere dubbi sulla correttezza di come a volte vengono organizzate». Occorre infatti cominciare a ripensare queste forme di turismo in tutte le aree che, come la Sardegna, con il cambiamento climatico presentano una maggiore diminuzione della portata d’acqua nei mesi estivi (periodo in cui vengono perlopiù svolte le attività escursionistiche), in un’ottica principalmente di conservazione e rispetto per l’ambiente naturale. «L’attenzione per un ambiente in grado di assorbire senza traumi le attività turistiche, per una guida, è paragonabile all’attenzione che qualsiasi professionista ha per il proprio luogo di lavoro».
 
«Questo studio - così spiega Andrea Sabatini, responsabile del gruppo di ricerca di UniCa - non è indirizzato alla richiesta di divieti indiscriminati, ma sarà un punto di partenza per affrontare in modo scientifico gli impatti negativi che possono essere generati sul territorio da una fruizione non consapevole e soprattutto non sopportabile a livello ambientale. Il progetto di ricerca produrrà necessariamente una proposta di regolamentazione sostenibile degli ambienti legati alle acque interne, in modo particolare fiumi e torrenti, con il proposito di sensibilizzare le istituzioni e tutti sull’importanza del mantenimento di buoni standard di naturalità dei nostri corsi d’acqua».

Convenzione UniCa-Lagap. Da sinistra Giovanni Pischedda e Andrea Sabatini
Convenzione UniCa-Lagap. Da sinistra Giovanni Pischedda e Andrea Sabatini

Senza dati e considerazioni scientifiche, si rischia di lasciar danneggiare delicati ecosistemi, letteralmente stravolti da visioni e spinte lobbystiche squisitamente commerciali, più sensibili alla remunerabilità che ai temi naturali. Richiede attenzione anche lo sfruttamento sportivo, come nel caso del settore pesca, per le conseguenze fortemente impattanti, come si può riscontrare in alcune acque interne italiane.

Ultime notizie

06 ottobre 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

05 ottobre 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

05 ottobre 2022

Innovation Campus, Samsung e Università di Cagliari annunciano la prossima edizione

Mentre è in conclusione il corso 2022 - a fine ottobre le premiazioni dei migliori finalisti - l'ateneo e la company coreana confermano l'iniziativa anche per il 2023. Intelligenza artificiale e Internet of things al centro dei training a cui potrà partecipare gratuitamente una selezione di studenti e studentesse provenienti dalle facoltà STEM di UniCa. Il prorettore vicario con delega all'ICT, Gianni Fenu: "Un’ulteriore esperienza di crescita per i partecipanti, in termini di arricchimento professionale e funzionale al miglior inserimento nei contesti lavorativi pubblici e privati”

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie