UniCa UniCa News Notizie Ricerca, la spettroscopia ultraveloce svela i segreti dei documenti antichi

Ricerca, la spettroscopia ultraveloce svela i segreti dei documenti antichi

Dalle competenze del Cesar e degli specialisti del dipartimento di Fisica dell’ateneo, in sintonia con la Biblioteca centrale di Cagliari, lo studio che propone per la prima volta un modello di datazione dei beni culturali. Il plauso della comunità accademica e la pubblicazione sulla rivista “Dyes and pigment”
28 settembre 2020
Monserrato (Ca). Veduta notturna del Centro servizi d'ateneo per la ricerca

Intuito, preparazione, intesa di pregio tra fisici e specialisti del Cesar

Mario Frongia

Arriva dal gruppo dei fisici con il fondamentale impiego delle potenzialità offerte dal Cesar (Centro d’ateneo servizi per la ricerca) lo studio che sta scuotendo esperti e comunità scientifica e apre nuove opportunità nel campo dei beni culturali. L ’articolo “Time through colors: a kinetic model of red vermilion darkening from Raman spectra” pubblicato sulla rivista internazionale “Dyes and pigments”, è frutto degli studi condotti dai docenti Daniele Chiriu, Pier Carlo Ricci, Carlo Maria Carbonaro e Giancarlo Cappellini. Al lavoro - svolto in proficua sintonia con la Biblioteca centrale di Cagliari - hanno collaborato anche Marco Marceddu, Marco Pala e Francesca Pisu. Una squadra motivata e vincente su più fronti, abile nel consolidare reputazione e accreditamento delle ricerche condotte all’Università del capoluogo regionale.   

Testo di pregio conservato nella Biblioteca centrale: "Opus de intellectu et de causis mirabilium effectuum" (Andrea Cattaneo - 1511)
Testo di pregio conservato nella Biblioteca centrale: "Opus de intellectu et de causis mirabilium effectuum" (Andrea Cattaneo - 1511)

Tecniche ottiche e metodiche avanzate: le nuove frontiere con le spettroscopie Raman e pump-probe

La ricerca propone un modello di datazione e studio del degrado di pigmenti antichi con l’applicazione di tecniche ottiche come la spettroscopia Raman e la spettroscopia ultraveloce pump-probe. Con l’utilizzo del pump-probe gli scienziati hanno potuto confermare i cambiamenti di fase cristallina dovuti all’annerimento del rosso vermiglio (cinabro) creato artificialmente in laboratorio su campioni sintetici. I risultati ottenuti consentono di avere informazioni su datazione, conservazione e restauro di pigmenti antichi. Il paper è stato redatto dal pool di specialisti che opera nei laboratori della Cittadella universitaria di Monserrato.

Una fase dei lavori di ricerca
Una fase dei lavori di ricerca

Il cinabro, dal Rinascimento al Terzo millennio

La ricerca sui principali pigmenti storici (dal 2018 a quest’estate) si è svolta nell’ambito di una convenzione tra dipartimento di Fisica e Biblioteca Universitaria. L’intesa prevede lo studio di manoscritti e stampati antichi di pregio conservati nella Biblioteca. “Lo studio - spiega Daniele Chiriu, primo firmatario del lavoro - ha riguardato la caratterizzazione di inchiostri rossi realizzati con il Cinabro, pigmento noto anche come Rosso Vermiglio, utilizzato specie in epoca rinascimentale da Raffaello, Tiziano, Botticelli. L’analisi di questo pigmento ha riguardato le sue proprietà di fotodegradazione, annerimento dovuto all’effetto dell’invecchiamento e dell’esposizione alla luce”. Dai grandi del Rinascimento alle ricerche del terzo millennio. “Il problema dell’annerimento del Cinabro costituisce tuttora un fenomeno non completamente compreso e soprattutto di difficile eliminazione. L’attività di ricerca, svolta al dipartimento di Fisica e al Cesar, propone una serie di caratterizzazioni ottiche del materiale attraverso tecniche non distruttive e non invasive come la Spettroscopia raman, l’Assorbimento transiente e la Riflettività. Lo studio di alcuni parametri caratteristici ha permesso di sviluppare un modello matematico in grado di fornire importanti indicazioni sullo stato di conservazione del reperto. L’azione combinata delle tecniche di indagine adottate, unita allo sviluppo del modello matematico, permetterebbe di avere importanti informazioni sulla datazione di campioni antichi.

Da sinistra, Marco Marceddu, Daniele Chiriu e Carlo Maria Carbonaro
Da sinistra, Marco Marceddu, Daniele Chiriu e Carlo Maria Carbonaro

Beni culturali, collaborazione, approccio multispecialistico in ateneo

“I risultati di una ricerca condotta con l’impiego, tra l'altro, per la prima volta della spettroscopia ultra-veloce del nostro Centro. Lo studio - dice Roberta Vanni, direttore del Cesar - costituisce il primo esempio isolano dell’utilizzo della tecnica pump-probe nel settore dei beni culturali. Sono state utilizzate le più avanzate tecnologie e le relative competenze ed è stato possibile confermare i cambiamenti di fase cristallina dovuti all’annerimento del rosso vermiglio (cinabro) creato artificialmente in laboratorio su campioni sintetici. I risultati ottenuti consentono di avere informazioni fondamentali sui pigmenti antichi. In definitiva - conclude a professoressa Vanni - un bell'esempio di collaborazione tra aree scientifiche apparentemente lontane ma strettamente legate quando la scienza si serve dell'approccio multidisciplinare, sempre più praticabile nel nostro ateneo grazie a strumentazioni e competenze di alto livello disponibili al Cesar”.

Informazioni: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0143720820315631?via%3Dihub

 

Da sinistra, Il rettore Maria Del Zompo con Roberta Vanni
Da sinistra, Il rettore Maria Del Zompo con Roberta Vanni

Ultime notizie

24 ottobre 2020

Cda dell’ERSU, si va al ballottaggio

Martedì 27 ottobre i docenti e i ricercatori dell’Ateneo di nuovo alle urne (elettroniche) dalle 9 alle 18 per scegliere chi – tra Barbara Barbieri e Antioco Floris – li rappresenterà nel Consiglio di amministrazione dell’Ente regionale per il diritto allo studio per il triennio 2020/23. Tutti i dettagli del primo turno: ha partecipato al voto più del 43% degli aventi diritto

23 ottobre 2020

Beni e servizi, il paradosso della crescita economica

Il cambiamento del peso di un singolo settore della struttura produttiva di un Paese può incidere sulla crescita economica? Il prestigioso American Economic Journal: Macroeconomics pubblica un lavoro scientifico di Alessio Moro, docente al Dipartimento di Scienze economiche e aziendali, e Miguel Leon-Ledesma (Università of Kent e visiting scientist di UniCa) che studia come mai scoperte tecnologiche rivoluzionarie non corrispondono sempre a una crescita del sistema economico. L'articolo inserito tra gli highlights di ricerca della rivista. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: