UniCa UniCa News Notizie Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano
08 agosto 2022
Il gruppo di lavoro sul campo che vede coinvolti l'Università di Cagliari e il CNR ISPC di Potenza | © AirLab CNR ISPC

La capacità del LiDAR di penetrare all’interno della vegetazione, filtrandola opportunamente con raffinati algoritmi di elaborazione, consente di riportare alla luce strutture archeologiche e variazioni topografiche

Sergio Nuvoli


Nell’ambito del Nuraghe project, risultato vincitore della call nazionale 2021 per l’accesso ai laboratori mobili di E-RIHS.it, il nodo italiano dell’Infrastruttura di ricerca europea per l’Heritage Science, coordinato da Costanza Miliani, direttrice del CNR ISPC, è stata messa in campo la tecnologia LiDAR (Laser Imaging Detection and Ranging) per l’indagine di siti archeologici coperti da vegetazione, offerta in accesso dal CNR ISPC della sede di Potenza.

La capacità del LiDAR di penetrare all’interno della vegetazione, filtrandola opportunamente con raffinati algoritmi di elaborazione, consente di riportare alla luce strutture archeologiche e variazioni topografiche di interesse culturale non note o conosciute parzialmente a causa della grande difficoltà di rilevarle da terra.

Tale tecnologia utilizzata su piattaforma aerea sta aprendo nuove importanti prospettive di ricerca negli studi sul passato umano in tutto il mondo: dal Sud America al Meso America, dal Sudest Asiatico all’Europa.

Il LiDAR da drone, rispetto a quello da aereo, offre ulteriori opportunità legate ad una maggiore risoluzione spaziale dei risultati e alla possibilità di effettuare più rilievi sia per migliorare la qualità delle informazioni sia per effettuare eventuali monitoraggi.

Modelli digitali del sito con la vegetazione (DEM) e dopo la rimozione della vegetazione (DTM) | © AirLab CNR ISPC
Modelli digitali del sito con la vegetazione (DEM) e dopo la rimozione della vegetazione (DTM) | © AirLab CNR ISPC

“La collaborazione tra l’Università di Cagliari e il CNR ISPC - sottolinea Riccardo Cicilloni, responsabile delle attività di scavo - si è dimostrata preziosa e foriera di grandi novità"

L’impiego del LiDAR da drone è attualmente utilizzato dal laboratorio di ricerca AirLab, diretto da Nicola Masini, dirigente di ricerca del CNR ISPC di Potenza. Si tratta di una piattaforma su droni per l’acquisizione di dati telerilevati con sensori attivi e passivi, parte della piattaforma aerea del MOLAB, finanziata dal Ministero dell'Università e della Ricerca (MUR) attraverso l’azione del PON Ricerca e Innovazione 2014-2020 finalizzata al potenziamento di infrastrutture di ricerca, con il progetto SHINE.

Grazie alle facilities e alle competenze del CNR ISPC è stato così indagato il sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde, in provincia di Oristano, nel quale Riccardo Cicilloni, docente di preistoria e protostoria all’Università di Cagliari, conduce ricerche e scavi dal 2013 grazie ad una concessione di scavo del Ministero della Cultura (MIC) e al sostegno logistico e finanziario del Comune di Villa Verde.

Il sito si trova in un'area prevalentemente vulcanica, nella quale le ricerche archeologiche hanno evidenziato come l'area fosse intensamente popolata, durante l'età del bronzo e del ferro (XVIII-VIII secolo a.C.), da numerosi siti nuragici. Tra questi spicca il sito di Bruncu 'e s'Omu, caratterizzato da un monumentale Nuraghe e un insediamento capannicolo del periodo del Bronzo Finale (1150-900 a.C.), tuttora in corso di scavo da parte dell’Università di Cagliari.

“La collaborazione tra l’Università di Cagliari e il CNR ISPC - sottolinea Riccardo Cicilloni, responsabile delle attività di scavo - si è dimostrata preziosa e foriera di grandi novità, sia dal punto di vista metodologico che da quello della ricerca applicata, con la scoperta di inediti e importanti siti dell’età del Bronzo. I risultati della campagna di ricerca effettuati dagli scienziati del nodo italiano di E-RIHS presso CNR ISPC, sotto la direzione di Nicola Masini, in collaborazione con il nostro ateneo, sono stati anche illustrati al  Rettore Francesco Mola, in visita al sito di Bruncu ‘e s’Omu nelle scorse settimane, il quale ha mostrato grande interesse per i risultati conseguiti e ha auspicato una continuazione della proficua collaborazione tra i due enti”.

Dettaglio del risultato da LiDAR delle indagini svolte presso il sito di Bruncu 'e s'Omu, Villa Verde, Oristano (Sardegna) | © AirLab CNR ISPC
Dettaglio del risultato da LiDAR delle indagini svolte presso il sito di Bruncu 'e s'Omu, Villa Verde, Oristano (Sardegna) | © AirLab CNR ISPC

L’obiettivo dei rilievi LiDAR, integrati con prospezioni multispettrali e nell’infrarosso termico da drone, è stato di allargare il campo di indagine in un’area densamente boscata, difficile da indagare con metodi tradizionali

L’obiettivo dei rilievi LiDAR, integrati con prospezioni multispettrali e nell’infrarosso termico da drone, è stato di allargare il campo di indagine in un’area densamente boscata, difficile da indagare con metodi tradizionali di ricognizione e di rilievo topografico.

I rilievi LiDAR da drone eseguiti con un’elevata densità di punti, opportunamente elaborati con procedimenti di estrazione automatica, incluso tecniche di machine learning, hanno evidenziato numerose variazioni topografiche e micro topografiche. I dati ottenuti, associati alle ricognizioni da terra sono risultati di notevole interesse archeologico. Tra questi spiccano le rovine di un Nuraghe e le strutture di due insediamenti capannicoli.

“La straordinaria ed inaspettata scoperta – afferma Nicola Masini, responsabile scientifico delle indagini - evidenzia da un lato le grandi potenzialità del LiDAR su drone che per la prima volta è stato applicato in contesti nuragici, dall’altro allarga l’area di indagine, ponendo nuove domande sulla funzione e l’importanza del sito di Bruncu 'e s'Omu”.

“Un aspetto importante del LIDAR – continua Masini - è l’elaborazione e classificazione delle nuvole di punti specie in contesti, come quello nuragico, caratterizzati da una densa vegetazione da dover digitalmente ‘rimuovere’ al fine di visualizzare le variazioni microtopografiche per una sua efficace interpretazione archeologica.”

Visualizzazione in tempo reale delle aree rilevate nell'infrarosso termico | © AirLab CNR ISPC
Visualizzazione in tempo reale delle aree rilevate nell'infrarosso termico | © AirLab CNR ISPC

“La scoperta delle strutture inedite presso il sito di Bruncu ‘e s’Omu dell’età del bronzo – conclude Costanza Miliani, direttrice del CNR ISPC e coordinatrice del nodo italiano E-RIHS.it - è stata resa possibile grazie all’impiego del MOLAB"

“Mediante procedure di enhancement ed estrazione automatica dei dati, integrate con la classica attività di ricognizione archeologica si è raggiunto il giusto equilibrio tra l’esigenza di ridurre il ‘rumore’ e quella di enfatizzare le feature microtopografiche di interesse archeologico”, dichiara Nicodemo Abate, assegnista di ricerca del nodo E-RIHS.it presso il CNR ISPC di Potenza, grazie ai finanziamenti del MUR per il rafforzamento del capitale umano delle infrastrutture di ricerca.

“La scoperta delle strutture inedite presso il sito di Bruncu ‘e s’Omu dell’età del bronzo – conclude Costanza Miliani, direttrice del CNR ISPC e coordinatrice del nodo italiano E-RIHS.it - è stata resa possibile grazie all’impiego del MOLAB, i laboratori mobili dell’infrastruttura di ricerca per le scienze del patrimonio che, guidata dal CNR con un modello di accesso aperto alla comunità scientifica nazionale ed interazionale, promuove ricerche interdisciplinari in cui le metodologie di indagine più innovative sono impiegate per ricerche di base ed applicate per la conoscenza, la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale”.

Ultime notizie

27 settembre 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 settembre 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

27 settembre 2022

EDUC Entrepreneurship Days

Mercoledì 28 e giovedì 29 settembre si svolgono gli EEDays, organizzati dal team Educ dell'Università di Cagliari con il coordinamento della prorettrice all’Internazionalizzazione, Alessandra Carucci, in collaborazione con il Centro per l'Innovazione e l'imprenditorialità (Crea) di UniCa. Partecipano studenti e studentesse, dei diversi atenei europei partner dell'alleanza, che avranno modo di incontrare e confrontarsi con il mondo dell'imprenditoria e della ricerca

27 settembre 2022

Sharper 2022, la ricerca tra salute, guerra, formazione avanzata, clima e scienza

Presentata all’Orto botanico la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori che si tiene venerdì prossimo. Stili di vita, bullismo, robotica, astronomia, lotta al cancro, istruzione in carcere. Eventi divulgativi, laboratori, giochi per i bimbi curati dagli specialisti dell’ateneo, di enti culturali e di ricerca. “Raccontare e coinvolgere, la nostra missione nella e per la scienza” le parole di Francesco Mola e Luciano Colombo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie