UniCa UniCa News Notizie Notte dei ricercatori, il progetto europeo Sharper torna nell’ultimo weekend di settembre

Notte dei ricercatori, il progetto europeo Sharper torna nell’ultimo weekend di settembre

Superata al meglio la sfida dell’edizione online 2020, l’Università di Cagliari riparte in prima fila. Tra i bersagli gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. La Commissione Europea ha dato l’ok agli eventi, che si terranno in sedici città e dieci regioni. “Lavoriamo per comunicare una scienza coinvolgente e accessibile” dice il prorettore Luciano Colombo
01 giugno 2021
La Notte, tra ricerca, inclusione e futuro

Idee, progetti, percorsi scientifici che coinvolgono e calamitano le attenzioni delle comunità

Mario Frongia

La Notte Europea dei Ricercatori. Ha conquistato le attenzioni delle municipalità, coinvolto atenei e centri di ricerca, aggregato e condiviso esperienze con le scuole. La Notte europea dei ricercatori dà l’accelerata vincente dopo l’edizione online del 2020: una sfida superata brillantemente su tutti i fronti. Adesso si riparte: venerdì 24 settembre la Notte riprenderà con eventi in sedici città in dieci regioni. Il tutto tenendo conto di quelle che saranno le norme antipandemia. Il percorso di uno dei principali eventi internazionali dedicati al dialogo tra ricerca e cittadini, promossi nell’ambito delle azioni Marie Curie, trova all’Università di Cagliari idee e linfa per un ulteriore balzo in avanti a favore della popolazione universitaria e delle nuove generazioni. L’ateneo del capoluogo è capofila di una rete ricca e variegata che include Infn, Inaf, Sardegna Ricerche, le associazioni Scienza Società Scienza e Laboratorio Scienza, Sardegna Teatro, i comuni di Cagliari e Nuoro, il consorzio universitario UniNuoro.

 

Cagliari. La Notte dei ricercatori 2018 in piazza Garibaldi
Cagliari. La Notte dei ricercatori 2018 in piazza Garibaldi

Tra ambiente, tecnologie e medicina. Con uno sguardo alle sfide locali e internazionali

"Immaginiamoci comunicatrici e comunicatori della scienza che, con un approccio coinvolgente e accessibile, possano contribuire alla riuscita di quella che immagino come una festa diffusa” spiega il prorettore per la Ricerca dell'Università di Cagliari, Luciano Colombo. Un unico e gioioso scenario, capace di catalizzare le attenzioni delle comunità locali. Un movimento propulsivo che avvicini ai laboratori e alle aule, connetta cittadini e nuove generazioni a tematiche attuali e fortemente impattanti sulla quotidianità. “L’idea insita nella Notte è quella di presentare a un pubblico non specialistico alcuni aspetti delle nostre ricerche, cercando di intercettare diverse fasce di età e raggiungendo non solamente gli appassionati, ma anche le persone più difficili da coinvolgere, ma - rimarca il professor Colombo - preoccupate dalle attuali sfide ambientali, tecnologiche, mediche e sociali”.

 

 

Luciano Colombo. Lo studioso insegna Fisica della materia
Luciano Colombo. Lo studioso insegna Fisica della materia

Cagliari, Nuoro e Sassari in prima fila sul sentiero dell divulgazione e dell'avvicinamento alla ricerca

Sharper si svolgerà ad Ancona, Camerino, Cagliari, Catania, Genova, L’Aquila, Macerata, Nuoro, Palermo, Pavia, Perugia, Sassari, Terni, Torino, Trento e Trieste con il coordinamento dall’impresa sociale Psiquadro. L’impresa è al lavoro con il consorzio che comprende l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), il centro della scienza Immaginario Scientifico, l’associazione Observa Science in Society, il Muse (Museo delle scienze) e gli atenei Politecnica della Marche, Università di Cagliari, Catania, Palermo e Perugia, Politecnico di Torino. Oltre 120 le istituzioni, i partner culturali gli enti di ricerca coinvolti. Tra questi, Cnr, Inaf e Ingv, pronti a riportare nelle piazze e nei laboratori le oltre 200 iniziative previste e a sviluppare creativamente le nuove forme di interazione digitale felicemente sperimentate nell’edizione 2020.   

 

 

 

La Notte si svolgerà in sedici città di dieci regioni italiane
La Notte si svolgerà in sedici città di dieci regioni italiane

Il Sustainable development goals al centro delle iniziative di un'eccellenza in ambito continentale

Tra i progetti italiani approvati dalla Commissione il progetto Sharper, coordinato dalla società di comunicazione della scienza Psiquadro, si è classificato tra le eccellenze con il massimo del punteggio tra gli oltre cento progetti al via. L’appuntamento rinnova l’attenzione verso il rapporto tra ricercatori e le sfide dei Sustainable development goals. All’indomani della crisi globale innescata dalla pandemia, emerge con sempre maggiore evidenza il ruolo dei ricercatori come mediatori consapevoli tra le comunità di cittadini e le sfide imposte dalla contemporaneità, tradotte dagli Obiettivi di Sviluppo sostenibile in prospettive per il futuro: dal diritto alla salute a un’educazione di qualità per tutti, dall’urgenza delle questioni climatiche alle tematiche legate al gender gap. Approfondire la riflessione sugli Obiettivi  rappresenterà anche l’occasione per proiettare il progetto nell’orizzonte temporale dell’Agenda 2050.

 

 

Cagliari. Un'immagine eloquente, tratta dalla Notte del 2018, anche sul concetto di festa auspicato dal professor Colombo
Cagliari. Un'immagine eloquente, tratta dalla Notte del 2018, anche sul concetto di festa auspicato dal professor Colombo

L’intesa tra accademia e centri urbani con il coinvolgimento delle nuove generazioni

La Notte europea dei ricercatori ha per capofila nazionale Psiquadro. “Everywhere is a lab” è lo slogan utilizzato da Sharper per sintetizzare come la comunità accademica e la cittadinanza possano, insieme, affrontare le sfide del futuro in diversi ambiti disciplinari. L’evento è curato dallo staff della direzione Ricerca e territorio, guidata da Gaetano Melis, con la supervisione del prorettore Luciano Colombo. L’Università di Cagliari ha maturato al riguardo esperienze di alto profilo. Dall’intesa consolidata degli eventi con le municipalità e le scuole al proficuo inserimento degli eventi e delle iniziative nel contesto urbano, fino alla basilare promozione e divulgazione delle attività di ricerca dell’ateneo.  

Informazioni. pcarboni@amm.unica.it; info@psiquadro.biz; comunicazione@psiquadro.it

 

Sharper, filo verde tra studiosi e cittadini
Sharper, filo verde tra studiosi e cittadini

Ultime notizie

27 novembre 2021

Smart Grid Technologies, evento conclusivo del MOST project

Si svolgerà lunedì 13 dicembre alle 14 il webinar “The Smart Grid as Digital Superhero leading the Energy Transition", appuntamento conclusivo del master dedicato alla formazione di esperti ed esperte nella progettazione e gestione di tecnologie per le reti elettriche di nuova generazione. Il corso di alta formazione è coordinato dall'Università degli Studi di Cagliari e vede la partecipazione di atenei, enti di ricerca e imprese internazionali

27 novembre 2021

«Tecnologia è Biologia», una conferenza alla Fondazione di Sardegna

Venerdì 3 e sabato 4 dicembre dalle 18, nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna a Cagliari, si svolgerà l'iniziativa dedicata alla conoscenza nell'era digitale con il coordinamento scientifico di Silvano Tagliagambe, l'organizzazione di Kitzanos e EjaTv, il sostegno della Fondazione e il patrocinio dell'Università degli Studi di Cagliari. Previsti gli interventi del Magnifico Rettore, Francesco Mola, e della viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde

27 novembre 2021

Orto Botanico e Musei cittadini, verso il biglietto unico

Definito nei giorni scorsi un accordo che fa muovere i primi passi all'intesa firmata qualche settimana fa tra il Rettore Francesco Mola e il Sindaco Paolo Truzzu: Comune e Università favoriscono le visite ai beni culturali introducendo una speciale scontistica a favore di chi visita prima il polmone verde dell'Ateneo e poi i siti di proprietà del Comune, e viceversa. Cresce la sinergia a favore della cultura e della ricerca scientifica: la soddisfazione del Rettore, del Sindaco e dell'Assessora alla Cultura

26 novembre 2021

Cultura, formazione, supporto e inclusione per dire basta alla violenza sulle donne

Amministratori pubblici, docenti, magistrati, legali, giornalisti e associazioni di categoria assieme in un confronto utile ad innescare pratiche concrete e virtuose su un fenomeno dai numeri agghiaccianti: 109 “muliericidi” solo nel corso di quest’anno. In aula consiglio a Sestu le riflessioni di Maria Paola Secci, Ilaria Annis, Paolo De Angelis, Cristina Ornano, Elisabetta Gola, Antioco Floris, Susi Ronchi, Daniela Pinna e Valeria Aresti

Questionario e social

Condividi su: