UniCa UniCa News Notizie MUACC, il Museo apre le porte

MUACC, il Museo apre le porte

Grazie all'assunzione della curatrice Simona Campus, nella prima fase la struttura sarà a disposizione del pubblico nei pomeriggi del martedì e del giovedì, con la possibilità di concordare appuntamenti in altri giorni. Il Rettore Francesco Mola: "Idea affascinante partita da Maria Del Zompo e che noi portiamo avanti. Entrare nel sistema museale diffuso è fondamentale: disporre di una struttura come questa che parte dall’Ateneo e si intreccia con la vita della città è per noi molto importante". Plauso dal Direttore Generale, entusiasmo del pubblico nelle sale di via Santa Croce 63. RASSEGNA STAMPA CON I SERVIZI DEI TG E GALLERIA FOTOGRAFICA
29 aprile 2022
Un'immagine della conferenza stampa di questa mattina

"Curare un museo significa anche curare i rapporti con le persone che gravitano intorno, non solo le opere - ha sottolineato Simona Campus - Il Museo esiste se è aperto al pubblico, ed è inteso come laboratorio che coinvolge la comunità"

Sergio Nuvoli (ha collaborato Roberto Ibba - fotografie di Federica Deiana)

Cagliari, 29 aprile 2022 - Questa mattina in via Santa Croce 63 il Rettore dell’Università di Cagliari, Francesco Mola, ha dato il via all’apertura stabile al pubblico del MUACC, il Museo universitario delle arti e delle culture contemporanee dell’Ateneo del capoluogo sardo.

“Grazie a tutti e tutte – ha detto il Magnifico - per noi è un momento importante per tutto quello che sta accompagnando il nostro percorso degli ultimi anni. Questa idea è partita da Maria Del Zompo, e ci ha affascinato da subito: la ringrazio per il lavoro svolto, che noi vogliamo portare avanti. Entrare nel sistema museale diffuso è un’idea fondamentale: avere una struttura come questa che parte dall’Ateneo e si intreccia con la vita della città è per noi molto importante”.

L’avvio delle attività del MUACC è stato reso possibile dall’assunzione della curatrice del Museo, Simona Campus. "Curare un museo significa anche curare i rapporti con le persone che gravitano intorno, non solo le opere - ha sottolineato - Il Museo esiste se è aperto al pubblico, ed è inteso come laboratorio che coinvolge la comunità nelle sue sperimentazioni. Siamo già al lavoro per organizzare diversi appuntamenti. Le opere di Italo Antico attualmente in esposizione presuppongono un forte rapporto con il territorio, ma con lo sguardo sempre rivolte verso l'esterno al contesto nazionale e internazionale”.

L'intervento del Rettore Francesco Mola
L'intervento del Rettore Francesco Mola
Guarda il servizio andato in onda per il TGR RAI Sardegna

L’impegno dell’Ateneo è rivolto alla valorizzazione del suo patrimonio artistico di età contemporanea e ad una programmazione continua di mostre temporanee e public programs

L’impegno dell’Ateneo è rivolto alla valorizzazione del suo patrimonio artistico di età contemporanea e ad una programmazione continua di mostre temporanee e public programs. Le occasioni di pubblica fruizione sono supportate dall’attivazione di tirocini che coinvolgono studentesse e studenti dei corsi di laurea affini. La struttura – in una prima fase sperimentale – sarà aperta al pubblico dalle 16 alle 19 ogni martedì e ogni giovedì, ma potranno essere concordate su prenotazione anche visite in orari e giorni differenti.

All’incontro con la stampa hanno partecipato con il Rettore e la curatrice, il Direttore Generale dell’Ateneo Aldo Urru, il Dirigente della Direzione per i servizi bibliotecari e attività museali Marco Maxia, la referente scientifica del MUACC Rita Pamela Ladogana, e l’artista Italo Antico, autore delle opere in mostra, generosamente donate all’Ateneo.

"L'Ateneo ha fatto molti investimenti per valorizzare tutto il patrimonio che possiede – ha aggiunto il DG Aldo Urru - mettendolo a disposizione del territorio e per chi viene da fuori. Siamo riusciti ad aprire questo museo, compatibilmente con le risorse a disposizione. Ora dobbiamo metterlo a sistema, portando avanti gli accordi per il biglietto unico in accordo con il Comune di Cagliari e i percorsi coordinati con gli altri beni culturali della città".

Le interviste al MUACC
Le interviste al MUACC
Guarda il servizio in lingua sarda del TG di Sardegna Uno

Presente all’apertura odierna anche Maria Dolores Picciau, assessora comunale alla Cultura: "Il museo si apre in un contesto storico molto particolare – ha detto - e si inserisce in un calendario di eventi importanti"

“Vocazione alla didattica e vocazione alla ricerca: sono questi i due pilastri portanti del MUACC – ha evidenziato Rita Pamela Ladogana, referente scientifica del Museo e docente di Storia dell’Arte - Il museo nasce con l'intenzione di rendere pubblico il patrimonio dell'Ateneo e metterlo a disposizione del territorio: per questo l'attività sarà orientata verso una narrazione interdisciplinare”.

Presente all’apertura odierna anche Maria Dolores Picciau, assessora comunale alla Cultura: "Il museo si apre in un contesto storico molto particolare – ha detto - e si inserisce in un calendario di eventi importanti e in un quartiere come Castello che deve ritrovare la sua storia e la sua identità. Questo luogo sarà capace di creare nuove sinergie con le istituzioni e il territorio. Noi cercheremo di dare il massimo supporto alle iniziative".

Un momento dell'iniziativa al MUACC
Un momento dell'iniziativa al MUACC
Guarda il servizio andato in onda su TCS

IL MUSEO UNIVERSITARIO PER LE ARTI E LE CULTURE CONTEMPORANEE

Il MUACC - Museo universitario per le arti e le culture contemporanee - è una nuova istituzione culturale attivata nell’ambito dell’Università degli Studi di Cagliari, dedicata alla conservazione, promozione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico dell’Ateneo di età contemporanea. Inaugurato a marzo dello scorso anno dall’allora Rettore Maria Del Zompo, che lo ha fortemente voluto, il Museo si presenta con un affaccio particolarmente suggestivo. Gli spazi occupano infatti il piano terra e il primo piano di un edificio di pregio in centro storico, nel cuore di Castello: il Palazzo dei Marchesi di Quirra, noto anche come Palazzo Cugia o Palazzo Nieddu, dal nome dei proprietari succedutisi nel corso dei secoli, nella parte di fabbricato sulla via Santa Croce, adiacente alla via Corte d’Appello.

La missione del MUACC, fondata sulla vocazione alla ricerca, in un orizzonte che abbraccia i principi affermati dall’International Council of Museums (ICOM) e i valori espressi nella Magna Charta Universitatum persegue la diffusione della conoscenza attraverso le attività espositive, didattiche e di terza missione. Gli obiettivi fondamentali sono definiti alla luce di una concezione dell’Università che sia in misura sempre maggiore al servizio della comunità, del suo sviluppo sostenibile e presuppongono il ruolo imprescindibile dell’istituzione museale nei processi di crescita e cambiamento sociale, in accezione inclusiva, accessibile e multiculturale.

L'ingresso del MUACC in via Santa Croce 63
L'ingresso del MUACC in via Santa Croce 63

IL MUACC OGGI

Attualmente sono allestite negli spazi museali le opere donate all’Università dall’artista Italo Antico, distintosi nel secondo Novecento per una ricerca di estrema coerenza, che trova nella scultura in acciaio inossidabile la cifra espressiva privilegiata e distintiva.

"Questa donazione è un percorso artistico delle ricerche che ho fatto – ha detto l’artista - Questo mio lavoro è approdato grazie a fasi diverse di ricerca ma anche di insegnamento con i miei allievi che è stata una bellissima esperienza".

Con l’acciaio Antico ha affrontato innumerevoli declinazioni di un metodo, come fin dagli anni Settanta ebbe a notare Gillo Dorfles, teso a esplorare le potenzialità della linea e del segno, fissando gli istanti e ciò che essi contengono, trasfigurandoli in una tensione perpetua della natura verso l'universale e l'assoluto. Grazie alla donazione dell’artista e all’impegno dell’Ateneo, le più rappresentative sculture di Antico - esposte insieme ad un selezionato corpus di dipinti, gioielli e manufatti tessili - costituiscono oggi una grande ricchezza a disposizione della collettività. E’ l’inizio delle attività del MUACC.

Per informazioni e prenotazioni: muacc.info@unica.it 070 675 5330

Simona Campus, la curatrice del MUACC, intervistata da Mariangela Lampis per il TG di Videolina
Simona Campus, la curatrice del MUACC, intervistata da Mariangela Lampis per il TG di Videolina

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 30 aprile 2022

Cultura - pagina 36

Il Museo universitario riparte con Antico

La basilica di Santa Croce in lontananza, il mare a fare da sfondo. Così, ieri, sono state inaugurate le attività del Museo Universitario delle Arti e delle Culture Contemporanee dell'Università di Cagliari in via Santa Croce 63, al piano terra e al primo piano del Palazzo dei Marchesi di Quirra, nel cuore del quartiere di Castello, grazie all'assunzione della curatrice del Museo Simona Campus. Tante le persone presenti tra cui il rettore Francesco Mola, la referente scientifica del Muacc Rita Pamela Ladogana, il direttore generale dell'Ateneo Aldo Urru, l'assessora alla Cultura Maria Dolores Picciau e l'artista Italo Antico, autore delle 49 opere in mostra, donate all'Ateneo. Il Museo, inaugurato lo scorso marzo dall'allora Rettore Maria Del Zompo, attualmente sarà aperto al pubblico dalle 16 alle 19 ogni martedì e giovedì. Pubblico che potrà ammirare le opere raffinate di Italo Antico come la "Verticalità contorta", scultura in acciaio inox, le "Danzatrici", vernice ad olio su tela olona così come le "Flessioni in Opposizione" sempre in acciaio inox: opere che comprendono un arco temporale che va dal 1958 ai giorni nostri, contraddistinte da una spinta colma di pathos della natura nei confronti dell'assoluto. Pathos che sta alla base di un progetto che dell'inclusività fa il suo marchio di fabbrica. «Questo è un progetto di apertura nei confronti di tutti, messo a disposizione di chiunque avrà il piacere di visitarlo. Organizzeremo mostre contemporanee di vario tipo», ha sottolineato la Campus, «e affronteremo svariati temi come quello delle questioni di genere. Inoltre, ospiteremo per la prima mostra Franca Sonnino, successivamente la docente Raffaella Perna e per l'autunno sarà la volta di "Dialoghi Corsari" in occasione dei cento anni della nascita di Pier Paolo Pasolini». Inclusione e ospitalità sono le linee guida del Muacc. «L'obiettivo del Museo non è solo quello di mostrare ma di ospitare e coinvolgere più persone possibili», ha concluso il rettore Francesco Mola. «Un museo non è un semplice deposito bensì un luogo che pulsa di sentimenti e di emozioni, grazie a cui ritrovarsi e cogliere nuovi spunti di riflessione». Mattia Lasio

L'articolo su L'Unione Sarda del 30 aprile 2022 a pagina 36
L'articolo su L'Unione Sarda del 30 aprile 2022 a pagina 36

Link

Ultime notizie

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 ottobre 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie