UniCa UniCa News Notizie Manifestazione di solidarietà dell’Università degli Studi di Cagliari verso le studentesse e gli studenti iraniani

Manifestazione di solidarietà dell’Università degli Studi di Cagliari verso le studentesse e gli studenti iraniani

Su indicazione del Rettore, pubblichiamo un documento predisposto dalla delegata del Rettore per l'uguaglianza di genere, Ester Cois e condiviso dal Senato e dal CdA, nel quale si esprime solidarietà a nome dell'Ateneo verso le studentesse, gli studenti e i docenti che in questi giorni manifestano contro il regime Iraniano.
11 ottobre 2022
Foto: Asianews

L’Università degli Studi di Cagliari esprime il proprio massimo supporto alle studentesse e agli studenti iraniani che in queste settimane stanno manifestando con estremo coraggio il proprio dissenso nei confronti di un regime oppressivo e vessatorio, che tenta di spegnere attraverso pratiche violente e contrarie a ogni principio di umanità le loro aspirazioni di libertà, uguaglianza e conoscenza. Gli omicidi di Mahsa Amini, Hadith Najafi, Hananeh Kia, Ghazale Chelavi, tutte giovani donne spezzate all’esordio della loro vita per avere rivendicato il diritto di disporre del proprio corpo e di non continuare a subire la cancellazione simbolica e materiale della propria presenza nello spazio pubblico, così come gli assassinii indiscriminati e gli arresti in massa di centinaia di altre ragazze e ragazzi, non possono essere confinati nello spazio della mera informazione sulla cronaca estera, ma ci riguardano da vicino come comunità accademica. Essi chiamano in causa diretta non solo la nostra capacità di analisi critica dei fenomeni sociali globali, quale luogo di produzione ed elaborazione del sapere di respiro internazionale, ma anche e soprattutto le nostre coscienze e la nostra missione formativa, che dovrebbe essere costantemente orientata verso la difesa e la promozione dei diritti civili, senza ombre, senza distinguo, con assoluta trasparenza e chiarezza. Le energie più giovani di un intero Paese che si riversano come un flusso inarrestabile nelle piazze, che occupano le scuole e le università, che fanno avanzare sui propri corpi inermi le ragioni di una vera e propria Rivoluzione civile, riflettono i volti delle studentesse e degli studenti che ogni giorno popolano le nostre città e le nostre aule, senza dovere temere che il loro atto più ordinario e legittimo – quello di studiare e utilizzare le competenze acquisite per dare voce alle proprie istanze – si traduca in una condanna a morte sul posto, o in una detenzione feroce a tempo indeterminato. In un mondo pressoché integralmente attraversato da reti di comunicazione in tempo reale, non esiste alcun alibi che si possa accampare per non prendere posizione e rifugiarsi in una comoda e asettica neutralità. I capelli tagliati come gesto di riappropriazione di sé da parte delle donne iraniane, contro qualsiasi pretesa entità etica sclerotizzata e opprimente, si intessono giorno dopo giorno in una bandiera di liberazione che proprio dalle donne ha iniziato ad erigersi, fino a coinvolgere un intero popolo, che ne ha incarnato la causa e l’ha estesa a tutte le identità di genere, a tutte le coorti generazionali, a tutte le strutture sociali ed economiche, a tutte le agenzie di produzione culturale. Non riconoscersi in quella bandiera o addirittura fingere di non vederla sarebbe il segno di una miopia ottusa e complice, inaccettabile per un’istituzione di alta formazione che si è impegnata a perseguire come suo obiettivo primario la promozione dell’uguaglianza di genere, il rispetto delle diversità, la realizzazione di una politica di inclusione. Ancor più quando entro gli stessi perimetri accademici, in una parte del mondo che ci è resa vicinissima dalle notizie quotidiane e dagli appelli e le denunce trasmesse attraverso i canali social e le email ufficiali, migliaia di studentesse e di studenti sono intrappolati, fatti oggetto di sparatorie senza sosta, privati di ogni possibilità di difesa e protezione, come sta accadendo in queste ore nell’Università Sharif di Teheran. L’Università di Cagliari non può che esprimere la sua più viva solidarietà a queste studentesse e a questi studenti, e alle centinaia di docenti che hanno scelto di unirsi a loro, a prezzo della propria sicurezza, e ne condivide il grido: “Donne, Vita, Libertà”.

Ultime notizie

27 gennaio 2023

Il Giorno della Memoria

Oggi, 27 gennaio, si celebra la Giornata della Memoria per ricordare le vittime dell'olocausto. Lunedì 30 l'ateneo ospita un convegno intitolato "La forza del ricordo come antidoto del male." Interverrà, tra gli altri, il direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari. L'evento sarà trasmesso in diretta streaming.

27 gennaio 2023

Rita Levi-Montalcini e la sua lezione sulle donne di scienza

Venerdì 27 gennaio alle 17:30 il dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Cagliari ospita Piera Levi-Montalcini, nipote del Premio Nobel Rita Levi-Montalcini, nell’ambito dell’incontro “In direzione ostinata e contraria. L’insegnamento di Rita Levi-Montalcini per la promozione dei percorsi femminili nelle aree STEAM.” L'evento sarà trasmesso anche in diretta sulla piattaforma Microsoft Teams.

26 gennaio 2023

Torna la Coppa Rettore di calcio a 11

SCADENZA ISCRIZIONI IL 10 FEBBRAIO. Il torneo universitario 2023 è organizzato dal Cus Cagliari in collaborazione con l’ateneo. Ogni squadra (necessario per tutti il certificato medico) può essere composta da un numero illimitato di studenti, anche appartenenti a facoltà diverse, che per tutta la durata del campionato non potranno giocare con nessun altro team partecipante

23 gennaio 2023

Primo incontro del ciclo “Nuove sfide per la medicina” in Cittadella

PTDA SEPSI IN REAL LIFE. Un'importante iniziativa di collaborazione e scambio di migliori pratiche tra reparti e strutture ospedaliere cagliaritane prende il via con un corso dedicato alla stesura e condivisione di un Ptda in base all’esperienza dell'Arnas Brotzu. L’evento è organizzato il 26 gennaio a Monserrato da Dipartimento Medico (associazione no profit impegnata nella formazione continua per le professioni medico-sanitarie) con il patrocinio dell'Università di Cagliari e il supporto del Brotzu e dell'Aou

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie