UniCa UniCa News Notizie L’Università di Cagliari referente per l’Italia del progetto Heroes promosso dall’Organizzazione mondiale della sanità

L’Università di Cagliari referente per l’Italia del progetto Heroes promosso dall’Organizzazione mondiale della sanità

Il team dell'ateneo coordina i partner San Raffaele, Istituto superiore di sanità, Careggi, Umberto I, Federico II, Asl Modena e Policlinico Catania. Lo studio dell'Oms mette assieme ricercatori di ventotto paesi. "La ricerca verte sulle difficoltà incontrate dagli operatori sanitari nella pandemia da Covid-19" spiega Mauro Carta
19 maggio 2020
L'Organizzazione mondiale per la sanità ha coinvolto nel progetto Heroes ventotto paesi

Un percorso scientifico e strategico dedicato alle figure sanitarie coinvolte nella pandemia

Mario Frongia

Coordinatori di un percorso di alta qualità. L'approvazione è giunta nei giorni scorsi: L'Organizzazione mondiale della sanità ha affidato al team di Mauro Carta (ordinario di Tecnologie mediche applicate, dipartimento Scienze mediche e sanità pubblica) il coordinamento del progetto "The Covid-19 HEalth caRe wOrkErS “Heroes” study (Heroes). "Sì, sono stati definiti eroi gli operatori che hanno affrontato e stanno affrontando la pandemia Covid-19. Precedenti esperienze - spiega il professor Carta - hanno dimostrato che, in situazioni quali quella attuale gli operatori sanitari sono esposti a livelli elevati di stress. Tuttavia, devono continuare a esercitare la propria funzione a beneficio della comunità".  L’ateneo ha un ruolo strategico nella ricerca e fa parte dello steering commitee ristretto quale referente dell’area mediterranea. "La rilevanza è coerente e conseguente agli indirizzi tracciati dal prorettore all’Internazionalizzazione, Alessandra Carucci. Lo studio raccoglierà le esperienze dei lavoratori dei servizi di salute, inclusi medici, infermieri, personale tecnico ma anche dipendenti amministrativi, addetti alle pulizie, autisti delle ambulanze, paramedici - ovvero tutti quegli attori, fondamentali nella lotta alla pandemia, a cui spesso non è stata riconosciuta la giusta importanza".

Mauro Carta con il rettore Maria Del Zompo
Mauro Carta con il rettore Maria Del Zompo

Relazioni internazionali, eccellenze d'ateneo, Coronavirus: da Cagliari una guida ferma e autorevole

Lo studio è stato promosso dai ricercatori della Mailman School of Public Health di New York, giovani epidemiologi che allo scoppio della crisi sono tornati nei paesi di origine per contribuire con le loro competenze a contrastare la pandemia. Tra questi, Maria Francesca Moro. La dottoressa, trait d'union tra la Columbia University e l'ateneo di Cagliari, si è laureata in medicina e specializzata in Psichiatria all'Università del capoluogo. "Quando i trasporti aerei sono stati bloccati e il rientro negli Stati Uniti è diventato impossibile, la ricerca è stata un mezzo per i giovani ricercatori per restare uniti e creare qualcosa di utile". Del gruppo coordinatore guidato dal professor Carta (presidente Sirteps, Società italiana ricerca traslazionale e professioni sanitarie, con Maria Francesca Moro fanno parte Alessandra Perra (tecnico Riabilitazione psichiatrica e dottoranda - Cagliari) e Peter  Kurotschka (medico di medicina generale in formazione, collaboratore ricerca). Il team isolano coordina i ricercatori dell'Iss (Istituto superiore sanità), San Raffaele-Milano, Careggi-Firenze, Unibversità Umberto I-Roma e Federico II-Napoli, Policlinico Catania e Asl Modena. 
 

Alessandra Carucci, pro rettore Internazionalizzazione
Alessandra Carucci, pro rettore Internazionalizzazione

Azioni e politiche di sostegno per gli operatori e per il miglioramento delle cure

Lo studio “The Covid-19 Heroes" mette in risalto difficoltà e problemi incontrati dagli operatori sanitari. "Si punta a indirizzare azioni e politiche di sostegno volte sia al beneficio degli operatori, sia al miglioramento delle cure. La rete collaborativa affianca ventotto paesi nei cinque continenti. La sezione dell’America Latina dell’Oms - aggiunge Mauro Carta - è fra i promotori dello studio. I dati internazionali saranno elaborati con la supervisione della prestigiosa Mailman School della Columbia. All’azione di promozione partita dalla sede centrale dell’Oms stanno aderendo altri paesi".

 

New York. Una veduta della Mailman School alla Columbia University
New York. Una veduta della Mailman School alla Columbia University

Ultime notizie

29 novembre 2020

EDUC, la presentazione dell'Alleanza tra atenei europei

Martedì 1 dicembre dalle 14 si svolgerà l'evento annuale di presentazione della rete EDUC, l'alleanza europea di università di cui fa parte il nostro Ateneo. Sarà l'occasione per illustrare le iniziative e le opportunità di studio e ricerca per studenti, studentesse, docenti. UniCa sarà rappresentata da Alessandra Carucci, Prorettore all'Internazionalizzazione. Recentemente il Rettore Maria Del Zompo ha presentato il progetto EDUC, a nome di tutta l'Alleanza, al primo meeting dei network universitari europei. IL LINK PER SEGUIRE L'EVENTO

28 novembre 2020

Maria Del Zompo su D di Repubblica

L’inserto del quotidiano nazionale dedica un lungo e dettagliato servizio di Gloria Riva alle donne che attualmente ricoprono la carica di rettore negli Atenei italiani. L’articolo – che indaga la scarsa presenza femminile nei posti di più alta responsabilità - si apre e si chiude con il vertice dell’Ateneo di Cagliari. Oggi, sabato 28 novembre, in tutte le edicole italiane

27 novembre 2020

La Notte europea dei ricercatori tra territorio e società civile

Undici dipartimenti e oltre settanta specialisti dell’ateneo coinvolti nell'evento Sharper2020. Il rettore Maria Del Zompo ha aperto l’evento on line e sul web c "Vi auguro di divertirvi e soddisfare la vostra sete di conoscenza. Colgo l'occasione per sottolineare la nostra attenzione e il nostro lavoro contro le discriminazioni e le violenze di genere". Una proficua maratona sulla scienza avvicinante, coinvolgente e spiegata alle nuove generazioni

27 novembre 2020

I 400 anni di UniCa colorano le notti di Cagliari

Fino al 30 novembre dalle 17.30 alle 23 è possibile ammirare sulla Torre dell'Elefante il logo ideato da Stefano Asili e scelto dall’Ateneo per celebrare i quattro secoli di vita. Un altro modo, innovativo e di grande impatto visivo, per dimostrare la vicinanza dell’Università ai cagliaritani e ai sardi in generale: “Uniti nel sapere da 400 anni”. Un simbolo fortissimo per tutti i cagliaritani illuminato nella felice ricorrenza della Notte dei Ricercatori. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: