UniCa UniCa News Notizie ISLAMOFOBIA. Ciclo di incontri per 5 giovedì

ISLAMOFOBIA. Ciclo di incontri per 5 giovedì

AVVISO: il workshop previsto per giovedì 5 marzo dalle ore 15:00 alle ore 18:00 È RINVIATO a data da destinarsi per effetto delle disposizioni del Governo nazionale adottate per il contenimento e la gestione dell'emergenza Coronavirus
03 marzo 2020
Sospese tutte le attività didattiche d'Ateneo: rinviata anche la serie di incontri in calendario dal 5 marzo al 2 aprile 2020

Attività culturale e didattica contro la discriminazione, diretta e indiretta

COSTRUIRE PONTI NON MURI. Il 5 marzo si inaugura in Ateneo il ciclo di incontri sul tema dell'islamofobia e delle azioni per contrastarla organizzato con l’associazione “Un ponte per”. Nell’ambito di un progetto finanziato dall’Unione Europea che coinvolge diverse università italiane, coordinano le sessioni Patrizia Manduchi e Nicola Melis, con il patrocinio del Magnifico Rettore e in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia di UniCa. Il primo dei cinque appuntamenti - sempre di giovedì pomeriggio, dalle ore 15 alle 18 nell’aula magna di viale Sant’Ignazio 78 - verrà aperto da Benedetta Sanna (UPP) con l’introduzione agli interventi di Nicola Melis “Riflessioni sull’idea di mondo musulmano” e di Mohamed Hashas, “Islam in Europa, Islamofobia, Islam europeo”

L’iniziativa fa capo al Dipartimento di Scienze politiche e sociali (Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche) dell’Università degli Studi di Cagliari, con le Cattedre di Mondo arabo contemporaneo e di Africa Mediterranea e Vicino Oriente. Coordinamento a cura dei docenti Patrizia Manduchi e Nicola Melis.
 
OBIETTIVI DEL PROGETTO:
 

  • aumentare la consapevolezza dei driver strutturali che normalizzano il sentimento di odio e l’intolleranza anti-musulmani (c.d. «Anti-Muslim hatred and intolerance», AMHI);
  • fornire nuove analisi sull’impatto di policy, leggi, dibattiti politici e messaggi /mediatici (che creano «structural drivers») nei processi di normalizzazione dell’AHMI, supportando le autorità nazionali ed europee nella formulazione ed adozione di best practices basate sui diritti umani;
  • rafforzare la capacità di mobilitazione della società civile attraverso la creazione ed il rafforzamento di reti transnazionali delle società civili europei ed accrescere la cooperazione con le comunità islamiche nazionali;
  • aumentare la generale consapevolezza e resilienza della popolazione ai driver strutturali tramite la diffusione di informazioni e piattaforme online.
Clicca sull'immagine per ingrandire la locandina con il programma del ciclo di incontri all'Università di Cagliari
Clicca sull'immagine per ingrandire la locandina con il programma del ciclo di incontri all'Università di Cagliari

PARTNER ORGANIZZATIVO. Un Ponte Per... (UPP, www.unponteper.it/it), l'associazione di volontariato iscritta all’elenco delle Organizzazioni Non Governative dell’Aics, capofila del progetto internazionale, è nata nel 1991, all’indomani della fine dei bombardamenti sull’Iraq. All’epoca della fondazione il suo scopo era di promuovere iniziative di solidarietà nei confronti della popolazione irachena colpita dalla guerra e dalle sanzioni economiche. Successivamente, l’intervento dell’Organizzazione è stato ampliato ad altri paesi di Medio Oriente, Nord Africa ed Europa versanti in condizioni di emergenza.
Gli attivisti dell’ONG sono dichiaratamente impegnati per la prevenzione di nuovi conflitti armati: a tale scopo operano attraverso attività di advocacy, campagne ed eventi di informazione e approfondimento, scambi culturali, progetti di cooperazione, programmi di peacebuilding e costruzione di reti. UPP considera infatti “indivisibili gli interventi di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dalle guerre con l’impegno politico volto a incidere sulle cause scatenanti dei conflitti e la costruzione di legami tra società civili”.

 

(ic)

Il sito Internet dell'Ong è www.unponteper.it
Il sito Internet dell'Ong è www.unponteper.it

Ultime notizie

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 ottobre 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie