UniCa UniCa News Notizie INNOVATION CAMP, evento finale con presentazione dei project work e degli studenti vincitori

INNOVATION CAMP, evento finale con presentazione dei project work e degli studenti vincitori

Internet delle cose, cloud, big data, cyber security, intelligenza artificiale. Si è concluso ieri il corso di formazione multidisciplinare “Smart Things Edition” sull’evoluzione delle tecnologie informatiche sviluppato da Samsung Electronics Italia con l’Università di Cagliari. Premiati con una borsa di studio di 1500 euro Roberta Angioni, Marco Dessalvi, Matteo Fenu e Roberto Pettinau, i quattro studenti che hanno raggiunto il punteggio più alto nel test finale e nel lavoro di progetto. Salvatore Carta, responsabile scientifico e organizzativo per UniCa (Dipartimento di Matematica e informatica): “Indispensabili più laureati pronti per le nuove sfide digitali, con competenze e professionalità a prova di futuro. Questo corso è un esempio concreto su come implementare la collaborazione fra università e aziende”
17 dicembre 2021
Dal 2017 ad oggi, nelle varie edizioni, l’iniziativa “Samsung Innovation Camp” ha registrato la partecipazione di oltre 30mila studenti universitari di venti atenei pubblici italiani

Il progetto accompagna gli studenti delle università italiane in un percorso formativo di grande attualità, per aprire nuove opportunità e nuovi scenari professionali in ambito digitale

Alla presenza del prorettore vicario Gianni Fenu, che ha aperto l’evento nell’aula magna di Ingegneria, si è chiuso ieri all’Università di Cagliari l’Innovation Camp “Smart Things Edition”, programma di formazione gratuito per la preparazione di esperti in trasformazione digitale, sviluppato da Samsung Electronics Italia insieme all’ateneo del capoluogo sardo per offrire agli studenti competenze informatiche utili per essere competitivi in un mercato del lavoro in continua evoluzione come quello attuale.

Il professor Gianni Fenu, prorettore vicario dell'Università di Cagliari
Il professor Gianni Fenu, prorettore vicario dell'Università di Cagliari

IL CORSO. Sicurezza informatica, intelligenza artificiale e Internet of things applicate al mercato dei prodotti consumer electronics, cloud  e big data. Sono questi i temi approfonditi durante la formazione grazie al contributo dei docenti dell’Università di Cagliari e degli ingegneri del colosso coreano Samsung. Con un focus volto a potenziare le capacità di ideazione, la gestione progettuale e il problem solving, le cosiddette soft skills, capacità altrettanto rilevanti per diventare professionisti preparati ad affrontare le sfide future. Alle 60 ore di lezioni tradizionali, svolte nel mese di settembre e integrate con i percorsi universitari di UniCa, hanno partecipato 25 studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale dei dipartimenti di Matematica e informatica e di Ingegneria elettrica ed elettronica di UniCa. Dopo la prima parte del corso, nei mesi di ottobre e novembre gli iscritti hanno lavorato ad un project work, mettendo subito in pratica quanto appreso in un’esperienza concreta, vicina al reale mondo del lavoro. Divisi in gruppi di cinque, per un lavoro di squadra stimato in ulteriori 80 ore, i team degli studenti hanno potuto sviluppare un proprio progetto sui temi trattati durante il corso, con la supervisione dei tutor di Samsung e dell'Università di Cagliari.

A differenza del corso 2020 (link), terminato con un evento online, la conclusione del ciclo formativo 2021 si è svolta ieri in presenza - nell’aula magna di Ingegneria (polo universitario di via Marengo 2), alla presenza degli studenti, dei tutor e dei docenti - con la presentazione e la valutazione dei progetti finali, che hanno preceduto la cerimonia di premiazione.

Lezione teorica in aula durante uno dei corsi dell’Innovation Camp
Lezione teorica in aula durante uno dei corsi dell’Innovation Camp

I VINCITORI. Per una parità, gli studenti premiati al termine dell’evento conclusivo sono quattro e non tre, come inizialmente previsto: si tratta di Marco Dessalvi, Matteo Fenu, Roberta Angioni e Roberto Pettinau (foto qui a destra). Sono loro i migliori studenti, che hanno ottenuto il punteggio più alto, tra test finale sulla parte teorica e contributo al project work elaborato in gruppo. Le borse di studio stabilite per i quattro vincitori ammontano ciascuna a 1500 euro, quale premio al merito e incentivo economico. Un attestato di partecipazione è stato invece consegnato a tutti gli studenti che hanno frequentato almeno il 90% delle ore di lezione (54 ore), sostenuto il test finale e contribuito all’elaborazione del project work.

Nella foto, con la dottoressa Anastasia Buda (prima da sinistra) e il professor Salvatore Carta (al centro, in seconda fila), gli studenti premiati sono Marco Dessalvi, Matteo Fenu (fila dietro), Roberta Angioni e Roberto Pettinau. Al loro fianco, da destra a sinistra, tre docenti del corso: il dottor Alessandro Sebastian Podda, il professor Massimo Barbaro e il professor Giorgio Giacinto.

Cagliari, 16 dicembre 2021. Foto di gruppo della premiazione finale dell'Innovation Camp "Smart Think Edition"
Cagliari, 16 dicembre 2021. Foto di gruppo della premiazione finale dell'Innovation Camp "Smart Think Edition"

Requisito essenziale del project work: risolvere una necessità concreta utilizzando le nuove tecnologie

I quattro studenti premiati hanno lavorato insieme agli altri componenti della classe per la realizzazione di cinque diversi progetti, in cui hanno potuto applicare quanto appreso durante le lezioni teoriche. Qui di seguito gli abstract dei lavori prodotti in squadra, sviluppati dai team di studenti con la supervisione dei tutor Samsung e UniCa.

SENSING. Public Transport in your hands. Un’applicazione che permette di estendere i servizi digitali e le informazioni sul trasporto pubblico. Oltre alle informazioni sulla frequenza dei mezzi pubblici, l’app offre agli utenti informazioni circa la posizione del mezzo e la capienza in tempo reale, dati per controllare in modo costante la qualità dell’aria e il livello di igiene e un’integrazione con trasporti alternativi per diminuire i tempi di attesa.

INTERNET OF GREEN. Un progetto che mira a rendere smart e automatizzate le aree verdi, con l’obiettivo di ridurre il degrado ambientale e lo spreco energetico, idrico ed economico, grazie a sistemi intelligenti di illuminazione e irrigazione, sensori per la cura del terreno e la gestione dei rifiuti. Il servizio garantisce anche una maggiore sicurezza del sito con sensori per la rilevazione degli incendi.

FLUX. Più sicurezza, meno sprechi. Soluzione innovativa per monitorare i consumi e rendere più sicura una casa con un sistema di valvole connesse a un’app semplice da utilizzare. Dall’applicazione è possibile bloccare le forniture di luce, acqua e gas; ricevere notifiche in caso di possibili pericoli o anomalie e gestire le utenze monitorando consumi e costi ricevendo stime delle future spese relative alle bollette.

SAFFIRE. Un sistema IoT a impatto zero, per la tutela del patrimonio verde e agricolo, pubblico e privato. Si fonda su un Wireless Sensor Network, kit di sensori connessi a un’applicazione di semplice utilizzo, che permette di monitorare il territorio in tempo reale, rilevando la presenza di un incendio prima che questo diventi ingestibile e comunicando quindi l’emergenza alle autorità di pronto intervento.

SPENCER. Dispenser di medicine semplice e intuitivo rivolto a pazienti e caregiver (sia familiari sia professionali) per gestire e monitorare in modo efficiente le medicine che il paziente deve assumere. Il sistema non solo permette di verificare lo stato di assunzione delle medicine ma automatizza anche il rifornimento dei medicinali inviando l’ordine quando questi stanno per esaurirsi nel distributore.

Serve reclutare, formare e potenziare una nuova generazione di tecnici orientati alla crescita sostenibile del mondo e dotati di competenze “a prova di futuro”

SALVATORE CARTA. Al termine di questi mesi di grande lavoro produttivo, esprime sincera soddisfazione il docente di UniCa, responsabile scientifico e organizzativo del progetto per l’ateneo: “È stata una esperienza importante e molto positiva. Un concreto esempio di collaborazione fra università e aziende che porta benefici agli studenti”. Il professore - ordinario di Informatica del dipartimento di Matematica e informatica - ci tiene a sottolineare con particolare orgoglio una circostanza inedita per questo tipo di corso, normalmente molto selettivo: “Nessuno degli studenti partecipanti ha mollato, tutti hanno saputo completare in maniera brillante un percorso veramente impegnativo“. Salvatore Carta infine conferma che “L’Innovation Campus è una opportunità eccezionale per i giovani di talento che intendono inserirsi nei contesti lavorativi, aziendali e pubblici, in cui serve alta preparazione in ambito digitale. Alle competenze di diretta provenienza universitaria, il programma permette infatti di aggiungere i contributi derivanti dall’interazione con i professionisti di una delle aziende tecnologiche leader a livello globale”.

Il professore di Informatica Salvatore Mario Carta (UniCa, Dipartimento di Matematica e informatica)
Il professore di Informatica Salvatore Mario Carta (UniCa, Dipartimento di Matematica e informatica)

Nel solo 2020 ben 850mila posti di lavoro non coperti per mancanza di competenze digitali

ANASTASIA BUDA. Secondo la corporate social responsibility manager di Samsung Electronics Italia, ieri a Cagliari per l'evento, “Stiamo vivendo un momento storico senza precedenti dove da un lato, il digitale giocherà un ruolo sempre più centrale per la crescita del Paese, diventando strategico in tutte le industrie e dove dall’altro, non abbiamo sufficienti professionisti con le competenze adeguate in grado di cogliere le opportunità che i nuovi trend tecnologici stanno generando e produrranno in futuro. Per ridurre questo divario, l’unica strada da percorrere è quella della formazione, a tutti i livelli. Con Innovation Campus vogliamo fare la nostra parte nel ridurre questo gap, preparando le nuove generazioni ad affrontare i lavori del prossimo futuro”.

La dottoressa Anastasia Buda, manager Samsung Italia
La dottoressa Anastasia Buda, manager Samsung Italia

INFORMAZIONI

Università degli Studi di Cagliari
Dipartimento di Matematica e informatica
Professor Salvatore Mario Carta
Telefono: +39 070 6758755
Email: salvatore@unica.it

 

Samsung Electronics Italia
Via Mike Bongiorno, 9 - 20124 Milano
Dottor Luca Sbarra
Telefono: +39 02 921891
Email: l.sbarra@samsung.co

News precedenti di UniCa.it sull’Innovation Camp a Cagliari

Unica.it, 19/12/2019. Nell’immagine due momenti della prima presentazione del corso a Cagliari: in alto il professor Gianni Fenu, attuale prorettore vicario e allora delegato Ict dell’ateneo, in basso l’intervento di Anastasia Buda per Samsung Italia
Unica.it, 19/12/2019. Nell’immagine due momenti della prima presentazione del corso a Cagliari: in alto il professor Gianni Fenu, attuale prorettore vicario e allora delegato Ict dell’ateneo, in basso l’intervento di Anastasia Buda per Samsung Italia

Ultime notizie

22 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionario e social

Condividi su: