UniCa UniCa News Notizie In corso a Cagliari il Samsung Innovation Camp 2021 ''Smart Things''

In corso a Cagliari il Samsung Innovation Camp 2021 ''Smart Things''

La nostra università e il colosso coreano Samsung collaborano per formare le professionalità del futuro in ambiti quali intelligenza artificiale, Internet delle cose e sicurezza informatica. In tutto il mese di settembre le lezioni e i laboratori del corso multidisciplinare che prepara esperti di trasformazione digitale e problem-solvers. Tra ottobre e novembre il lavoro di gruppo e la preparazione del work project finale di ogni team. Per i migliori studenti sono previsti premi da 1500 euro.
06 settembre 2021
Samsung Innovation Camp, in corso a Cagliari l'edizione 2021 ''Smart Things''

Ivo Cabiddu
 

In corso nelle aule dell'università cagliaritana l'Innovation Campus, che dal 2017 ad oggi ha già registrato in tre edizioni la partecipazione di 30mila universitari di venti atenei italiani. È un progetto di Samsung nato con lo scopo di inserire studenti e studentesse in un percorso formativo di grande attualità, orientato a costruire i profili professionali per i futuri scenari in ambito digitale, offrendo le competenze richieste dal mercato in tema di intelligenza artificiale (AI), Internet delle cose (IoT) cybersecurity e soft skills necessarie per guidare il processo di innovazione in atto, che a breve porterà le aziende a rivoluzionare molte delle loro dinamiche produttive e organizzative.

Formazione multidisciplinare per sviluppare competenze, non solo digitali ma anche manageriali e di marketing

L’Innovation Camp è un vero e proprio corso di formazione che andrà a integrarsi ai percorsi universitari già avviati e per cui potranno essere riconosciuti crediti formativi: oltre alla partecipazione alle lezioni tradizionali - in modalità mista, in presenza e virtuale - i ragazzi saranno chiamati anche a sviluppare un progetto di gruppo, per mettere in pratica quanto appreso e immergersi sin da subito in un’esperienza concreta e avvicinarsi così al mondo del lavoro.

L'iniziativa è arrivata nell’ateneo del capoluogo sardo, dopo Pisa e Bari, per accompagnare gli studenti selezionati in un percorso formativo sull’innovazione, per aprire nuovi scenari professionali in ambito digitale e trasformare il futuro in presente.

I partecipanti sono 25 studenti dei corsi di laurea triennali o magistrali dei dipartimenti di Matematica e Informatica e di Ingegneria elettrica ed elettronica. Il percorso prevede 60 ore di lezioni erogate da docenti dell'università di Cagliari e da professionisti Samsung sui temi dell’Internet of Things, del machine e deep learning, della cybersecurity e del project management.

Percorso formativo di grande attualità, orientato ai prossimi scenari in ambito digitale
Percorso formativo di grande attualità, orientato ai prossimi scenari in ambito digitale

Il corso prepara all'inserimento professionale nei campi delle tecnologie IoT e AI e Cyber Security, trasferendo competenze di ideazione, gestione dei progetti e problem solving. Il percorso didattico è organizzato con 60 ore in presenza (in-class lectures), tra incontri, laboratori e lezioni frontali o via web con docenti universitari ed esperti Samsung - supportate da materiali didattici in Rete (online materials) per un totale di ulteriori 100 ore di preparazione a distanza. Il programma prevede inoltre 3 ore dedicate in modo specifico ad eventi virtuali con esperti di Cyber Security per la sostenibilità (keynote speech event) e un test finale sugli argomenti trattati nelle lezioni e nei contenuti caricati sulla piattaforma online.

Preziosa occasione, per studenti e studentesse, di collaborare con una realtà aziendale di eccellenza e mettere alla prova le competenze apprese

“Samsung Innovation Campus - Smart Things Edition” - a parlare è il professor Salvatore Carta, referente scientifico e organizzativo per l’Università di Cagliari - “rappresenta una eccezionale opportunità per i nostri giovani di talento che intendono accelerare il proprio inserimento in contesti lavorativi aziendali e pubblici che richiedano competenze nell’ambito dell’AI, Cyber Security e IoT, aggiungendo alle competenze di diretta provenienza universitaria il contributo derivante dalla interazione con professionisti di una delle aziende di tecnologia leader a livello globale. Con lo sviluppo degli ambiti tecnologici approfonditi dal corso, l’Innovation Campus è infatti mirato a reclutare, formare e potenziare una nuova generazione di tecnici e brillanti problem-solvers, dotandoli di competenze a prova di futuro e dando loro comprensione pratica delle tecnologie che daranno forma e arricchiranno la crescita sostenibile del mondo”.

Il professor Salvatore Mario Carta, ordinario di informatica del Dipartimento di Matematica e informatica, referente per UniCa dell’Innovation Campus
Il professor Salvatore Mario Carta, ordinario di informatica del Dipartimento di Matematica e informatica, referente per UniCa dell’Innovation Campus

Indispensabili più laureati pronti per le nuove sfide digitali. “Questa iniziativa” - sottolinea infine il docente del dipartimento di Matematica e Informatica di UniCa - “è una nuova dimostrazione di quanto il nostro ateneo si stia adoperando per rispondere concretamente alla dirompente e ineludibile trasformazione digitale di tutto il tessuto sociale, a cominciare dal mondo del lavoro. Per alimentare positivamente questo processo infatti è necessario un numero di laureati sempre crescente e di qualità sempre più elevata, immediatamente pronti per le nuove sfide digitali. L’università di Cagliari non si tira indietro e rilancia, come dimostrato anche dalla nascita del nuovo corso di laurea di Informatica applicata e Data analytics ugualmente al via da questo mese di settembre e del quale sono uno dei promotori.”
 

"Enabling People", vari progetti di formazione digitale Samsung, per diverse età

In Italia stiamo assistendo a un divario sempre più ampio tra le competenze richieste dal mercato del lavoro e quelle realmente disponibili. I nuovi trend digitali stanno infatti generando nuove opportunità che al momento non riescono a essere colte dai nostri giovani perché mancano profili adeguati.  Fenomeno questo che da un lato sfavorisce l’occupazione e dall’altro rallenta la crescita del Paese. Con Innovation Campus - Smart Things vogliamo fare la nostra parte nel ridurre questo gap, preparando i nostri giovani ad affrontare i lavori del prossimo futuro” ha commentato Anastasia Buda, Corporate Social Responsibility Manager di Samsung Electronics Italia.

La vision di Samsung sulla Global Corporate Citizenship è legata al concetto di “Enabling People” (abilitare le persone). Offrendo iniziative formative rivolte alle generazioni future, Samsung permette agli innovatori di domani "di raggiungere il loro pieno potenziale e diventare i nuovi leader che guideranno i processi di evoluzione positiva in ambito sociale, fornendo alle generazioni future tutti gli strumenti, le conoscenze, la creatività e l'empatia necessarie per prosperare in un futuro guidato dalla tecnologia". In Italia, la vision di Enabling People si traduce in diversi progetti di formazione digitale, pensati per diverse classi di età, come Samsung LetsApp e Samsung Innovation Camp, per gli studenti delle scuole superiori e universitari, e Samsung SAVE for Seniors, nato per offrire le competenze tecnologiche del team di Samsung Electronics Italia a favore dell’educazione digitale dei senior.

Anastasia Buda, Corporate Social Responsibility Manager di Samsung Electronics Italia
Anastasia Buda, Corporate Social Responsibility Manager di Samsung Electronics Italia

Corso a numero chiuso, incentivi per i migliori studenti, attestati e CFU

Per accedere al Samsung Innovation Campus di Cagliari era necessario candidarsi entro il 30 giugno, superare un test di ammissione su logica di programmazione e conoscenze di base relative ad AI e IoT, nonché sostenere un’intervista/colloquio motivazionale. Ai fini della graduatoria sono stati considerati anche i voti degli esami già sostenuti dagli studenti.

Programma di massima delle lezioni previste per il corso Samsung-UniCa. Clicca per ingrandire
Programma di massima delle lezioni previste per il corso Samsung-UniCa. Clicca per ingrandire
Video di presentazione con le testimonianze di alcuni studenti sull'esperienza maturata al Samsung Innovation Camp

Project work e premiazione finale. Al termine del ciclo di lezioni, in calendario da mercoledì 1 a mercoledì 29 settembre 2021, nei mesi di ottobre e novembre gli studenti saranno divisi in gruppi di cinque per un lavoro di squadra, stimato in 80 ore, in cui i team di studenti potranno sviluppare un proprio progetto sui temi trattati durante il corso, supervisionato dai tutor di Samsung e dell'Università di Cagliari.

I tre studenti più meritevoli, individuati in base alle valutazioni del test finale e del project work, si aggiudicheranno quale incentivo un premio economico, ciascuno pari a 1500 euro netti, che sarà consegnato tra dicembre 2021 e gennaio 2022, nel corso di un evento finale del Samsung Innovation Campus - Smart Things Edition organizzato con l’ateneo di Cagliari. Nella stessa occasione riceveranno l’attestato di partecipazione tutti gli studenti che avranno frequentato almeno il 90% delle ore di lezione (54 ore), sostenuto il test finale e consegnato il project work.

Al mese di lezioni, per tutto settembre 2021, seguiranno due mesi dedicati al lavoro di gruppo e alla preparazione del project work finale
Al mese di lezioni, per tutto settembre 2021, seguiranno due mesi dedicati al lavoro di gruppo e alla preparazione del project work finale

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA di lunedì 6 settembre
Cagliari - Pagina 18

Università
Innovation campus, domani al via

Al va domani l'Innovation Campus – Smart Things, il programma di formazione sviluppato da Samsung Electronics Italia insieme all'Università con l'obiettivo di offrire agli studenti le competenze digitali necessarie per essere competitivi in un mercato del lavoro in continua evoluzione come quello attuale, facendo leva sui nuovi trend tecnologici. Il progetto, che dopo Pisa e Bari arriva per la prima volta nell'ateneo sardo, si propone di accompagnare gli studenti delle università pubbliche italiane in un percorso formativo sull'innovazione, per trasformare il futuro in presente e aprire nuovi scenari professionali in ambito digitale. L'iniziativa si traduce in un vero e proprio corso di formazione che andrà a integrarsi ai percorsi universitari già avviati e per cui potranno essere riconosciuti crediti formativi: oltre alla partecipazione alle lezioni tradizionali – in modalità mista, in presenza e virtuale – i ragazzi saranno chiamati anche a sviluppare un progetto di gruppo, per mettere in pratica quanto appreso e immergersi sin da subito in un'esperienza concreta e avvicinarsi così al mondo del lavoro. Samsung, in collaborazione con l'Università di Cagliari, metterà a disposizione l'esperienza e la competenza dei propri ingegneri per aiutare gli studenti ad acquisire competenze digitali avanzate su temi come Intelligenza Artificiale e Internet of Things applicate al mercato dei prodotti Consumer Electronics, Cloud e Big Data, potenziando al contempo le capacità di ideazione, gestione progettuale e problem solving, le cosiddette soft skills, ovvero quelle capacità altrettanto rilevanti per diventare professionisti preparati ad affrontare le sfide future. A Innovation Campus – Smart Things parteciperanno 25 studenti dell'ateneo iscritti ai corsi di laurea triennale e magistrale nei dipartimenti di Matematica e Informatica o di Ingegneria Elettrica ed Elettronica e selezionati a seguito di un test di ammissione scritto e un colloquio motivazionale. 

Il ritaglio dell'articolo pubblicato il 31 agosto sul quotidiano L'UNIONE SARDA
Il ritaglio dell'articolo pubblicato il 31 agosto sul quotidiano L'UNIONE SARDA

Link

Ultime notizie

20 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

20 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

Questionario e social

Condividi su: