UniCa UniCa News Notizie Il ricordo, la memoria

Il ricordo, la memoria

I colleghi e gli allievi dell’Università di Cagliari e dell’Università di Sassari ricordano Francesco Sanna Randaccio, che fece parte del gruppo fondatore dell’Istituto di Medicina del Lavoro dell’Università di Cagliari guidato dal prof. Duilio Casula. Nel 1995 subentrò alla guida dell’Istituto fino al 2009, anno del suo ritiro in quiescenza. In ambito scientifico contribuì alla conduzione ed all’analisi dei risultati della monumentale ricerca “Piano di lotta contro la silicosi e le altre pneumoconiosi di particolare importanza per la Sardegna”, che coinvolse decine di migliaia di lavoratori delle industrie dell’isola
25 luglio 2022
Francesco Sanna Randaccio, fino al 2009 alla guida dell'Istituto di Medicina del Lavoro dell'Università di Cagliari

L’improvvisa perdita del prof. Francesco Sanna Randaccio lascia un vuoto incolmabile ed un’immensa tristezza in tutti coloro che lo hanno conosciuto come direttore, collega o docente.

Appena laureato, fu parte del gruppo fondatore dell’Istituto di Medicina del Lavoro dell’Università di Cagliari guidato dal prof. Duilio Casula. Dopo aver trascorso un soggiorno di studio presso il Centre Hospitalier Universitaire di Nancy con il prof. Paul Sadoul, contribuì alla conduzione ed all’analisi dei risultati della monumentale ricerca “Piano di lotta contro la silicosi e le altre pneumoconiosi di particolare importanza per la Sardegna”, che coinvolse decine di migliaia di lavoratori delle industrie dell’isola.

Fu quindi all’Università di Sassari, dapprima come professore straordinario e quindi come professore ordinario di Medicina del Lavoro fino al  1995, anno in cui si trasferì a Cagliari per subentrare alla guida dell’Istituto fino al 2009, anno del suo ritiro in quiescenza. Con grande umanità e disponibilità si rese sempre disponibile ogniqualvolta si manifestasse un problema o  fosse necessario un consiglio, guadagnandosi stima ed apprezzamento unanimi, anche in campo nazionale,  per la sua capacità di mediazione anche nelle condizioni più conflittuali.  Le stesse qualità hanno caratterizzato il suo intervento in soccorso dei più deboli, che ha sempre perseguito senza clamore e con assoluta umiltà.

La Medicina del Lavoro della Sardegna e le Università di Cagliari e Sassari perdono una figura di riferimento umano e culturale. Noi lo ricordiamo tutti con grande affetto per quanto ha saputo offrirci e ci impegniamo affinché le nuove generazioni continuino la sua opera con la stessa dedizione e lo stesso impegno.

I colleghi e gli allievi dell’Università di Cagliari e dell’Università di Sassari.

Ultime notizie

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 settembre 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 settembre 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie