UniCa UniCa News Notizie Il Premio “Donna di Scienza” a Giovanna Puddu

Il Premio “Donna di Scienza” a Giovanna Puddu

Il riconoscimento assegnato al termine del Festival Scienza alla docente di Fisica del nostro Ateneo. Il suo commento: “Ho amato molto la scienza, le ho dedicato tutta la mia vita lavorativa, con fortuna, sacrificio e con la convinzione che i risultati nella vita, non solo nella scienza, vanno raggiunti tenendo conto di un tempo di gestazione, di silenzio, di lavoro di base, di collaborazione. Oggi questo si sta perdendo”. L’abbraccio e i complimenti del Rettore
13 novembre 2019
Giovanna Puddu e Maria Del Zompo

“Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato con me: piano piano io ho preso coscienza che era ricerca di punta, perché lavoravamo su cose che davvero prima non si conoscevano", queste le prime parole della prof.ssa Puddu dopo la consegna del Premio

Sergio Nuvoli

Cagliari, 13 novembre 2019 - “E’ assolutamente fondamentale l’insegnamento di base: parlo proprio di quello che inizia gli studenti al sapere. Per questo mi ha dato tanta gioia parlare di scienza e cultura in questi giorni: io ho sempre lavorato in questa direzione, convinta che la cultura e la formazione dovessero essere integrate”. Con questa sapiente semplicità Giovanna Puddu, già docente di Fisica del nostro Ateneo, ha commentato il Premio “Donna di Scienza” che le è stato conferito ieri sera durante le battute finali di una bellissima edizione del Festival Scienza di Cagliari, accanto al Rettore Maria Del Zompo e alla coordinatrice del Festival, Carla Romagnino.

“È per me un grande onore ricevere questo premio – ha proseguito la prof.ssa Puddu - ma sono a disagio perché viene dato a una sola persona, mentre io non ho mai fatto ricerca da sola. Il settore dove ho lavorato è un settore di punta, che è nato in quegli anni, e solo successivamente INFN ha aperto una sezione a Cagliari. Ma ormai questo tipo di ricerca non si può più fare da soli, ciascuno nel suo studio”.

Quindi i ringraziamenti: “Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato con me: piano piano io ho preso coscienza che era ricerca di punta, perché lavoravamo su cose che davvero prima non si conoscevano. Sulle donne in questo tipo di ricerca, posso dirvi che noi siamo partiti a Cagliari in quattro, ed eravamo due donne e due uomini, ero appena laureata. Poi sono entrati altri due membri, sempre in parità di genere. Eravamo un piccolo gruppo in equilibrio: nelle collaborazioni internazionali le donne erano meno, ma a Torino ad esempio ce n’erano molte”.

Carla Romagnino e Giovanna Puddu
Carla Romagnino e Giovanna Puddu

Ancora un passaggio del discorso: “Vorrei ringraziare tutte le colleghe che si sono presentate a questo Premio. Nella vita sono stata veramente fortunata, perchè mi sembra di non aver mai scavalcato nessuno"

Nelle parole della prof.ssa, il racconto e la descrizione della ricerca: “Poi diventa molto più difficile andare avanti per le donne – ha detto - perché è dura fare ricerca in questo campo: passavamo mesi al CERN, spesso giorno e notte, facevamo i turni. Per la fisica sperimentale c’erano molte più donne che in Germania”.

Un intervento con la passione e il disincanto di chi sa come vanno le cose: “Vorrei ringraziare tutte le colleghe che si sono presentate a questo Premio. Nella vita sono stata veramente fortunata, perchè mi sembra di non aver mai scavalcato nessuno. Ho amato molto la scienza, le ho dedicato tutta la mia vita lavorativa, con fortuna, sacrificio e con la convinzione che i risultati nella vita, non solo nella scienza, vanno raggiunti tenendo conto di un tempo di gestazione, di silenzio, di lavoro di base, di collaborazione. Questo oggi un po’ si sta perdendo, nella società della digitalizzazione, in cui si deve raggiungere tutto subito e il rigore e la fatica di gestazione non sono contemplati”.

Quasi un libro aperto, nel racconto della scienziata: “Questo mi ha fatto soffrire molto: non concepivo fare lezioni registrate per come intendo io l’insegnamento. Forse sono andata in pensione nel momento giusto, perché per me nell’insegnamento la relazione umana con gli studenti è sempre stata fondamentale. In tutti gli ultimi anni ho disobbedito alle regole per gli esami: facevo la parte finale dando la possibilità agli studenti di venire a raccontarmi prima singole parti di esame: era l’unico modo per consentire agli studenti di ripetere parti del programma. Non ho mai sopportato i test a crocette”.

Giovanni Bongiovanni, Rosa Cidu e Stefano Montaldo durante la premiazione
Giovanni Bongiovanni, Rosa Cidu e Stefano Montaldo durante la premiazione

Poco prima, Maria Del Zompo ha raccontato il suo percorso compiuto per fare ricerca, fin dalla scelta della facoltà universitaria: dall’incontro con il prof. Gian Luigi Gessa alla ricerca scientifica negli Stati Uniti, fino al ritorno a Cagliari

Quindi la visione internazionale con la collaborazione al CERN: “Ho avuto la fortuna di vivere il cambiamento di scala nelle collaborazioni: da una decina a numeri molto più alti, al CERN con LHC e ALICE eravamo miglia di persone. Cambia il modo di fare ricerca, così come la scala dei tempi di un esperimento: i primi tempi conoscevamo tutta l’apparecchiatura, dall’inizio alla pubblicazione dei dati. Oggi, invece, i tempi sono molto più lunghi”.

Poco prima, Maria Del Zompo ha raccontato il suo percorso compiuto per fare ricerca, fin dalla scelta della facoltà universitaria: dall’incontro con il prof. Gian Luigi Gessa alla ricerca scientifica negli Stati Uniti, alla scoperta di nuovi maestri e nuove opportunità, fino agli studi compiuti una volta tornata a Cagliari.

“Ancora osiamo troppo poco – ha detto il Rettore sulla parità di genere - In passato era più difficile agire. Ora invece c’è la possibilità per le donne di raggiungere i livelli più alti, dobbiamo fare lobby, non semplicemente amicizia. Oggi le donne scienziate sono riuscite a fare molto, emergono figure femminili che possono essere indicate come modello. È un percorso costruttivo, non distruttivo, da fare insieme ai nostri colleghi: in Ateneo facciamo così, siamo tutto insieme, docenti, personale e studenti”.

Maria Del Zompo al Festival Scienza
Maria Del Zompo al Festival Scienza

Ultime notizie

23 ottobre 2021

L’Università, gli Special Olympics, i campioni: al Cus per un compleanno che segna un pezzo di storia

L’emozione del rettore e dell’intera comunità accademica. A corredo delle sfide a calcetto, basket e tennis, la partecipazione di Joao Pedro, Suazo e i giganti dello scudetto del ’70. A Sa Duchessa, in un’atmosfera inclusiva e solidale, utile per ripartire in presenza e sostenere anche i percorsi di formazione, socializzazione e condivisione che le attività sportive, da sempre, rendono più semplici

22 ottobre 2021

TechLog, tre milioni e mezzo di euro per la formazione avanzata nei trasporti europei con l’Università di Cagliari capofila

Anche i simulatori per la conduzione di gru portainer, bus  e camion al centro della presentazione in rettorato del percorso curato dagli specialisti del Cirem alla guida di Egitto, Spagna, Libano e Tunisia. Logistica, ecologia, competitività ed efficientamento delle prestazioni di addetti portuali e autotrasporto. La conferenza viene aperta da Francesco Mola    

20 ottobre 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

Questionario e social

Condividi su: