UniCa UniCa News Notizie Il coraggio di osare investendo in formazione e innovazione

Il coraggio di osare investendo in formazione e innovazione

Incontro con il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Giuseppe Provenzano in Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche. Maria Del Zompo: “L’Italia è un Paese che non ha futuro, ma forse nemmeno un presente: bisogna investire in innovazione”. Francesco Pigliaru: “E’ certamente più complicato intervenire per aumentare il senso civico della società rispetto ad un investimento in infrastrutture, ma migliorare la qualità della scuola è davvero essenziale”
26 novembre 2019
Un'immagine dell'incontro con il Ministro per il Sud

Il Rettore: "Le imprese non innovano, i bambini entrano nel percorso scolastico troppo tardi, non si investe in formazione. Due casi di eccellenza nella ricerca indicano la strada: cerchiamo insieme una strategia"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 26 novembre 2019 - “Le imprese non innovano, i bambini entrano nel percorso scolastico troppo tardi, non si investe in formazione. L’Italia però è un Paese che non ha futuro, ma forse nemmeno un presente: occorre avere il coraggio e la determinazione di investire in innovazione”. E’ un quadro a tinte fosche, quello descritto da Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, questo pomeriggio nell’Aula Maria Lai della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche per l’avvio della Scuola di Politiche alla presenza del Ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano. L'iniziativa è stata aperta dai saluti del Presidente della Facoltà Stefano Usai e del direttore del Dipartimento di Scienze politiche e sociali, Mariano Porcu.

Ma, nonostante la situazione drammatica descritta dal vertice di UniCa, nelle sue parole c’è una speranza, che passa dall’Università: “Due casi di eccellenza indicano la strada giusta – ha dettagliato con energia il Magnifico – Sono il progetto ARIA, realizzato in una miniera della Carbosulcis, e l’Einstein telescope, che verrà installato in quella di Sos Enattos”.

“E’ una strada da percorrere tutti insieme – ha chiarito - L’università può dare indicazioni importanti, perché non farlo? Dobbiamo soltanto crederci: si può innovare mantenendo la tradizione e senza abbandonare i necessari percorsi biocompatibili. Per investire sull’intelligenza artificiale - per esempio -  servono livelli di formazione diversificati: potrebbe anche essere interessante un investimento anche con i fondi sociali europei”. E ancora: “Sull’Agenda ONU2030 chi vieta di costruire politiche di sviluppo sulle priorità indicate? I dati mostrano anche che in Sardegna aumenta l’occupazione nel cinema: vuol dire che sulla creatività nella nostra regione può nascere ricchezza. Cerchiamo insieme una strategia: dobbiamo osare qualcosa e non aspettare ancora”.

Antonello Cabras, Francesco Pigliaru e Maria Del Zompo
Antonello Cabras, Francesco Pigliaru e Maria Del Zompo

Francesco Pigliaru: "Non bastano i soldi degli investimenti pubblici: puntare solo sulle infrastrutture sarebbe facile, ma anche in definitiva ingenuo. C’è un problema di cultura e di fiducia: le imprese devono crescere insieme"

“Fabiano Schivardi, economista che ha insegnato per qualche anno anche nel nostro Ateneo – ha spiegato Francesco Pigliaru, docente di Economia politica - dimostra in un recente studio che le nostre imprese non sono in grado di sfruttare le possibilità offerte dal digitale. Dobbiamo parlarne di più”.

L’analisi del professore è stata articolata ma molto netta: “Bisogna capire di che malattia soffre il Mezzogiorno: tra gli anni ‘50 e ‘70 cresceva molto di più rispetto al Nord Italia. Intorno agli anni ‘70 questa corsa però si è fermata: il punto è che il gap sul PIL pro capite da allora è rimasto enorme. Occorre capire cosa sta andando male perché le politiche sono come le medicine: se c’è una malattia, serve una diagnosi precisa e soltanto dopo si può pensare alla cura più giusta”.

“Il Mezzogiorno ha infrastrutture molto indietro rispetto alla media nazionale – ha aggiunto - Questo gap può essere nato da due cause: o dalla distrazione dello Stato, come certamente è accaduto, oppure perché quando si spende nel Mezzogiorno, non si ottiene il risultato che viene raggiunto altrove. Alcuni studi mostrano che tra il Trentino e la Calabria – ad esempio - c’è una dispersione nel processo tra l’erogazione dei fondi e la costruzione dell’infrastruttura. Allora forse non bastano i soldi degli investimenti pubblici: puntare solo sulle infrastrutture sarebbe facile, ma anche in definitiva ingenuo. C’è un problema di cultura e di fiducia: le imprese devono crescere insieme. Intervenire per aumentare il senso civico della società è certamente più complicato: in questo senso, migliorare la qualità della scuola è davvero un’azione essenziale”.

Dopo il contributo di Antonello Cabras, Presidente della Fondazione di Sardegna, l’intervento del Ministro ha concluso la serata.

L'intervento di Francesco Pigliaru
L'intervento di Francesco Pigliaru

Ultime notizie

24 maggio 2022

Dottorato di ricerca, e poi? Le tante prospettive per il post-doc

OGGI 24 MAGGIO IN DIRETTA WEB. Grazie agli interventi di molti ex studenti di UniCa, oggi affermati professionisti in diversi contesti lavorativi di ottimo livello, che racconteranno la loro esperienza di successo, l’incontro ‘’Dottorato di ricerca: quale futuro "oltre" l'accademia?’’ permetterà di evidenziare le molteplici opportunità occupazionali al di fuori del mondo accademico. Organizzato dalla Consulta dei Coordinatori dei corsi di dottorato, presieduta dal professor Giuseppe Sergioli, l’evento sarà preceduto dagli interventi del magnifico rettore Mola e dei prorettori Putzu, Colombo e Carucci. COLLEGAMENTO SU TEAMS DALLE 15,30

24 maggio 2022

Cagliari, per una mobilità intelligente e sostenibile

Ideata dai ricercatori del Crimm un’applicazione innovativa e gratuita per smartphone che verrà utilizzata per la prima volta nel capoluogo. Il progetto Svolta ha coinvolto dal 2019 oltre undicimila cagliaritani. Alla conferenza stampa di presentazione prendono parte, per l’Università di Cagliari, Gianni Fenu e Italo Meloni. Per la municipalità intervengono Paolo Truzzu e Alessio Mereu

24 maggio 2022

RadUni. Unica Radio si aggiudica il premio per il miglior programma 2022

Nel corso del festival nazionale delle radio universitarie, a Catania, la radio degli studenti dell'ateneo cagliaritano vince un nuovo riconoscimento con ''Dietro le quinte'', format dedicato alla musica classica in programma al Teatro lirico di Cagliari. Estremamente positivo il commento di Angelo Di Benedetto, speaker di RTL 102.5

23 maggio 2022

DONA IL 5x1000 ALL'ATENEO DI CAGLIARI

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600925

Questionario e social

Condividi su: