UniCa UniCa News Notizie Gli studenti e i ricercatori di UniCa presentano l’Archeofestival Gonnostramatza

Gli studenti e i ricercatori di UniCa presentano l’Archeofestival Gonnostramatza

Il 1 ottobre nell’Aula Consiliare del Comune di Gonnostramatza convegni e laboratori dedicati ad adulti e bambini appassionati di archeologia. Coinvolti anche i dottorandi dell’Università di Granada
01 ottobre 2017
La locandina dell'Archeofestival

di Sara Piras

Nell’ambito del "Gonnostramatza Project. Ricerche archeologiche in Marmilla”, la cattedra di Preistoria e Protostoria dell’Università di Cagliari e il comune di Gonnostramatza organizzano il 1 ottobre l’Archeofestival Gonnostramatza – Territorio e archeologia – Festa delle associazioni. La manifestazione, finanziata dalla Fondazione Banco di Sardegna e dai fondi comunali, ha l’obiettivo di divulgare le conoscenze scientifiche relative all’archeologia del territorio circostante il paese di Gonnostramatza, presentando a giovani e adulti appassionati le ricerche effettuate negli anni dall’Università e dalla Soprintendenza Archeologica.

Durante le prime due annualità del Gonnostramatza Project - con la direzione scientifica del professor Riccardo Cicilloni del Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio ed il coordinamento sul campo del dottor Marco Cabras, dottorando dell’Università di Granada – gli studenti delle Università di Cagliari e Bologna hanno effettuato attività di ricognizione archeologica su siti e monumenti presenti nel territorio di Gonnostramatza.

L’Archeofestival avrà inizio alle 9.30 nell’Aula Consiliare del Comune di Gonnostramatza, con il convegno archeologico “I Tesori archeologici di Gonnostramatza. Dalla tomba di Bingia ‘e Monti alle nuove ricerche”, a cui parteciperanno ricercatori e studiosi dell’Università e della Soprintendenza Archeologica. Il tema archeologico proseguirà alle 17 col Docufilm Gonnostramatza project a cura di N. Castangia, e alle 18.30 con il Viaggio fotografico fra le tombe preistoriche della Sardegna, di R. Cicilloni e N. Castangia.

Per i più piccoli sono invece previsti due laboratori didattici, tenuti dagli studenti del corso di laurea in Beni Culturali dell’Università di Cagliari e da dottorandi dell’Università di Granada: la mattina, dalle 10.30, “Il nuraghe lo costruisco io”, in cui verranno realizzati monumenti preistorici con l’utilizzo dei mattoncini d’argilla; il pomeriggio, dalle 17.30, “Impariamo a fare gli archeologi” in cui verrà simulato uno scavo archeologico.

Per saperne di più visita la pagina Facebook dedicata all’evento e segui l’hashtag #Gonnostramatzaproject.

Consulta il programma completo
Consulta il programma completo

Ultime notizie

11 agosto 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

08 agosto 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

08 agosto 2022

Comunicazione, stasera in tv i cinque corsi di laurea presentati al Poetto

In onda stasera l’approfondimento sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare. "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. Alle 21 su "Panorama sardo - speciale estate"

05 agosto 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie