UniCa UniCa News Notizie Geologia, al via la Summer school

Geologia, al via la Summer school

Dal 20 al 24 luglio si svolgerà a Posada la scuola estiva organizzata dai docenti del corso di laurea in Geologia, rivolta agli insegnanti delle scuole medie superiori. La partecipazione al corso è gratuita e ci si può iscrivere compilando il form nella pagina web dedicata. RASSEGNA STAMPA CON Il SERVIZIO DEL TGR RAI SARDEGNA
19 luglio 2020
Il servizio di Rossella Romano introdotto in studio da Maria Spigonardo andato in onda nel TGR RAI Sardegna delle 14 del 25 luglio 2020

Una summer school di alta formazione, inserita all’interno del Piano delle lauree scientifiche, per fornire nuove prospettive e nuove metodologie per la didattica delle Scienze della Terra

Roberto Ibba

Cagliari, 13 luglio 2020 – Al via il 20 luglio l’edizione 2020 della Summer school di UniCa dedicata alla geologia e alle scienze naturali. Il primo appuntamento alle 9 nel Ceas ‘Casa delle Dame’ di Posada con i saluti inaugurali di Roberto Tola, presidente del Parco di Tepilora, Francesco Mola, Prorettore di UniCa, Ignazio Putzu, Prorettore alla Didattica dell’Università di Cagliari e Antonio Funedda, coordinatore del corso di laurea in Geologia.

La scuola estiva è organizzata dai docenti di UniCa Stefania Da Pelo, Antonio Funedda e Maria Teresa Melis del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche, in stretta collaborazione con Elisabetta Piro, referente dell’Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali – Sezione Sardegna. L’evento è realizzato grazie all’importante supporto del Parco Naturale Regionale di Tepilora -Posada Torpè Lodi e Bitti, della Riserva della Biosfera Tepilora Rio Posada Montalbo e del Ceas di Posada 'Casa delle Dame' con il patrocinio del MUR. Le attività sono comprese nel programma Interreg Marittimo IT-FR.

Antonio Funedda, coordinatore del corso in Geologia
Antonio Funedda, coordinatore del corso in Geologia

Lezioni, seminari e escursioni sul campo per la conoscenza e la sperimentazione di nuovi strumenti per le scienze naturali e la geologia

Per cinque giorni i partecipanti alla scuola estiva, aiutati dalla tutor Maria Irene Marras, seguiranno incontri, lezioni e workshop e parteciperanno a escursioni guidate nel territorio. Durante le giornate saranno presentanti anche i progetti Acqua e Fuoco e MAREGOT.

Il corso intende trasmettere ai partecipanti approcci e modalità concrete per il trasferimento di conoscenze, concetti e competenze attraverso la sperimentazione diretta di tecniche e attività sui temi delle Scienze della Terra. Le attività didattiche della Scuola saranno articolate in seminari, studi sul campo (escursioni, tecniche di monitoraggio, visite guidate), laboratori sperimentali con simulatori e strumenti di realtà aumentata, tra cui: la sandbox per la comprensione dell’evoluzione del paesaggio e per la sua rappresentazione, il simulatore di letto fluviale (EM-river) per la riproduzione e lo studio dell’evoluzione degli ambienti fluviali, l'analisi fotogrammetrica analogica con stereovisori, la fotogrammetria da drone.

La Scuola di Alta Formazione è aperta ai docenti della scuola secondaria e per la partecipazione non è richiesta una quota di iscrizione. I costi del corso sono a carico dell’Istituzione che organizza, mentre sono a carico dei partecipanti i soli costi logistici personali. Ai partecipanti saranno fornite indicazioni sulle sistemazioni alberghiere per coloro che ne avessero necessità. Il corso è registrato su SOFIA Iniziativa Formativa n. 19400 ID Edizione 66947.

L’impegno orario sarà di 40 ore totali e verrà rilasciata la certificazione ai partecipanti che avranno frequentato almeno l’80% delle lezioni.

Durante le attività saranno rispettate tutte le norme di comportamento e le distanze previste dalle norme vigenti per far fronte all’emergenza COVID-19. La Scuola di Alta Formazione prevede una giornata di richiamo (orientativamente febbraio - marzo 2021) per la revisione, approfondimento e discussione didattica delle competenze di attività hands on concordate tra i partecipanti e gli esperti del gruppo di progetto.

Il logo della Summer School
Il logo della Summer School

RASSEGNA STAMPA

LA NUOVA SARDEGNA - Domenica 19 luglio 2020

Nuoro -pagina 27

Da domani a Posada
Summer school per docenti da tutta l'isola al Parco Tepilora

POSADA. I docenti di scienze delle scuole secondarie sarde tornano tra i banchi con la terza edizione della Summer School la scuola di alta formazione che si svolgerà a Posada da domani al 24 luglio. L'iniziativa è del corso di laurea in geologia dell'università di Cagliari, sezione sarda dell'associazione nazionale insegnanti di scienze naturali), ente parco Tepilora, Ceas Posada e riserva di Biosfera MaB Unesco. Venti docenti provenienti da tutta l'isola seguiranno le lezioni nell'ambito delle attività del piano di lauree scientifiche-geologia con l'obiettivo di trasmettere linee guida a fini didattici e perfezionare un modello di insegnamento basato sull'investigazione e sulla ricerca. Si parlerà di dissesto idrogeologico e sostenibilità ambientale e saranno gli strumenti della geologia a trattare questi temi. Il Parco di Tepilora, come gli altri soggetti coinvolti nell'iniziativa, è da tempo impegnato, anche attraverso processi di divulgazione a incrementare la consapevolezza sui comportamenti individuali e collettivi che possono contribuire al corretto utilizzo del territorio e all'eliminazione di alcuni fattori di rischio. Il programma della Summer School è bilanciato tra seminari, studi sul campo, escursioni geologiche, monitoraggio, visite guidate e laboratori sperimentali. «La Summer School che abbiamo l'onore di ospitare - dice il presidente del parco Roberto Tola - sta diventando un punto di riferimento sempre più importante nell'ambito della formazione specialistica offerta in Sardegna. La valorizzazione dei nostri territori deve muoversi di pari passo con la ricerca scientifica che valorizzi e contribuisca a tutelare le ricchezze ambientali che abbiamo la fortuna di avere. L'augurio è quello di poter creare, un domani non troppo lontano, tante occasioni di confronto e formazione di alto livello aperte alla popolazione che siano occasione di crescita». (s.s.)

L'articolo su La Nuova Sardegna del 19 luglio 2020 a pagina 27
L'articolo su La Nuova Sardegna del 19 luglio 2020 a pagina 27

Link

Ultime notizie

03 dicembre 2021

«Tecnologia è Biologia», una conferenza alla Fondazione di Sardegna

Venerdì 3 e sabato 4 dicembre dalle 18, nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna a Cagliari, si svolgerà l'iniziativa dedicata alla conoscenza nell'era digitale con il coordinamento scientifico di Silvano Tagliagambe, l'organizzazione di Kitzanos e EjaTv, il sostegno della Fondazione e il patrocinio dell'Università degli Studi di Cagliari. Previsti gli interventi del Magnifico Rettore, Francesco Mola, e della viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde. RASSEGNA STAMPA

03 dicembre 2021

Cinema in Sardegna, una tavola rotonda per fare il punto

Una tavola rotonda con i registi Salvatore Mereu, Gianfranco Cabiddu, Enrico Pau e Mario Piredda concluderà oggi alle 17.20 nell’Aula Magna Motzo (Sa Duchessa, via Is Mirrionis) le giornate di studio su “Cinema ed economia del territorio”, organizzate dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali e dal Centro per l'educazione ai linguaggi del cinema, degli audiovisivi e della multimedialità (CELCAM) dell’Università degli Studi di Cagliari. RASSEGNA STAMPA

02 dicembre 2021

Idee, arte e cultura a cavallo del Covid

Domani, secondo appuntamento del ciclo di seminari dai temi trasversali e inclusivi. Coordinati da Marco Zurru e Clementina Casula, gli eventi nascono dai dipartimenti di Scienze politiche e sociali e Lettere, lingue e beni culturali, in partnership con l'assessorato alla Cultura del comune di Cagliari e con l'Associazione enti locali, attività culturali e di spettacolo. Le news su iscrizioni e crediti formativi per studentesse e studenti

02 dicembre 2021

Webinar sul progetto ‘‘Acuadori’’

DIRETTA WEB sul CANALE YOUTUBE di UNICA. Venerdì 3 dicembre, dalle 10,30, seminario online riguardante la Piattaforma ICT per la gestione sostenibile dell'acqua destinata alla vitivinicoltura di qualità. Coordina il professor Massimo Barbaro, del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica, responsabile scientifico del progetto per l’Università di Cagliari. Nel team anche Costantino Sirca (Università Sassari), Katiuscia Zedda (Abika), Roberta Pilloni (Cantine Su’Entu) e Federico Razzu (Viticoltori Romangia)

Questionario e social

Condividi su: