UniCa UniCa News Notizie European Universities, l’ateneo di Cagliari nel pool scelto dall’Unione Europea

European Universities, l’ateneo di Cagliari nel pool scelto dall’Unione Europea

OGGI ALLE 15 IN AULA MAGNA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA L’EVENTO VIENE APERTO DAL RETTORE MARIA DEL ZOMPO. Il progetto Educ è coordinato dall’Università di Potsdam e coinvolge anche Parigi-Nanterre, Rennes 1 (Francia), Masaryk (Brno, Repubblica Ceca) e Pecs (Ungheria). “Si lavora per creare una cooperazione a sostegno dei valori europei, quali inclusione, istruzione superiore, innovazione e ricerca scientifica” spiega il pro rettore Alessandra Carucci.
14 novembre 2019
Coinvolte tutte le componenti universitarie. A fondo pagina il link alla locandina con il programma dell'evento informativo

Assieme per l'inclusione, la formazione avanzata e la ricerca scientifica


Mario Frongia

Giovedì 14 novembre, dalle 15 alle 17, nell'aula magna della facoltà di Ingegneria e architettura - via Marengo, Cagliari - il rettore Maria Del Zompo apre l’incontro informativo con le componenti dell'ateneo coinvolte nel progetto ''European Digital UniverCity'' (Educ). Ai lavori - coordinati da Alessandra Carucci, pro rettore Internazionalizzazione - prende parte anche un delegato dell’Agenzia nazionale Erasmus. Insomma, anche la Sardegna dell’alta formazione e della cultura in campo per disegnare un pezzo di storia.

 

Cagliari. L'aula magna di Ingegneria e architettura
Cagliari. L'aula magna di Ingegneria e architettura

I magnifici 6. La scelta dell’Unione Europea nell'ambito del programma Erasmus+

All’evento di Cagliari partecipano i rappresentanti del personale universitario, del territorio, delle istituzioni locali e delle parti sociali, con particolare riferimento ai rappresentanti del mondo del lavoro che fanno parte dei comitati di indirizzo dei corsi di studio. L’Università di Cagliari è entrata a far parte del gruppo di atenei selezionati dall’Unione Europea nell'ambito del programma Erasmus+ “European Universities”. “Il programma - spiega  il pro rettore Alessandra Carucci - ha lo scopo di creare una cooperazione a lungo termine a sostegno dei valori europei, dell’inclusione e dell’innovazione nella didattica dell’istruzione superiore e nella ricerca scientifica. Per favorire questa cooperazione strutturale - capace di aumentare enormemente il potenziale di trasformazione dell'Unione Europea - sono state costituite 17 “Alleanze”, quali consorzi tematici e basi operative per riunire università accomunate da caratteristiche e progetti comuni, finalizzati allo sviluppo di buone pratiche e strategie vincenti per il futuro dell’alta formazione nel Continente”.

I delegati dei sei atenei prescelti dall'Unione Europea. A sinistra, Alessandra Carucci
I delegati dei sei atenei prescelti dall'Unione Europea. A sinistra, Alessandra Carucci

L'alleanza di cui fa parte l’Università di Cagliari ha ottenuto dall’UE il riconoscimento del proprio impegno e della volontà strategica di università del futuro con il finanziamento del progetto “European Digital UniverCity” (Educ). “Il progetto - sottolinea la professoressa Carucci - ha per obiettivo prioritario la promozione di nuovi modelli di mobilità fisica e virtuale di studenti, docenti e staff, favorire progetti di ricerca comuni e affrontare le sfide della società in maniera innovativa e multidisciplinare”.

 

L'Educ promuove modelli di mobilità per studenti, docenti e staff
L'Educ promuove modelli di mobilità per studenti, docenti e staff

Ciascuna "alleanza" del programma European Universities ha a disposizione un budget di cinque milioni di euro

I progetti, di durata triennale, sono stati avviati ufficialmente il primo ottobre scorso con  uno stanziamento globale di 85 milioni di euro (5 milioni per ciascun consorzio). Tra i temi chiave, il confronto sul fondamentale ruolo di "fautore del cambiamento" che European Universities si propone per il prossimo futuro, grazie alla definizione e applicazione dei futuri standard comunitari per le università. Oltre all’ateneo di Cagliari, le altre dieci "European Universities" italiane sono Bologna, Milano, Milano Bocconi, Padova, Palermo, Roma Sapienza, Roma Tor Vergata e Trento, con Accademia delle Belle Arti di Roma e Politecnico di Torino.

 

Ottantacinque milioni di euro per un'Europa moderna e un'alta formazione di qualità
Ottantacinque milioni di euro per un'Europa moderna e un'alta formazione di qualità

Allegati

Link

Ultime notizie

17 gennaio 2020

Psicologia della Salute, c’è la Scuola di specializzazione

Domande di partecipazione alla selezione entro il 30 gennaio. Formerà psicologi specialisti nel campo della salute, in una prospettiva multidisciplinare, con un titolo che consente di poter partecipare ai concorsi per Dirigente Psicologo del Servizio Sanitario Nazionale e abilita all’esercizio della professione psicoterapeutica. ON LINE IL BANDO E LE ISTRUZIONI PER PARTECIPARE

16 gennaio 2020

Sviluppo sostenibile, via al dialogo con la Regione

Durante l’incontro tra il Rettore Maria Del Zompo e l’Assessore Gianni Lampis è stata rimarcata la condivisione di principi e obiettivi dell’Agenda 2030 sullo Sviluppo sostenibile. Verso la costituzione di un gruppo di lavoro per organizzare insieme specifiche iniziative sul tema

15 gennaio 2020

Elezioni Consiglio Universitario Nazionale

Giovedì 16 gennaio ultima delle tre giornate di voto per eleggere nel CUN un professore di I fascia dell’area scientifico-disciplinare 14, un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 06 e un ricercatore dell’area scientifico-disciplinare 08. Seggio aperto in Rettorato dalle 11 fino alle 13.45

15 gennaio 2020

5G: l’Università di Cagliari tra i sei vincitori del Bando Mise

Progetto da oltre un milione di euro in collaborazione con Linkem e Tiscali. Un grande risultato per l’Università di Cagliari, capofila, grazie alla sperimentazione coordinata dal professor Luigi Atzori, del Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica, terza classificata tra le proposte relative al “Programma di supporto delle tecnologie emergenti nell'ambito del 5G”. Dimostrata ancora una volta la capacità dell'Ateneo di proporre ricerca scientifica di elevato valore nel settore delle comunicazioni di nuova generazione. Coinvolti anche l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, GreenShare, Flosslab, la Regione Sardegna, i comuni di Cagliari, Guspini e Iglesias, il CTM e Abbanoa

Questionario e social

Condividi su: