UniCa UniCa News Notizie European Digital UniverCity, manifestazione di interesse per docenti e ricercatori di UniCa

European Digital UniverCity, manifestazione di interesse per docenti e ricercatori di UniCa

Lunedì 15 giugno scade il termine per candidare idee progettuali di didattica internazionale, con mobilità virtuale, nell’ambito dell’Università Europea EDUC. La call a pochi giorni dall'ufficializzazione dei temi prioritari e strategici sui quali i ricercatori dei sei atenei alleati (Potsdam, Cagliari, Pécs, Brno, Rennes, Paris-Nanterre) rafforzeranno la loro cooperazione interdisciplinare nei prossimi anni
31 maggio 2020
Il progetto 'European Digital UniverCity, coordinato dall’Università di Potsdam (Germania), oltre all’ateneo cagliaritano coinvolge anche le università di Parigi-Nanterre, Rennes 1 (Francia), Masaryk (Brno, Repubblica Ceca), Pecs (Ungheria)

EUROPEAN UNIVERSITIES. Obiettivo dei sei partner europei EDUC è creare un ateneo internazionale integrato, quale nuova comunità accademica per docenti, studenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo

Ivo Cabiddu 
   
Le sei università europee dell’Alleanza EDUC, tra cui l’Ateneo di Cagliari, hanno promosso contemporaneamente una manifestazione di interesse, rivolta ai propri docenti e ricercatori per sviluppare idee progettuali di didattica innovativa con mobilità virtuale.

FINALITÀ. Le attività di questa azione sono dirette in modo specifico alla proposta e sperimentazione di scenari di mobilità e scambi virtuali, da armonizzare in percorsi didattici digitali rivolti agli studenti delle Università del consorzio internazionale EDUC. L’obiettivo è di promuovere cambiamenti sia sotto il profilo formativo, a livello di studenti e docenti, sia sotto il profilo dei processi e delle strutture organizzative dedicate, sviluppando diverse opportunità di apprendimento e di insegnamento.

Per l'Università di Cagliari il coordinamento EDUC è curato dalla professoressa Alessandra Carucci, prorettore all'Internazionalizzazione
Per l'Università di Cagliari il coordinamento EDUC è curato dalla professoressa Alessandra Carucci, prorettore all'Internazionalizzazione

La manifestazione di interesse è volta a selezionare idee progettuali di insegnamento che riceveranno il supporto e l’assistenza nell’ambito dell’Alleanza EDUC

CANDIDATURE. Ricercatori e docenti interessati a lavorare e confrontarsi con un ambiente internazionale, a sviluppare moduli di formazione virtuali europei (corsi online, lezioni virtuali, video e altri moduli e nuovi metodi di coinvolgimento degli studenti) possono rispondere ad un semplice questionario entro il 15 giugno. Il link al questionario e al testo della call è stato inviato a tutti i docenti e ricercatori, direttamente tramite email.

Per risultare ammissibili ed essere selezionati i progetti formativi devono prevedere una parte di mobilità virtuale e internazionale destinata agli studenti e avere in programma moduli e/o corsi multilingue

SUPPORTO INTERNAZIONALE. L’occasione offerta da EDUC rappresenta un’ottima opportunità, soprattutto alla luce degli eventi recenti che hanno dimostrato come gli scambi e la formazione in modalità virtuale possano oltrepassare le frontiere e aiutare gli studenti ad apprendere in modo diverso, creando connessioni nonostante le distanze.
I progetti formativi selezionati saranno ampiamente supportati. Educ prevede di sostenere ed assistere i docenti/ricercatori e le loro proposte tramite diversi strumenti, tra cui:

  • adattamento e/o sviluppo di contenuti online e digitali da utilizzare nell’ambito dell'Alleanza (video per l'apprendimento misto, lezioni registrate, traduzioni o sottotitoli);
  • supporto tecnico (per video, traduzioni etc.);
  • accesso a risorse e spazi virtuali per l’apprendimento online;
  • pacchetti formativi e mobilità virtuale (MOOC, collaborazioni di studenti online);
  • collaborazione con altri docenti al fine di sviluppare e migliorare le pratiche pedagogiche attraverso l'Alleanza EDUC e opportunità di entrare a far parte di una “Community of Practice” dei docenti per condividere e contribuire allo sviluppo degli strumenti formativi di EDUC.
Il logo del consorzio interuniversitario europeo "EDUC" e dei sei atenei partner
Il logo del consorzio interuniversitario europeo "EDUC" e dei sei atenei partner

PROGETTO EDUC: sei università nazionali europee coalizzate e sinergiche per formare un unico grande ateneo internazionale e multidisciplinare

TEMI DELLA COOPERAZIONE. Sempre in ambito EDUC, il consorzio di università europee di cui fa parte l’Ateneo di Cagliari, è di pochi giorni fa la conferma (clicca qui per la news su Unica.it) che la cabina di regia di questo progetto internazionale finanziato dall’UE ha selezionato i temi prioritari e strategici sui quali i ricercatori dei sei atenei alleati rafforzeranno la loro cooperazione interdisciplinare nei prossimi anni. “Il prossimo passo – ha spiegato la professoressa Alessandra Carucci, prorettore all’Internazionalizzazione e responsabile Educ per UniCa – sarà l’organizzazione di seminari specifici su ogni tematica per consentire a dottorandi e ricercatori senior delle università EDUC di incontrarsi, presentare le attività, discutere e possibilmente avviare nuove collaborazioni o rafforzare quelle esistenti, aumentando anche il numero di partner”. Questi seminari, a breve le modalità di partecipazione e il calendario dettagliato, si terranno a partire dall’autunno nei cinque Paesi EDUC, a seconda dell’ateneo partner responsabile dell'organizzazione:

  • Lifelong Health and Wellbeing - Pécs (Ungheria)
  • Cyber Security and Artificial Intelligence - Masaryk (Brno, Repubblica Ceca)
  • European Union Studies - Cagliari (Italia)
  • Sustainable Changes: climate and resources - Potsdam (Germania)
  • Justice, inequality and inclusion - Paris-Nanterre (Francia)
  • Mobility / Smart cities - Rennes (Francia)
  • Culture and heritage - Paris-Nanterre (Francia)


=====================================
EDUC, LE NEWS PRECEDENTI SUL NOSTRO SITO:
=====================================

 

 

 

 

1a pubbl. 26/05/2020 

Link

Ultime notizie

04 marzo 2021

Inaugurazione dell'Anno Accademico, cerimonia il 4 marzo

Si svolgerà alle 10.30 la cerimonia di inaugurazione dell'Anno Accademico 2020/2021. La prolusione affidata ad Alberto Mantovani, immunologo e oncologo di fama mondiale, avrà come tema "Immunità, dal cancro a COVID-19: sogni e sfide". Dopo gli interventi istituzionali e la relazione del Rettore Maria Del Zompo, sarà scoperta una targa commemorativa per i 400 anni dal Regio Privilegio di Fondazione del 1620. DIRETTA STREAMING della cerimonia sul sito e sui canali social di UniCa

28 febbraio 2021

Reti neurali artificiali, luce sul processo di addestramento

La ricerca di Giuliano Armano, del Dipartimento di Matematica e Informatica, ha aperto la scatola nera sulle modalità di apprendimento delle reti neurali artificiali. Attraverso la costruzione di diagrammi, il ricercatore ha scoperto che nel processo di addestramento si formano precisi schemi di successo o di fallimento. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports, del gruppo Nature, e potrà avere importanti sviluppi applicativi e tecnologici

27 febbraio 2021

Ingegneria per l’ambiente e il territorio, festa per i primi double degree

Si tratta del secondo percorso di doppio titolo attivato dall’Università di Cagliari che arriva alle prime lauree dopo la laurea triennale in Economia e Gestione Aziendale con la University of Applied Sciences di Bielefeld, Germania. La soddisfazione di Alessandra Carucci, Prorettore per l’Internazionalizzazione: “Nonostante le difficoltà legate alla pandemia, gli studenti sono arrivati alla conclusione del percorso con successo”. Riccardo Ledda, Lukasz Bartocha e Mateusz Andrzej Frejda i primi laureati. RASSEGNA STAMPA

25 febbraio 2021

APPesca, presentata l'applicazione

E' stata presentata, nella sede dell'AGCI a Cagliari, l'applicazione "APPesca - Riccio di mare" nata dalla collaborazione con i dipartimenti di Ingegneria Elettrica ed Elettronica (Diee) e Scienze della Vita e dell’Ambiente (Disva) del nostro Ateneo. I docenti Luigi Atzori e Andrea Sabatini hanno illustrato il funzionamento e le possibilità di sviluppo dell'applicativo che nei prossimi giorni sarà testato da un gruppo di pescatori

Questionario e social

Condividi su: