UniCa UniCa News Notizie Disturbi del neurosviluppo e dipendenze patologiche, un problema trascurato

Disturbi del neurosviluppo e dipendenze patologiche, un problema trascurato

Dalla Cittadella di Monserrato una linea diretta con le tre giornate di lavori del 4° Forum nazionale sulle dipendenze patologiche, in corso a Riva del Garda. L’iniziativa - coordinata dalla prorettrice per il presidio della Cittadella universitaria, Paola Fadda - si svolge grazie alla collaborazione tra il Dottorato di ricerca in neuroscienze dell’Università di Cagliari e l’Istituto di neuroscienze del Cnr insieme ai colleghi medici e farmacologi di Verona
02 dicembre 2022
Addictus 2022

Dipendenze patologiche, tre giornate di Forum nazionale

Dalle 9,30 è in corso a Monserrato il collegamento in diretta web con il Centro Congressi di Riva del Garda per "Addictus", il 4° Forum nazionale sulle dipendenze patologiche

L’iniziativa - coordinata dalla prorettrice per il presidio della Cittadella universitaria, Paola Fadda - si svolge nella Sala Congressi del Blocco I (asse di Medicina e Chirurgia) grazie alla collaborazione tra il dottorato di ricerca in neuroscienze dell’Università di Cagliari e l’Istituto di neuroscienze del Cnr insieme ai colleghi medici e farmacologi di Verona.

2 dicembre 2022 - Un'immagine dell'Aula Rossa di Monserrato. Nel riquadro la professoressa Paola Fadda
2 dicembre 2022 - Un'immagine dell'Aula Rossa di Monserrato. Nel riquadro la professoressa Paola Fadda

Dal sito del 4° Forum nazionale sulle dipendenze patologiche

ADDICTUS. Evento nato con l’obiettivo di mettere in contatto ricercatori scientifici e operatori del settore delle dipendenze con la società civile (insegnanti, genitori, popolazione generale), spesso disinformata da campagne terroristiche e da un uso spregiudicato dei dati scientifici o da una comunicazione giornalistica improntata a un fuorviante sensazionalismo. Le tre giornate di lavori sono organizzate grazie alla sinergia tra Servizio di Medicina delle Dipendenze dell’Azienda Ospedaliera di Verona, Centro Lotta alle Dipendenze Onlus e Unità Operativa Dipendenze dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento, con la regia organizzativa di Renbel Group Meeting & Eventi e Riva del Garda Fierecongressi. Previsti dall'organizzazione vari collegamenti in streaming che coinvolgeranno alcune sedi universitarie sparse sul territorio nazionale, tra cui l'Università di Cagliari.

PRESENTAZIONE. Clinici e ricercatori, coinvolti anche nella didattica universitaria, sono convinti che tutte le dipendenze, siano esse da sostanze illecite, da alcol, da farmaci psicotropi o dipendenze comportamentali, abbiano una radice comune e debbano ricevere la stessa considerazione di tutte le altre malattie, sia organiche che mentali. Come le altre malattie la dipendenza deve quindi avere una diagnosi (capire, nello specifico, di cosa si tratta) e un trattamento appropriato (il più possibile mirato), che preveda un percorso di cura sufficientemente integrato per evitare ricadute e/o complicazioni. Se il percorso assistenziale prevede la regia dei servizi specialistici delle dipendenze, è indispensabile che questi operino in rete con altri servizi sociosanitari pubblici e privati, così come realtà del terzo settore, che solo insieme possono rispondere in modo appropriato ed efficace, alla complessità dei bisogni delle persone con problematiche di dipendenza e delle loro famiglie. Ciò è di particolare importanza quando parliamo di adolescenti, perché il rischio di sviluppare dipendenza da parte di un giovane è senza dubbio basso ma si eleva in certi disturbi neuro-psichici comuni, portando il rischio di sviluppare una o più dipendenze fin oltre il 50% dei casi. Ecco perché è importante che il confronto fra esperti e con altri portatori di interesse e la comunità tutta, sia quanto mai opportuno, per far sì che il temibile disturbo che è l’addiction (dal latino addictus, schiavo per debiti) non prenda piede e, qualora invece si verifichi, possa essere efficacemente curato.

PROGRAMMA. Addictus 2022 si caratterizza per tre giornate indipendenti tra loro. La prima giornata di venerdì 2 dicembre affronterà il problema trascurato della relazione fra i Disturbi del Neuro-sviluppo, verterà sugli stretti rapporti che i disturbi del neuro-sviluppo (ad esempio la Sindrome di Tourette e i comportamenti per lo spettro autistico) con le dipendenze patologiche, problema, come è sempre più evidente, ineludibile per chi si occupa di dipendenze e/o di questi disturbi. La seconda giornata di sabato sarà suddivisa in due sessioni parallele: una dedicata ai Disturbi da Uso di alcol di cui si analizzeranno l’epidemiologia, i fattori di rischio, le opportunità di prevenzione, cura e riabilitazione; l’altra alla riabilitazione nelle comunità terapeutiche e strutture riabilitative intermedie nelle dipendenze patologiche, e volta a un confronto su innovazione e futuri sviluppi in questo ambito. Queste due prime giornate (fruibili anche singolarmente) saranno gratuite, ECM per tutte le figure professionali e non sponsorizzate da ditte farmaceutiche. La terza giornata avrà invece le caratteristiche della corretta informazione: una carrellata sulle più comuni dipendenze spiegate un modo semplice ma scientificamente corretto alla popolazione, ponendo particolare attenzione alla realtà trentina. Previste inoltre sessioni parallele di approfondimento ed eventi informativi e culturali sempre correlati alla tematica delle dipendenze: una mostra iconografica sulla rappresentazione delle dipendenze nel cinema e nella cultura nei decenni passati e una mostra di taglio neuro-scientifico sulle dipendenze, interattiva. In programma anche l'assegnazione del premio letterario “Marco Faccini”, per racconti sul tema gioco d’azzardo (i prescelti dalla giuria saranno sono in un libro, disponibile in sede congressuale).

 

Sito del congresso

Programma

 

 

(ic)

Un'altra immagine dell'iniziativa organizzata dalla professoressa Fadda per seguire i lavori del Forum nazionale
Un'altra immagine dell'iniziativa organizzata dalla professoressa Fadda per seguire i lavori del Forum nazionale

Ultime notizie

31 gennaio 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali

30 gennaio 2023

La forza del ricordo come antidoto al male

Una foltissima partecipazione lunedì 30 al convegno organizzato dall'ateneo per il Giorno della Memoria. Autorità civili, militari e religiose, tantissimi studenti a simboleggiare il passaggio del testimone per continuare a non dimenticare l'orrore dell'Olocausto. Gli interventi del rettore Francesco Mola, del direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari, del professor Michele Camerota, del presidente della Regione Christian Solinas, dell'assessora alla pubblica istruzione del comune di Cagliari Marina Adamo. Al termine della manifestazione è stata scoperta la targa commemorativa in onore di Davide Teodoro Levi, Alberto Pincherle, Camillo Viterbo, i tre docenti di UniCa colpiti dalle leggi razziali del '38. SERVIZIO E PHOTOGALLERY

27 gennaio 2023

Rita Levi-Montalcini e la sua lezione sulle donne di scienza

Venerdì 27 gennaio alle 17:30 il dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Cagliari ha ospitato Piera Levi-Montalcini, nipote del Premio Nobel Rita Levi-Montalcini, nell’ambito dell’incontro “In direzione ostinata e contraria. L’insegnamento di Rita Levi-Montalcini per la promozione dei percorsi femminili nelle aree STEAM.” L'evento trasmesso anche in diretta sulla piattaforma Microsoft Teams.

26 gennaio 2023

Torna la Coppa Rettore di calcio a 11

SCADENZA ISCRIZIONI IL 10 FEBBRAIO. Il torneo universitario 2023 è organizzato dal Cus Cagliari in collaborazione con l’ateneo. Ogni squadra (necessario per tutti il certificato medico) può essere composta da un numero illimitato di studenti, anche appartenenti a facoltà diverse, che per tutta la durata del campionato non potranno giocare con nessun altro team partecipante

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie