UniCa UniCa News Notizie Dal CLab di UniCa al progetto da un milione di euro - Bacfarm sul podio con il brevetto sui carotenoidi

Dal CLab di UniCa al progetto da un milione di euro - Bacfarm sul podio con il brevetto sui carotenoidi

La start up nata nel ContaminationLab dell'ateneo di Cagliari tra le prime cinque in Italia al "Life Science Innovation 2020" per l'idea innovativa sull'estrazione delle biomolecole antiossidanti con formidabili sviluppi in medicina, farmacia, alimentazione. "Sono stati selezionati anche per un modello di business alternativo, efficiente e sostenibile" dice Maria Chiara Di Guardo
26 maggio 2020
Il team Bacfarm. Da sinistra, Davide Emilio Lobina, Giulia Cantalupi e Samuele Antonio Gaviano

Bacfarm, innovazione e intuito per sfidare il mondo

Mario Frongia

Tra le prime cinque su 137 candidature su scala nazionale. Bacfarm, start up maturata  nel Contamination Lab dell'Università di Cagliari ha colto l'attimo. E consolidato la propria mission. Il team cagliaritano ha superato brillantemente la selezione alla seconda edizione di "Life Science Innovation 2020". Il quotato bando internazionale da un milione di euro messo a disposizione da Fondazione Golinelli e G-Factor, è banco di prova competitivo, motivante e di alto profilo. Rivolto a progetti di innovazione e nuove imprese del settore delle scienze della vita, "Life Science Innovation 2020" è dedicato a quanti hanno e sviluppano un’idea vincente nei settori pharma e biotech, medtech, nutraceutica, bioinformatica e bioingegneria. "Bacfarm ha un modello di business che rappresenta l'alternativa efficiente e sostenibile all'industria tradizionale del settore, grazie a materia prima, tecnologia e prodotti innovativi. Lo sfruttamento della biomassa batterica - rimarca Maria Chiara Di Guardo - prorettore Innovazione e territorio - consente infatti di evitare la necessità di filiere, riduce i costi e gli sprechi".

 

Maria Chiara Di Guardo in una recente lezione nella sede del Crea, Centro servizi d'ateneo per l'innovazione e l'imprenditorialità
Maria Chiara Di Guardo in una recente lezione nella sede del Crea, Centro servizi d'ateneo per l'innovazione e l'imprenditorialità

L'estrazione dei carotenoidi, una storia avvincente e di successo

Bacfarm ha iniziato la sua avventura all’interno del CLab Unica e da qualche mese ha fatto un ulteriore balzo in avanti trasformandosi in Junior spin-off dell'ateneo di Cagliari. Il trio è composto da Giulia Guadalupi (Ceo-Cto&co-founder, laurea Biologia cellulare e molecolare, Cagliari), Samuele Antonio Gaviano (Coo&co-founder, studente Scienze biologiche, Cagliari) e Davide Emilio Lobina (Cbo&co-founder, laurea in Agricultural&food economics-Università Cattolica Sacro Cuore, Milano). La start up utilizza una tecnologia innovativa per l'estrazione dei carotenoidi, biomolecole antiossidanti con grandi benefici per la salute umana e animale, utili per diverse applicazioni: dalla cosmesi alla nutraceutica, dall'alimentazione alla medicina e alla farmacia.

 

Sfida e palcoscenico senza confini
Sfida e palcoscenico senza confini

Ricerca, intuito e talento. Un percorso speciale, tra determinazione e la voglia di provarci fino in fondo

All'interno del ContaminationLab dell'ateneo, "costruito" e diretto dalla professoressa Di Guardo, Bacfarm ha utilizzato una tecnologia brevettata dall’Università di Cagliari, nata nel laboratorio di Fisiologia vegetale e fotobiologia diretto da Dario Piano. "Siamo stati i primi ad estrarre efficacemente la deinoxantina" spiega il professor Piano. La deinoxantina viene definita "il nuovo re dei carotenoidi". In breve, un balzo con rilevanti rimbalzi scientifici, economici, commerciali. Con l’ingresso all’interno dell’azionariato di una player importante come Fondazione Golinelli e il processo di crescita all’interno di G-Factor, Bacfarm conta di diventare in breve tempo un’azienda competitiva nel settore dei carotenioidi. "Fondazione Golinelli, anche in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, non interrompe il proprio piano strategico di investimento ma anzi lo rilancia - dice Andrea Zanotti (presidente Fondazione Golinelli) - e conferma il suo fondamentale ruolo nella promozione di imprese che provengono dal mondo della ricerca".

La Fondazione Golinelli e G-Factor assieme per le start up che possono cambiare benessere e salute
La Fondazione Golinelli e G-Factor assieme per le start up che possono cambiare benessere e salute

Ultime notizie

29 novembre 2020

EDUC, la presentazione dell'Alleanza tra atenei europei

Martedì 1 dicembre dalle 14 si svolgerà l'evento annuale di presentazione della rete EDUC, l'alleanza europea di università di cui fa parte il nostro Ateneo. Sarà l'occasione per illustrare le iniziative e le opportunità di studio e ricerca per studenti, studentesse, docenti. UniCa sarà rappresentata da Alessandra Carucci, Prorettore all'Internazionalizzazione. Recentemente il Rettore Maria Del Zompo ha presentato il progetto EDUC, a nome di tutta l'Alleanza, al primo meeting dei network universitari europei. IL LINK PER SEGUIRE L'EVENTO

28 novembre 2020

Maria Del Zompo su D di Repubblica

L’inserto del quotidiano nazionale dedica un lungo e dettagliato servizio di Gloria Riva alle donne che attualmente ricoprono la carica di rettore negli Atenei italiani. L’articolo – che indaga la scarsa presenza femminile nei posti di più alta responsabilità - si apre e si chiude con il vertice dell’Ateneo di Cagliari. Oggi, sabato 28 novembre, in tutte le edicole italiane

27 novembre 2020

La Notte europea dei ricercatori tra territorio e società civile

Undici dipartimenti e oltre settanta specialisti dell’ateneo coinvolti nell'evento Sharper2020. Il rettore Maria Del Zompo ha aperto l’evento on line e sul web c "Vi auguro di divertirvi e soddisfare la vostra sete di conoscenza. Colgo l'occasione per sottolineare la nostra attenzione e il nostro lavoro contro le discriminazioni e le violenze di genere". Una proficua maratona sulla scienza avvicinante, coinvolgente e spiegata alle nuove generazioni

27 novembre 2020

I 400 anni di UniCa colorano le notti di Cagliari

Fino al 30 novembre dalle 17.30 alle 23 è possibile ammirare sulla Torre dell'Elefante il logo ideato da Stefano Asili e scelto dall’Ateneo per celebrare i quattro secoli di vita. Un altro modo, innovativo e di grande impatto visivo, per dimostrare la vicinanza dell’Università ai cagliaritani e ai sardi in generale: “Uniti nel sapere da 400 anni”. Un simbolo fortissimo per tutti i cagliaritani illuminato nella felice ricorrenza della Notte dei Ricercatori. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: