UniCa UniCa News Notizie Cancro alla tiroide, la pandemia ha ridotto il numero degli interventi chirurgici

Cancro alla tiroide, la pandemia ha ridotto il numero degli interventi chirurgici

Pubblicato sul British Journal of Surgery uno studio retrospettivo nazionale promosso da Pietro Giorgio Calò e Fabio Medas del Dipartimento di Scienze chirurgiche dell'Università di Cagliari. Gli interventi su pazienti affetti da carcinoma tiroideo sono calati del 30% su scala nazionale rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso: è necessario non ritardare gli screening e le visite programmate, avvertono gli specialisti. RASSEGNA STAMPA
08 marzo 2021
Chirurghi al lavoro in sala operatoria

La ricerca multicentrica ha coinvolto 28 tra i maggiori centri di endocrinochirurgia italiani, e ha avuto come scopo la valutazione dell'attività chirurgica per tumori maligni tiroidei durante i primi 6 mesi della pandemia di COVID-19 in Italia

Sergio Nuvoli

Cagliari, 8 marzo 2021 - E’ stato pubblicato sulla prestigiosa rivista British Journal of Surgery lo studio Thyroid surgery during COVID-19 pandemic in Italy (THYCOVIT), promosso da Pietro Giorgio Calò e da Fabio Medas, rispettivamente ordinario e ricercatore di Chirurgia generale.del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Cagliari.

Si tratta di una ricerca multicentrica, che ha coinvolto 28 tra i maggiori centri di endocrinochirurgia italiani, e ha avuto come scopo la valutazione dell'attività chirurgica per tumori maligni tiroidei durante i primi 6 mesi della pandemia di COVID-19 in Italia. Tra gli autori dell’articolo, con Calò e Medas figurano numerosi big della chirurgia italiana.

“La pandemia da COVID-19 ha rappresentato un grave onere per la salute pubblica – si legge nell’articolo - L'Italia è stata pesantemente colpita, con quasi 2 milioni di casi confermati e quasi 70mila decessi. A livello globale, le autorità sanitarie hanno limitato l'assistenza medica alle procedure di emergenza, rinviando l'attività chirurgica elettiva”.

Il prof. Calò dirige il Dipartimento di Scienze chirurgiche
Il prof. Calò dirige il Dipartimento di Scienze chirurgiche

Il lavoro promosso dai due specialisti dell’Università di Cagliari ha incluso in tutto 1570 pazienti affetti da carcinoma tiroideo, e ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per questa patologia di circa il 30%

Il lavoro promosso dai due specialisti dell’Università di Cagliari ha incluso in tutto 1570 pazienti affetti da carcinoma tiroideo, e ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per questa patologia di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

“Dallo studio è emerso inoltre che, durante i primi mesi della pandemia, le risorse sono state concentrate dalle unità operative per non ritardare gli interventi dei tumori maggiormente aggressivi”, spiega Calò, che è anche direttore del Dipartimento di Scienze chirurgiche dell’Ateneo cagliaritano.

“Il nostro studio sottolinea la necessità di proseguire adeguate attività di screening, chirurgiche e di follow-up per le neoplasie tiroidee – rimarca Medas - perchè un rallentamento di queste attività potrebbe portare nel breve futuro ad un incremento dell'incidenza di tumori con caratteristiche aggressive e prognosi peggiore”.

Gli autori raccomandano di non ritardare i programmi di screening e le visite programmate, che potrebbero essere spostate in contesti non ospedalieri.

Fabio Medas, ricercatore del Dipartimento di Scienze chirurgiche
Fabio Medas, ricercatore del Dipartimento di Scienze chirurgiche

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 9 marzo 2021

Cagliari - pagina 18

Pubblicato il risultato dello studio di due ricercatori cagliaritani

Tumori alla tiroide, interventi ridotti del 30%

Alberto Mantovani, l'oncologo e immunologo italiano più citato nel mondo, lo ha detto in un'intervista rilasciata all' Unione nei giorni scorsi: nel Sud Italia, e anche nell'Isola: i ritardi nelle campagne di screening e i rinvii delle visite generati dalla pandemia in corso produrranno effetti pesantissimi sui tumori.
A confermarlo c'è una ricerca promossa da Pietro Giorgio Calò e da Fabio Medas, rispettivamente ordinario e ricercatore di Chirurgia generale del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università, che ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per tumori maligni tiroidei di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.
Coinvolti 1.570 pazienti
Lo studio, effettuato su 1.570 pazienti, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista British Journal of Surgery lo studio Thyroid surgery during Covid-19 pandemic in Italy. «La pandemia da Covid-19 ha rappresentato un grave onere per la salute pubblica», si legge nell'articolo. «L'Italia è stata pesantemente colpita, con quasi 2 milioni di casi confermati e quasi 70mila decessi. Durante i primi mesi della pandemia, le risorse sono state concentrate dalle unità operative per non ritardare gli interventi dei tumori maggiormente aggressivi», spiega Calò, che è anche direttore del Dipartimento di Scienze chirurgiche dell'Ateneo cagliaritano. «Il nostro studio sottolinea la necessità di proseguire adeguate attività di screening, chirurgiche e di follow-up per le neoplasie tiroidee», rimarca Medas, «perché un rallentamento di queste attività potrebbe portare nel breve futuro ad un incremento dell'incidenza di tumori con caratteristiche aggressive e prognosi peggiore».
Riprendere gli screening
Gli autori raccomandano, dunque, alle autorità sanitarie di non ritardare i programmi di screening e le visite programmate, che potrebbero essere spostate in contesti non ospedalieri.

La notizia su L'Unione Sarda del 9 marzo 2021 a pagina 18
La notizia su L'Unione Sarda del 9 marzo 2021 a pagina 18

LA NUOVA SARDEGNA del 10 marzo 2021

Primo piano - pagina 5

Allarme da Cagliari: "Non trascurate i tumori"

Uno studio di due docenti universitari riaccende i riflettori sul tema dei carcinomi tiroidei

CAGLIARI. È stato pubblicato sulla prestigiosa rivista British Journal of Surgery lo studio "Thyroid surgery during Covid-19 pandemic in Italy" promosso da Pietro Giorgio Calò e da Fabio Medas, rispettivamente ordinario e ricercatore di Chirurgia generale del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Cagliari. Si tratta di una ricerca multicentrica, che ha coinvolto 28 tra i maggiori centri di endocrinochirurgia italiani, e ha avuto come scopo la valutazione dell'attività chirurgica per tumori maligni tiroidei durante i primi 6 mesi della pandemia di Covid-19 in Italia. Tra gli autori dell'articolo, con Calò e Medas, figurano numerosi big della chirurgia italiana.«La pandemia da Covid-19 ha rappresentato un grave onere per la salute pubblica - si legge nell'articolo -. L'Italia è stata pesantemente colpita, con quasi 2 milioni di casi confermati e quasi 70mila decessi. A livello globale, le autorità sanitarie hanno limitato l'assistenza medica alle procedure di emergenza, rinviando l'attività chirurgica elettiva».Il lavoro promosso dai due specialisti dell'Università di Cagliari ha incluso in tutto 1570 pazienti affetti da carcinoma tiroideo, e ha messo in evidenza una riduzione degli interventi chirurgici per questa patologia di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. «Dallo studio è emerso inoltre che, durante i primi mesi della pandemia, le risorse sono state concentrate dalle unità operative per non ritardare gli interventi dei tumori maggiormente aggressivi» spiega Calò. «Il nostro studio sottolinea la necessità di proseguire adeguate attività di screening, chirurgiche e di follow-up per le neoplasie tiroidee - spiega Medas - perchè un rallentamento di queste attività potrebbe portare nel breve futuro ad un incremento dell'incidenza di tumori con caratteristiche aggressive e prognosi peggiore».

Luigi Soriga

La notizia su La Nuova Sardegna del 10 marzo 2021 a pagina 5
La notizia su La Nuova Sardegna del 10 marzo 2021 a pagina 5

Link

Ultime notizie

07 maggio 2021

Parità di genere: in Ateneo due iniziative di formazione

I corsi, previsti dal Piano di uguaglianza di genere di ateneo, saranno utili ad approfondire i temi delle discriminazioni e degli stereotipi che possono condizionare i percorsi di carriera. Il primo corso è rivolto a studenti e studentesse di corsi di dottorato e specializzazione e a titolari di assegni e borse di ricerca e il secondo al personale tecnico, amministrativo e bibliotecario

04 maggio 2021

Indicazioni a seguito del passaggio della Sardegna in zona arancione

Messaggio del Rettore a seguito dell’ordinanza del Ministero della salute del 30.04.2021: le attività didattiche e i servizi agli studenti (segreterie studenti, orientamento e counseling psicologico, biblioteche e sale studio) riprenderanno a svolgersi con le stesse modalità adottate prima del passaggio in zona rossa. Le lezioni riprenderanno ad essere erogate in presenza (e contestualmente online) sulla base delle opzioni già acquisite a partire da lunedì 10 maggio secondo i calendari definiti a inizio semestre e consultabili nell’Agenda web studente. Il sistema di prenotazione del posto in aula sarà nuovamente attivo, per le studentesse e gli studenti già abilitati, a partire dal pomeriggio di lunedì 3 maggio.

03 maggio 2021

Open day e prorettori: oggi Francesco Mola presenta la due giorni di orientamento e i nove colleghi del pool di governo d’ateneo

Nel primo incontro con i media il rettore illustra in aula magna le novità su lauree triennali e magistrali a ciclo unico e le proposte didattiche per il 2021/22. Spazio anche alle aree dei professori Alessandra Carucci, Luciano Colombo, Paola Fadda,  Elisabetta Gola, Valentina Onnis, Giorgio La Nasa, Fabrizio Pilo, Ignazio Putzu, Ilenia Ruggiu e Ester Cois

Questionario e social

Condividi su: