UniCa UniCa News Notizie Arte, un’opera di Anna Saba alla Cittadella universitaria di Monserrato

Arte, un’opera di Anna Saba alla Cittadella universitaria di Monserrato

Posizionata nei giardini antistanti la Biblioteca Distretto Biomedico Scientifico Cagliari, “Mater” è stata realizzata nel 2004 e donata all’Ateneo nel 2020. Pamela Ladogana: “L’opera si inserisce nella produzione delle grandi sculture che l’artista ha realizzato con i marmi provenienti dalle Alpi Apuane”. Un ulteriore tassello di pregio nella già ricca collezione di opere d'arte dell'Università di Cagliari, a impreziosire gli ambienti di studio e di ricerca. RASSEGNA STAMPA
16 febbraio 2021
Mater di Anna Saba: da ieri nei giiardini della Cittadella universitaria di Monserrato

“Anna Saba ha sviluppato una ricerca plastica in direzione non figurativa - spiega Pamela Ladogana, docente di Storia dell’arte, presente all’installazione con l’artista - prediligendo l’uso del marmo"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 16 febbraio 2021 - È stata posizionata ieri pomeriggio nei giardini antistanti la Biblioteca Distretto Biomedico Scientifico Cagliari alla Cittadella universitaria di Monserrato una scultura in marmo dell’artista Anna Saba.

“Mater” - questo il titolo dell’opera - è stata realizzata nel 2004 e donata all’Ateneo nel 2020. “Anna Saba ha sviluppato una ricerca plastica in direzione non figurativa - spiega Pamela Ladogana, docente di Storia dell’arte, presente all’installazione con l’artista - prediligendo l’uso del marmo. L’opera si inserisce nella produzione delle grandi sculture che l’artista ha realizzato con i marmi provenienti dalle Alpi Apuane. Il materiale è plasmato secondo forme evocative della natura e asseconda le prerogative originali della pietra”.

L’opera evoca con la sua monumentalità un profilo roccioso modellato dal vento e dagli agenti atmosferici. "Il dono della scultrice - conclude la prof.ssa Ladogana - arricchisce ulteriormente il patrimonio storico-artistico dell'Ateneo". Il riferimento è alla recente donazione di Italo Antico e alle tante opere d'arte disseminate in numerosi locali dell'Università di Cagliari.

Un momento dell'installazione dell'opera
Un momento dell'installazione dell'opera

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 17 febbraio 2021

Agenda - pagina 21

Nel parco l'opera “Mater”

Una scultura di Saba donata alla Cittadella

Mater, così si chiama. È la scultura in marmo dell'artista Anna Saba e sistemata nei giardini della Biblioteca del Distretto biomedico scientifico della Cittadella universitaria. L'opera era stata realizzata nel 2004 e donata all'Ateneo nel 2020.
La docente
«Anna Saba ha sviluppato una ricerca plastica in direzione non figurativa prediligendo l'uso del marmo», ha spiegato Rita Pamela Ladogana, docente di Storia dell'arte, presente all'installazione con l'artista. La scultura si inserisce nella produzione delle grandi sculture che Saba ha realizzato con i marmi provenienti dalle Alpi Apuane. Il materiale è plasmato secondo forme evocative della natura e asseconda le prerogative originali della pietra».
Il patrimonio
L'opera evoca con la sua monumentalità un profilo roccioso modellato dal vento e dagli agenti atmosferici. «Il dono della scultrice - conclude la professoressa Ladogana - arricchisce ulteriormente il patrimonio storico-artistico dell'Ateneo». Il riferimento è alla recente donazione di Italo Antico e alle opere d'arte disseminate in nei locali e negli spazi aperti dell'Ateneo.
Le esposizioni
Anna Saba cerca di mutare le durezze dei graniti di Guspini, dove è nata, con gli avvolgenti biancori dei marmi delle Apuane, dove il Nonno scultore ha lasciato tracce che non sono incise solo da uno scalpello di ferro, si legge nella pagina Sardegna Cultura della Regione. Diverse sue opere sono in esposizione permanente a Nuoro (Man), Cagliari (Orto Botanico), Villanovaforru (Museo archeologico), Monserrato (Cittadella universitaria), Dakar (Medina).

La notizia su L'Unione Sarda del 17 febbraio 2021 a pagina 21
La notizia su L'Unione Sarda del 17 febbraio 2021 a pagina 21

Link

Ultime notizie

24 gennaio 2022

Un pensiero per cancellare la violenza di genere

La Facoltà di Ingegneria e Architettura lancia un concorso di idee per individuare una citazione che rappresenti in modo significativo la campagna di sensibilizzazione nei confronti del contrasto alla violenza di genere. La frase prescelta sarà incisa su una targa collocata in prossimità della panchina rossa nel giardino della Facoltà, dipinta il 25 novembre scorso in occasione della manifestazione “Una pennellata per cancellare la violenza di genere”

20 gennaio 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

20 gennaio 2022

Un accordo con l’Istituto Giua

Siglata dal Rettore Francesco Mola e dalla Dirigente Romina Lai una convenzione che punta a creare un rapporto di stabile collaborazione per costituire un polo strategico in grado di potenziare l’attività didattica, di formazione, orientamento e ricerca. Si rafforza il rapporto con il mondo dell’istruzione

Questionario e social

Condividi su: