Abusi stupefacenti

Il Corriere della Sera pubblica un dialogo tra il farmacologo Gaetano Di Chiara, professore emerito di Farmacologia all’Università di Cagliari e presidente onorario della Società Italiana tossicodipendenze (Sitd), e il sociologo Luigi Manconi, senatore per tre legislature, all’interno di un focus su droghe, alcol e dipendenze. Manconi: la cannabis va sottoposta alle stesse regole di alcol e tabacco. Di Chiara: no, fa male, molto male
24 gennaio 2020
L'immagine che accompagna il focus sul Corriere della Sera

Manconi, pur assumendo che la cannabis è nociva, si chiede come mai l’uso di alcol, molto più nocivo della cannabis, è legale mentre quello della cannabis non lo è. Secondo lui, la cannabis dovrebbe avere lo stesso status legale dell’alcol

Sergio Nuvoli

Cagliari, 24 gennaio 2020 - Una lunga conversazione molto vivace e su posizioni assai differenti, tra il farmacologo Gaetano Di Chiara e il sociologo Luigi Manconi, senatore per tre legislature (prima dei verdi e poi del Partito democratico) apre il nuovo numero de «la Lettura», il supplemento del Corriere della Sera (in edicola nel weekend e fino a sabato 25 gennaio) dedicato alla liberalizzazione di droghe o alcol. L’occasione – colta dal quotidiano per pubblicare un focus su droghe, alcol e dipendenze – è il centenario dell’entrata in vigore negli Stati Uniti del Proibizionismo. Da subito, Antonio Carioti, che ha curato la redazione per il Corriere della Sera, chiarisce che si tratta di due esperti che hanno opinioni diverse.

Nel lungo colloquio, Di Chiara - professore emerito di Farmacologia all’Università di Cagliari e presidente onorario della Società Italiana tossicodipendenze (Sitd) - e Manconi dibattono il tema della legalizzazione della cannabis (intesa specificamente come marijuana e derivati) per uso ricreazionale, cioè, per i suoi effetti psicotropi e, citando una recente sentenza della Cassazione, ‘’droganti'’.

Manconi, pur assumendo che la cannabis è nociva, si chiede come mai l’uso di alcol, molto più nocivo della cannabis, è legale mentre quello della cannabis non lo è. Secondo lui, la cannabis dovrebbe avere lo stesso status legale dell’alcol perchè, così come per gli alcolici, lo status illegale della cannabis fa prosperare la malavita e non ne riduce l’uso.

Gaetano Di Chiara, Professore Emerito di Farmacologia di UniCa
Gaetano Di Chiara, Professore Emerito di Farmacologia di UniCa

Di Chiara: “L’introduzione della cannabis legale negli USA ha avuto come conseguenza da una parte l’aumento del titolo del principio attivo, il THC, nella marijuana e dall’altra ha aumentato l’uso di estratti con concentrazioni di THC superiori al 70%"

Il professor Di Chiara – pur apprezzando il fatto che Manconi abbia abbandonato l’idea della cannabis come droga leggera - sostiene che alcol e cannabis sono difficilmente paragonabili e che una decisione sul tema della legalizzazione non può basarsi su una intercambiabilità tra queste due sostanze. “I motivi della insostenibilità di questo argomento – commenta il docente di UniCa sono di natura sia farmacologica che storica e socio-economica -  Da un punto di vista farmacologico, è vero che alte dosi di alcol possono essere letali mentre questo difficilmente avviene nel caso della cannabis, tuttavia la marijuana, assunta regolarmente, soprattutto negli adolescenti provoca effetti cognitivi irreversibili e inoltre costituisce un elevato  fattore di rischio acquisito di episodi psicotici schizofreniformi. Al contrario, gli alcolici come il vino e la birra, consumati moderatamente ai pasti non hanno mostrato effetti a lungo termine ma anzi hanno ridotto il rischio di malattia cardiovascolare”.

“L’introduzione della cannabis legale negli USA ha avuto come conseguenza da una parte l’aumento del titolo del principio attivo, il THC, nella marijuana – argomenta ancora Di Chiara - e dall’altra parte ha aumentato l’uso di estratti dove il THC raggiunge concentrazioni superiori al 70%. D’altra parte, la legalizzazione e la conseguente industrializzazione della produzione hanno contribuito ad alimentare il mercato illegale, nel quale è stato immesso il surplus della produzione industriale di cannabis. Infine la legalizzazione non si applica ai minori di 21 anni, che ne rimangono fuori, non solo per i motivi che si applicano agli alcolici, ma anche  perchè, a differenza della nicotina e dell’alcol, il THC colpisce soprattutto il cervello, ancora in sviluppo,  degli adolescenti”.

Luigi Manconi, sociologo e senatore per tre legislature
Luigi Manconi, sociologo e senatore per tre legislature

Allegati

Link

Ultime notizie

20 febbraio 2020

Tatiana Cossu al TourismA

La docente di Antropologia culturale dell’Università di Cagliari presenterà al Salone di Archeologia e Turismo Culturale la Collana dell'Ilisso Edizioni "Cultura, storia e archeologia della Sardegna", della quale ha la direzione scientifica. Dialogheranno con lei Mauro Perra, Fulvia Lo Schiavo e Alfonso Stiglitz, che hanno collaborato alla realizzazione dei primi due volumi della collana

20 febbraio 2020

Gli archeologi medievisti italiani premiano il complesso archeologico di S. Eulalia a Cagliari come miglior sito

Grazie ai docenti dell’Università di Cagliari, l’intervento nel sottosuolo della parrocchiale è stato una formidabile esperienza formativa per centinaia di studenti di archeologia, molti dei quali oggi operano come liberi professionisti o nelle principali istituzioni culturali dell’isola, dall’Università alla Soprintendenza, al Museo archeologico. La premiazione avverrà il 23 febbraio, nell’Auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze, in occasione del TourismA-Salone dell’Archeologia e del Turismo culturale, a conclusione dell’evento ‘Archeologia al futuro. Esperienze di Archeologia pubblica in Italia’

20 febbraio 2020

Al Senato si parla di QualityRights

La presentazione del progetto coordinato da Mauro Giovanni Carta aprirà il dibattito che si terrà venerdì 28 febbraio nella Sala Atti Parlamentari della Biblioteca: l’iniziativa di un team del nostro Ateneo che ha affiancato l’Organizzazione Mondiale della Sanità viene indicata da esperti e osservatori internazionali come buona pratica da imitare nel campo del rispetto dei diritti umani e dell’inclusione nella società civile delle persone con disabilità psicosociale. Ai lavori è previsto l’intervento di Alessandra Carucci, Prorettore all’Internazionalizzazione di UniCa

19 febbraio 2020

Mercato del lavoro, l'eccesso di occupazione temporanea riduce la formazione dei lavoratori

Lo sostiene l’OCSE, che cita la ricerca di Giovanni Sulis (docente all’Università di Cagliari e ricercatore CRENoS) e dei suoi coautori sugli effetti delle recenti riforme del mercato del lavoro. Il lavoro scientifico richiamato nel capitolo dell’OECD Skills Outlook mostra come il crescente ricorso a contratti di lavoro temporanei possa disincentivare la formazione e l’addestramento degli individui sul posto di lavoro, rischiando di ridurre in modo consistente le potenzialità di accesso ai benefici della trasformazione digitale

Questionario e social

Condividi su: