Pon Ricerca e innovazione 2014-2020

Pon Ricerca e innovazione 2014-2020

Il Miur ha emanato un bando per agevolazioni a favore di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione individuate dal Piano nazionale delle ricerche 2015-2020.

Scadenza
Le domande potranno essere presentate a partire dalle 12 del 27 luglio 2017 e fino alle 12 del 9 novembre 2017.

Tematiche di ricerca
- attività di ricerca industriale e di non preponderante sviluppo sperimentale;
- in materia di: Aerospazio - Agrifood - Blue growth - Chimica verde - Cultural heritage - Design, creatività e made in Italy - Energia - Fabbrica intelligente - Mobilità sostenibile - Salute - Smart, secure and inclusive communities - Tecnologie per gli ambienti di vita.

Soggetti beneficiari
a) le imprese (Pmi e grandi imprese), partecipanti in forma singola o associata;
b) le università;
c) gli enti pubblici di ricerca di cui all’articolo 1 del decreto legislativo n. 25 novembre 2016, n. 218;
d) altri organismi di ricerca pubblici e privati, in possesso dei requisiti di cui al regolamento (Ue) n. 651/2014;
e) le amministrazioni pubbliche;
f) ogni altro soggetto, in possesso dei requisiti previsti dal presente avviso, ai sensi dell’articolo 5 comma 1 del d.m. 593/2016.

Modalità di partecipazione
- la domanda di partecipazione va presentata nella forma del partenariato pubblico-privato, che dev’essere costituito da almeno un soggetto di diritto pubblico e da uno di diritto privato;
- i dipartimenti possono partecipare esclusivamente mediante l’Università: la domanda di partecipazione dovrà, quindi, essere sottoscritta dal rappresentante legale della stessa;
ciascun soggetto proponente può partecipare a un numero massimo di due partenariati pubblico-privati per ognuna delle 12 aree di specializzazione, a pena di esclusione del soggetto proponente stesso e di tutte le domande - successive alla seconda - presentate da altri partenariati a cui abbia partecipato lo stesso soggetto proponente;
- il partenariato dovrà individuare, mediante procura notarile, un soggetto capofila.

Risorse disponibili
472 milioni di euro.

Progetto
costo del singolo progetto: tra i 3 e i 10 milioni di euro;
modalità di finanziamento: sino al 50 per cento delle spese ammissibili;
- durata del progetto: 30 mesi, prorogabile una sola volta e per un massimo di ulteriori 6 mesi, previa motivata richiesta da parte del soggetto capofila e a condizione che sia stata rendicontata una quota di spesa non inferiore al 60 per cento dell’ammontare totale dei costi;
- autonomia del progetto: non sono finanziabili le attività già effettuate o avviate prima della domanda di finanziamento. Non sono ammissibili le attività che siano state oggetto di altri finanziamenti pubblici nazionali ed europei;
- distribuzione dei costi: una quota non inferiore al 20 per cento dell’ammontare totale dei costi dev’essere sostenuta direttamente da università e/o enti pubblici di ricerca di cui al d.m. 593/2016;
- localizzazione delle attività: le attività progettuali realizzate dai soggetti proponenti dovranno essere svolte nell’ambito di una o più delle proprie unità operative ubicate nelle Regioni meno sviluppate e/o in quelle in transizione, in una misura pari ad almeno l’80 per cento del totale dei costi ammissibili esposti in domanda.

Erogazione dei finanziamenti
L’erogazione avverrà a seguito di positiva verifica degli stati di avanzamento quadrimestrali; nel caso di concessione di anticipazioni richieste dal soggetto beneficiario (nella misura massima del 50 per cento dell’importo agevolato), le stesse dovranno essere garantite da fideiussione bancaria o polizza assicurativa.

Verifiche sull’andamento dei lavori
Saranno effettuate alla fine di ogni annualità. Qualora, in esito a tale verifica, rilevi uno svolgimento delle attività progettuali in una misura inferiore al 20 per cento rispetto alla tempistica dell’avanzamento finanziario delle attività rappresentate nel cronoprogramma, il Miur procede alla revoca parziale o totale dell’agevolazione concessa, salvo i casi di forza maggiore non imputabili al soggetto beneficiario.

Modalità di presentazione
lingua del progetto: italiano e inglese;
- le domande, a pena di esclusione, devono essere presentate tramite i servizi dello sportello telematico Sirio;
- modello capitolato tecnico;
- schema di disciplinare;
- linee guida inserimento domanda.



Contatti
Direzione per la Ricerca e il territorio
Settore Programmi di ricerca nazionali, regionali, locali
Nicola Ruju
Nives Bertarione

Questionario e social

Condividi su: