UniCa UniCa News Notizie Quando la diversità è un valore

Quando la diversità è un valore

LAUREATI DI UNICA. Nei giorni scorsi uno dei tanti studenti dell'Università di Cagliari ha tagliato il traguardo della laurea in Informatica: vi raccontiamo la sua storia, uguale a quella di tanti altri, ma forse anche un po' diversa. La sua esperienza ha un grande valore per tutti. Scopritela con noi
05 marzo 2018
Mauro alla guida di un simulatore

di Riccardo Scateni, docente di Informatica al Dipartimento di Matematica e Informatica

Cos’è la diversità? Come possiamo essere sicuri che qualcuno sia diverso da noi? E, soprattutto, come possiamo permetterci di giudicare negativamente qualcuno diverso da noi? Ci sono storie che ci fanno riflettere su quanto sia importante essere aperti alla riflessione sulla diversità. E, all’interno dell’Università di Cagliari vivono molte di queste storie.

Quella di oggi è una storia che inizia più di cinque anni fa, all’interno del corso di laurea di Informatica. Un ragazzo che fino alle scuole superiori aveva avuto dei problemi per la sua diversità inizia, con grande timore, il suo percorso di studente universitario. Il primo approccio è quasi terrorizzante: doversi trovare un posto a sedere in un’aula con più di cento altri studenti, quando vorresti solo stare in silenzio e tranquillità da solo, è veramente un’impresa.

Ma, con il passare del tempo, degli anni, quel ragazzo scopre che lo stare insieme agli altri può anche essere piacevole e, piano piano, si avvicina al gruppo in cui, solo tre anni dopo, perfettamente in linea con i tempi del corso, svilupperà la sua tesi di laurea. E si laurea, esattamente nel tempo previsto e con ottimi voti.

A questo punto non è ancora finito il percorso, perché inizia la seconda parte dell’avventura universitaria: la laurea magistrale. Ma lui ormai sta mitigando la sua “diversità”, quasi non si preoccupa più di mettersi vicino ai compagni di corso, di essere uno qualunque tra gli altri.

E nei giorni scorsi questo brillante studente ha conseguito anche la laurea magistrale, discutendo una complessa tesi che prevedeva lo sviluppo del prototipo di un sistema per l’addestramento dei piloti dell’aviazione commerciale con l’utilizzo di un visore per realtà aumentata.

Ma dov’era la diversità in tutta questa bella e semplice storia? Era nella definizione con cui era partita l’avventura: sindrome di Asperger. Che detta così sembra una malattia e invece è solo una definizione di come possa essere uno tra i tanti modi di interpretare la realtà. In questo caso con discrezione, molta, con un pizzico di paura, ma con una capacità di affrontare il percorso universitario solamente “diversa” dagli altri. Né migliore né peggiore.

Mauro, come hai affrontato la tua esperienza universitaria?
“Abbastanza serenamente. A parte qualche difficoltà di tanto in tanto che credo tutti prima o poi riscontrino, ho passato una carriera universitaria piuttosto tranquilla e sotto controllo. Sicuramente meglio rispetto al liceo.”
Quali pensi che siano stati i momenti più belli e quelli più brutti, se ce ne sono stati?
“Forse sarò scontato, ma i momenti più brutti sono stati quando ero alle prese con gli esami più difficili. Certe volte facevo pure fatica a dormire con l'ansia di non potercela fare a finire un esame nei tempi che mi ero prestabilito. Però una volta che li ho superati, e quando ho ottenuto le mie lauree, è stata una bella soddisfazione, in quanto mi davano un gran senso di progressione dopo tutto la fatica che ho avuto: quelli sono stati dei bei momenti.”
Quanto pensi che ti abbia cambiato la carriera di studente universitario?
“Penso che mi abbia cambiato un po', sicuramente mi ha reso più autonomo, responsabile e più consapevole che se ci metti impegno in quello che fai prima o poi si riesce a raggiungere dei bei risultati. Inoltre a modo suo mi ha reso anche leggermente più quieto nei rapporti sociali; non che adesso sia granché socievole e non abbia problemi, ma almeno evito di farmi troppe paranoie rispetto a prima, e nelle giuste condizioni riesco pure a essere sufficientemente disinvolto.”
Cosa ti senti di poter dire a chi abbia paura di affrontare questa esperienza perché si sente inadatto o incapace di potercela fare?
“Non ho un vero e proprio consiglio da dare, in quanto ognuno è diverso dall'altro e una risposta che va bene per alcuni potrebbe non andare bene per altri. In generale posso dire che se ci si tiene davvero a prendersi una laurea, o comunque a raggiungere un obiettivo in generale, di non rinunciare a prescindere all'idea solo perché al momento ci sembra troppo difficile o impossibile, e poi magari vivere in futuro col rimpianto. Magari durante l'esperienza ci possono essere delle belle sorprese e ci si accorge che le cose sono molto migliori di quelle che ci si aspettava. Inoltre se ce l'ho fatta io, non vedo perché non possano farcela anche gli altri.”

La diversità come valore, come normalità. Perché siamo tutti diversi dagli altri e arrivare a questo, in qualunque circostanza, è uno degli scopi fondamentali di un’istituzione come quella universitaria.

Ultime notizie

21 settembre 2018

Una Notte indimenticabile: i ricercatori in piazza Garibaldi

"Viviamo un’epoca di bufale e dicerie anti scienza, la Notte è utile anche per dare certezze" spiega il rettore Maria Del Zompo. Cresce l’attesa per l’evento di venerdì prossimo. Curata dall’Università di Cagliari e dalla sezione locale dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, la manifestazione spazia da asteroidi e intelligenza artificiale, ad alieni, bioraffinerie, imprese, economia, ambiente, musica, mobilità intelligente, sicurezza, scene del crimine, arte

20 settembre 2018

L'associaizone Artecrazia presenta la mostra fotografica: Essenza di donna

Domenica 30 settembre, alle 16.30, inaugura a Cagliari, presso la Sala Mostre temporanee della Cittadella dei Musei di Cagliari, in piazza Arsenale, la mostra "Women in Art: essenza di donna". La mostra sarà visitabile tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00, sino a sabato 6 ottobre. L'iniziativa è realizzata dall'associazione Artecrazia con il contributo dell'Università degli Studi di Cagliari e dell'E.R.S.U. e con la collaborazione del giornale on line Artecracy.eu. Ingresso gratuito. Per info: associazione.artecrazia@gmail.com Women in Art: l’Arte al femminile Il progetto portato avanti dall’associazione Artecrazia nasce dalla volontà di rendere omaggio al ruolo della donna all’interno della storia dell’arte. Questo percorso ha avuto inizio nel 2017 con una conferenza dedicata a Palma Bucarelli e l’ebook “Bunker d’Arte Moderna”, per poi proseguire quest’anno con una serie di eventi di più ampio respiro. Il 2018 ha infatti visto una vera e propria strutturazione di “Women in Art”, rassegna che sulla scia di quanto già fatto l’anno scorso è riuscita ad arricchirsi con nuovi appuntamenti. Grazie al contributo dell’Università di Cagliari sono nate tre iniziative molto diverse tra loro, ma tutte legate da un unico filo conduttore: la donna nell’arte. La prima di queste ha visto l’esibizione di tre ragazze e un ragazzo provenienti dall’Accademia di Musica di Cracovia: Isabel Rico Repiso, Ida Nystad, Agostina Meloni e Magnus Wenzel. I quattro musicisti si sono cimentati in un concerto di pianoforte nell’elegantissima sala Settecentesca della Biblioteca Universitaria di Cagliari, dove attraverso la musica hanno saputo raccontare le loro esperienze formative all’estero e i legami che queste hanno contribuito a creare. Il secondo appuntamento di “Women in Art” ha invece coinvolto Simona Campus, docente di Museologia dell’Università di Cagliari e Direttrice artistica dell’EXMA. Grazie al coinvolgente racconto della prof.ssa Campus i presenti hanno potuto apprezzare la storia di Peggy Guggenheim, donna straordinariamente importante per l’arte del Novecento, collezionista e icona glamour di un intero secolo. L’aula Coroneo della Cittadella dei Musei è stata quindi il teatro di un’avvincente viaggio attraverso i salotti e i musei che hanno visto protagonista questa eccezionale donna capace di unire la sua sconfinata fantasia alle grandi capacità manageriali degne della famiglia Guggenheim. L’ultimo appuntamento della rassegna è la mostra fotografica “Essenza di donna”. Con questa esposizione in Cittadella dei Musei vogliamo concludere la nostra rassegna lasciando un’immagine della donna nella sua piena femminilità. Un ritratto che esula dal vittimismo o dalla esasperata esaltazione, ma prossimo a una quotidianità che è la vera essenza della vita. Il lavoro, gli stati d’animo, l’armonia delle forme, le differenze culturali tra civiltà lontane nello spazio e nel tempo, tra modernità e tradizione. Questi sono solo alcuni degli spunti di ricerca che i fotografi provenienti dalla scuola di Fine Arts di Cagliari hanno presentato in questa mostra. La loro indagine si è infatti concentrata su una femminilità scevra dalle ingombranti tematiche di genere, andando a concentrarsi per lo più sull’essere donna nell’accezione più pura del termine. Il messaggio che questa mostra vuole mandare è proprio quello di un rispetto quotidiano della donna, un invito ad apprezzare la bellezza femminile nelle piccole cose di tutti i giorni, senza però dimenticare le difficoltà e i paletti che la società moderna impone a quello che purtroppo ancora oggi viene spesso considerato “il sesso debole”. Chi osserva le immagini esposte non vedrà le grandi piaghe sociali come la violenza sulle donne, la disparità di trattamento sul posto di lavoro, il maschilismo, l’omofobia etc. Questo però non vuol dire che non ci siano e che non siano presenti come cicatrici sul cuore di una di quelle donne fotografate. Ecco perché “Essenza di donna” vuole essere un esercizio di rispetto, un invito alla consapevolezza non solo della bellezza femminile a 360 gradi ma anche di ciò che noi non leggiamo nella normalità del prossimo. Come dice una famosa frase di dubbia attribuzione: “Be kind, everyone you meet is fighting a hard battle”.

Questionario e social

Condividi su: