UniCa UniCa News Notizie UniCa su La Stampa con Manu Invisible

UniCa su La Stampa con Manu Invisible

Una pagina del quotidiano, in tutte le edicole d’Italia, dedicata all’opera che l’artista sardo sta realizzando nell’Aula magna Capitini della Facoltà di Studi umanistici. Il servizio fotografico realizzato da Michele Ardu, fotografo di fama internazionale e laureato di UniCa. L'ARTICOLO completo e il backstage del SERVIZIO FOTOGRAFICO in Rettorato
13 febbraio 2018
L'articolo su La Stampa

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 13 febbraio 2018 – Oggi sul quotidiano La Stampa un approfondito servizio sulla collaborazione tra l’Università di Cagliari e Manu Invisible, l’artista che sta realizzando un’opera nell’Aula Capitini della Facoltà di Studi umanistici.

Nicola Pinna riporta le dichiarazioni del Rettore Maria Del Zompo, raccontando poi nel dettaglio la storia dell’artista noto per i suoi graffiti e che è stato assolto più volte dall’accusa, mossagli anni fa, di imbrattare i muri di alcuni edifici. La sua è arte, hanno stabilito i giudici. Ora – grazie all’intesa con il nostro Ateneo – fa il suo ingresso in un’aula destinata ad attività didattiche, in uno spazio tra l’altro dal valore fortemente simbolico.

Il servizio completo - arricchito da uno scatto del fotografo di fama internazionale Michele Ardu - è sul quotidiano in tutte le edicole d’Italia. Classe 1986 di Oristano, Ardu è laureato in Ingegneria Biomedica all'Università degli Studi di Cagliari: pluripremiato da riviste e rassegne di settore, è l'autore anche di un servizio sulla Sartiglia pubblicato di recente su National Geographic.

Pubblichiamo il backstage del servizio fotografico che ha realizzato in Rettorato per La Stampa.

Il Rettore e Manu Invisible fotografati da Michele Ardu
Il Rettore e Manu Invisible fotografati da Michele Ardu

RASSEGNA STAMPA

LA STAMPA

L’università arruola il writer processato come vandalo: “La sua arte finirà nei libri”
Manu Invisible, il graffitaro che nessuno ha mai visto in faccia

Pubblicato il 13/02/2018

Alla fine del lungo corridoio affrescato, tra pareti in velluto e statue in bronzo lucido, spunta un uomo mascherato che si muove quasi in punta di piedi. Non è un ladro e questo si capisce subito. Ma nelle sale sontuose del rettorato dell’Università di Cagliari accade in questi giorni qualcosa di strano: movimenti davvero insoliti per l’antico tempio della cultura. In una sala museo arricchita da ritratti e opere settecentesche, il rettore Maria Del Zompo chiacchiera con un ragazzo non tanto alto che indossa una tuta blu macchiata di bianco. Non è un suo allievo che tenta (o ritenta) di superare l’esame, ironizza la professoressa. Lui si presenta subito ed è evidente che si aspetti lo stupore dell’interlocutore: «Piacere, Manu Invisible». Oltre maschera nera e lucida si intravede un sorriso beffardo e allora sembra subito di capire che non è il caso di fare altre domande. 
Chi è arrivato a Cagliari attraversando la statale Carlo Felice, o chi è passato recentemente davanti a piazza Duomo a Milano, ricollega tutto all’istante: quel giovane che nessuno ha mai visto in faccia è uno dei writer più famosi nel panorama europeo. La sua è una firma nota, non solo agli appassionati dell’arte di strada. Anche agli automobilisti meno distratti e persino alle forze dell’ordine. «Ho subito cinque processi, sempre assolto». Persino in Cassazione, con una sentenza che in qualche modo passerà alla storia. «I giudici hanno riconosciuto il valore artistico dei miei lavori e scritto molto chiaro che non si possono scambiare con i soliti raid vandalici». È arte e ora addirittura celebrata dal mondo sacro della cultura. Perché l’Università di Cagliari ha deciso che un’opera di Manu Invisible dovrà fare bella mostra di sé tra biblioteche e antiche sale. «La ospiteremo nell’aula magna della Facoltà di studi umanistici - annuncia il rettore - Quella di Manu Invisible è un’arte “povera” ma con un altissimo tasso di creatività: questo, d’altronde, è elemento cardine di insegnamento e della ricerca universitaria».
Di Manu Invisibile si sa molto poco. E forse è giusto che sia così: è sardo, ma questo lui non lo nasconde. In realtà non potrebbe, perché l’accento lo tradisce già dalla seconda parola. «Non voglio che si parli di me, preferisco che l’attenzione si concentri sulla mia arte. Non ha senso che sia io al centro dell’attenzione, ma il messaggio che vorrei lanciare con i lavori». 
I giganteschi murales del graffitaro mascherato colorano (e abbelliscono) da anni i grandi cavalcavia della principale strada sarda e ora compaiono lungo l’Autostrada del Sole, vicino al bosco verticale di Milano, ma anche a Bologna, Venezia e Firenze. «Ho fatto degli interventi a Londra, Bristol, Srebrenica, Bratislava e Berlino. Sarebbe bello che in futuro le mie opere potessero finire in un libro di storia dell’arte: d’altronde, il passato è pieno di artisti che a lungo sono stati scambiati per vandali o peggio ancora per pazzi. Solo dopo troppo tempo sono stati riconosciuti per quello erano davvero».
Manu Invisible questo riconoscimento lo aspetta già da 15 anni, da quando ha iniziato i primi blitz sulle strade del Cagliaritano. Tra una denuncia e l’altra, la bomboletta spray è diventata un lavoro e gli ha consentito di varcare quasi subito i confini della sua isola, completando più di 300 opere, entrando nelle scuole e alimentando intorno a se la curiosità dei tanti che vorrebbero conoscere il volto che si nasconde dietro la maschera lucida. «Entro in azione sempre durante la notte, dopo aver studiato nei dettagli il luogo in cui devo operare, seguendo un progetto ben preciso. Agisco solo al buio, perché quello è il momento di massima ispirazione. Per concludere un lavoro ci vogliono almeno 30 ore, quindi devo tornare più volte sullo stesso punto, mettendo in conto che all’alba arrivino i cantonieri e cancellino tutto. In quel caso ovviamente devo ricominciare da capo».
Perché c’è un messaggio importante che Manu Invisible vuole lanciare a tutti i costi: «Le opere degli ultimi anni hanno un unico filo conduttore e non a caso sono intitolate “perseveranza”, “resilienza”, “persistere”, “dedizione” e “determinazione”. Voglio dire a chi passa e osserva che bisogna portare avanti con tenacia sogni e progetti. E infatti sapete quando ottengo la soddisfazione più grande? Quando gli automobilisti che vedono le mie opere mi scrivono e mi ringraziano per quel momento di ottimismo che ho regalato loro in mezzo al traffico».

LA STAMPA
LA STAMPA

Link

Ultime notizie

21 luglio 2018

"Perché studiare Conviene"

Parte la nuova campagna iscrizioni UniCa: abbiamo scelto codici e linguaggi che raccontano chi siamo, la nostra identità, il nostro sguardo sul mondo; richiamando colori, icone e parole che ci appartengono. Perché è questo il senso del comunicare: avvicinarci a chi, ogni giorno, vive la nostra Università come prospettiva di cambiamento e come sfida per il domani. Questa campagna è dedicata ai nostri studenti e alle nostre studentesse, ai loro sogni, al loro impegno, e a quella volontà di affermarsi attraverso lo studio e le idee

20 luglio 2018

Glover-Klingman Prize a Enrico Gorgone

Il ricercatore del dipartimento di Matematica e Informatica si è aggiudicato il premio per il miglior articolo pubblicato su Networks, prestigiosa rivista internazionale dedicata all’ottimizzazione informatica

20 luglio 2018

Lo “Spazio per gli incontri"

Sarà inaugurato martedì 24 luglio all’Istituto Penitenziario Minorile di Quartucciu lo “Spazio per gli Incontri”, progettato e costruito da Alice Salimbeni, laureata magistrale in Architettura. RASSEGNA STAMPA

20 luglio 2018

Nuovi organi collegiali per UniCa

Durante la prima seduta nella composizione rinnovata a seguito delle modifiche allo Statuto, il Senato accademico ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione: ne fanno parte come componenti interni Riccardo De Lisa, Stefania Lecca, Giuseppe Mazzarella, Valentina Onnis, Cecilia Tasca, come componenti esterne le imprenditrici Alessandra Argiolas e Daniela Ducato. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su: