UniCa UniCa News Notizie Donne e scienza,un caloroso e proficuo successo in Cittadella per la Giornata internazionale promossa dalle Nazioni Unite

Donne e scienza,un caloroso e proficuo successo in Cittadella per la Giornata internazionale promossa dalle Nazioni Unite

Il campus di Monserrato ha ospitato l'evento che promuove parità di genere, accesso e partecipazione. Una divulgazione nel segno di Marie Curie, coordinata dai dipartimenti di Fisica, Scienze chimiche e geologiche
12 febbraio 2018
Un appuntamento di straordinaria portata culturale e sociale, oltreché formativa

Un evento di alto profilo curato dalla facoltà di Scienze e dai dipartimenti di Fisica, Scienze chimiche e geologiche.

L’evento voluto dalle Nazioni Unite per promuovere la parità di genere, accesso e partecipazione delle donne negli ambiti scientifici si  è sviluppato nel campus di Monserrato. Divulgazione, conoscenza e condivisione nel ricordo e nelle lezioni del Premio Nobel, Marie Curie. In scaletta anche la Masterclass riservata alle studentesse delle superiori della Sardegna e il collegamento in videoconferenza con il Cern di Ginevra. "Un cammino, quello del genere femminile, che centra sempre gli obiettivi. Anche il nostro ateneo, seppur dopo 400 anni, ha la prima donna rettore, una delle pochissime in Italia" ha detto Micaela Morelli, pro rettore per la ricerca scientifica dell'Università di Cagliari

 

Cagliari, 12 febbraio 2018
Mario Frongia


Oggi, dalle 9 alle 17, la Cittadella universitaria, Monserrato (aula rossa asse didattico della facoltà di Medicina)  - è stata la culla della Giornata internazionale per le donne e le ragazze nella scienza. L’evento ha fatto seguito al successo conseguito nel 2017 e ha proposto interventi, dibattiti, videoconferenze, illustrazioni ed esperimenti in laboratorio. Al centro dei lavori la Masterclass riservata a una cinquantina di studentesse tra le più meritevoli frequentanti l’ultimo biennio delle scuole superiori. Per la prima volta sono state ospiti del dipartimento di Fisica una ventina di bambine della scuole primaria “Regina Margherita” di Quartu. In breve, una festa nella festa. Con le bimbe, coodinate dalla divulgatrice scientifica del dipartimento di Fisica, Alessia Zurru, trasportate in un universo di straodinario fascino.

 

Le bambine delle scuole primarie: un lunedì da circoletto rosso tra gli affascinanti meandri della scienza
Le bambine delle scuole primarie: un lunedì da circoletto rosso tra gli affascinanti meandri della scienza

Civiltà, sviluppo, cultura. Dalle ragazze delle superiori alle bambine delle elementari di Quartu: un osservatorio volto a un domani ricco di pari opportunità

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha istituito l’11 febbraio la Giornata internazionale per le donne e le ragazze nella scienza. Un atto-celebrazione con diffusione mondiale teso a promuovere l’uguaglianza di genere e a far sì che donne e ragazze ottengano parità di accesso e partecipazione nella scienza. Anche in Italia, si svolgeranno numerose iniziative volte a ispirare e coinvolgere il genere femminile negli ambiti scientifici.


 

Micaela Morelli apre i lavori. Alla sinistra del pro rettore, Susi Ronchi e Anna Maria Musinu
Micaela Morelli apre i lavori. Alla sinistra del pro rettore, Susi Ronchi e Anna Maria Musinu

Accoglienza, esperimenti, comunicazione. Un modo fresco, diretto e accattivante per approcciarsi ai temi scientifici

 Le scolaresche - con un first welcome curato dal pro rettore alla Ricerca, Micaela Morelli e dalla presidente della facoltà di Scienze, Anna Maria Musinu - sono state divise in gruppi e affiancate da giovani ricercatrici e dottorande che le hanno accompagnano in attività sperimentali nei laboratori. Ai lavori, tra gli altri, sono intervenuti anche Susi Ronchi (coordinatrice Giuliagiornaliste Sardegna) e Carla Denotti (presidente Commissione pari opportunità Consiglio nazionale chimici). La giornata si è conclusa con un collegamento in diretta audio/video con le scienziate del Cern di Ginevra.

Il futuro della scienza si tinge di rosa. L'intervento nell'aula rossa della facoltà di Medicina, di Viviana Fanti. Docente al dipartimento di Fisica e da sempre in prima fila nel curare e supportare iniziative didattiche con un marcato dna evolutivo
Il futuro della scienza si tinge di rosa. L'intervento nell'aula rossa della facoltà di Medicina, di Viviana Fanti. Docente al dipartimento di Fisica e da sempre in prima fila nel curare e supportare iniziative didattiche con un marcato dna evolutivo

Valore educativo e buone pratiche. L'Università di Cagliari rafforza un percorso di equità e supporto senza discriminazioni di genere

Condivisione e scienza. La facoltà di Scienze, i dipartimenti di Fisica e di Scienze chimiche e geologiche, la sezione di Cagliari dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, hanno aderito all’iniziativa. Le docenti Viviana Fanti, Stefania Da Pelo e Antonella Rossi sono le referenti di un percorso culturale, divulgativo e scientifico teso ad avvicinare le nuove generazioni “in rosa” al mondo della scienza. Le tre Masterclass (Fisica, Chimica e Scienze geologiche) rappresentano il fiore all’occhiello di una giornata ad alto valore educativo aggiunto.

 

Antonella Rossi, insegna al dipartimento di Scienze chimiche e geologiche
Antonella Rossi, insegna al dipartimento di Scienze chimiche e geologiche

Esperimenti, studi, brevetti e intuizioni. Dai batteri ai Pink Floyd. Un mondo di novità, ricerca e sguardo verso il domani

Una giornata con temi, relatori e iniziative proficue. La manifestazione ha associato argomenti di forte impatto e attualità. Tra questi,  il rapporto tra donne e scienza, proprietà di materia e antimateria, molecole, nanomateriali, batteri, fisica medica, linguaggi, scienza e musica, biominerali, acqua invisibile, ritmi del mare, The dark side of the moon, viscere della terra, geologia del petrolio.  

Stefania Da Pelo, docente al dipartimento di Scienze chimiche e geologiche
Stefania Da Pelo, docente al dipartimento di Scienze chimiche e geologiche

Link

Ultime notizie

15 gennaio 2019

Calendario dei prossimi eventi di SARDINIA YOUNG ARCHITECTS

Mercoledi 16 gennaio, alle 16, nella sala conferenze del Castello di San Michele, interviene il regista e architetto Giovanni Columbu su 'CINEMA E ARCHITETTURA. CRITICA DELLA VALORIZZAZIONE'. L'appuntamento nel ciclo di incontri, presentazioni di libri e seminari organizzati dalla scuola di Architettura dell’Università di Cagliari e da Casa Falconieri per promuovere l'ottima qualità dell’architettura emergente in Sardegna. Eventi SYA2018 ed esposizione dei migliori progetti in programma fino al primo febbraio

15 gennaio 2019

Un ateneo che promuove l’equità e la cittadinanza sostanziale

Entra nella fase operativa il progetto “SUPERA - Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia”, finanziato da Horizon2020 e coordinato per il nostro Ateneo da Luigi Raffo: a breve un questionario on line, una rete di monitoraggio permanente in tutto l’Ateneo e una serie di FAB LAB sul tema. Perché la parità di genere si raggiunga anche nella ricerca scientifica. Resoconto, galleria fotografica e RASSEGNA STAMPA con i servizi andati in onda nei TG: la notizia rilanciata anche da ILSOLE24ORE e SKYTG24

14 gennaio 2019

SUPERA, parità di genere nella ricerca

Lunedì 14 gennaio dalle 10.30 nell’Aula magna del Rettorato la presentazione del progetto europeo “Supporting the Promotion of Equality in Research and Academia” che coinvolge tutto l'Ateneo nella predisposizione di un Piano per il superamento delle disuguaglianze. RASSEGNA STAMPA

14 gennaio 2019

All’Università di Cagliari giovani da tutto il mondo per i corsi multidisciplinari del Dutch Art Institute

Per tre giorni nella Cittadella dei Musei i corsi del Master in Fine Arts certificato dal Ministero dell’Educazione Olandese. L’appuntamento è ospitato dal Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio dell’ateneo grazie alla professoressa Rita Pamela Ladogana. Tra i docenti di UniCa coinvolti anche il professor Carlo Lugliè e il ricercatore Andrea Corsale. Per Alessandra Carucci, prorettore all’internazionalizzazione “In futuro possibile un ulteriore canale di cooperazione didattica e scientifica in nuovi ambiti di studi e specializzazioni”

Questionario e social

Condividi su: