UniCa UniCa News Notizie Tumore al seno, innovativo intervento di ricostruzione al Policlinico universitario “Duilio Casula”

Tumore al seno, innovativo intervento di ricostruzione al Policlinico universitario “Duilio Casula”

L’équipe di Andrea Figus ha utilizzato per la prima volta in Italia lembi di tessuto prelevati dalle cosce della paziente
07 febbraio 2018
Policlinico universitario di Monserrato. Una fase dell'intervento di ricostruzione mammaria

Innovazione e tecniche all'avanguardia. Interventi di microchirurgia ricostruttiva eseguiti per la prima volta in Italia

 

Cagliari, 7 febbraio 2018

Mario Frongia

Sono stati eseguiti, per la prima volta in Italia, a Cagliari dal servizio di Chirurgia plastica e microchirurgia guidata da Andrea Figus, al Policlinico universitario “Duilio Casula”, due interventi di microchirurgia ricostruttiva del seno utilizzando contemporaneamente due lembi di tessuto (grasso e pelle) prelevati dall’interno delle cosce (Pap flap) delle pazienti e trasferiti, uniti insieme, nella regione mammaria per ricostruire un solo seno. Interventi che portano la Chirurgia plastica e microchirurgia della Azienda ospedaliero universitaria (Aou) di Cagliari in prima linea nel nostro paese nell’ambito della ricostruzione mammaria. Con le innovative tecniche microchirurgiche si ampliano le possibilità ricostruttive per le pazienti affette da tumore mammario. La novità principale di questo tipo di interventi è che questi tessuti, dopo il trasferimento, restano vitali grazie al fatto che, lasciando intatti i muscoli, il chirurgo li preleva con un’arteria e una vena, del calibro di circa 2 millimetri, che vengono anastomizzate, sotto il microscopio, con le arterie e le vene che passano vicino allo sterno. Sono stati utilizzati due lembi prelevati da entrambe le cosce per ricostruire un solo seno in ciascuna delle due pazienti. Entrambe le donne operate erano molto magre e avevano subito una mastectomia seguita da chemioterapia e radioterapia.
 


 

Andrea Figus. Lo specialista - professore associato area Scienze mediche dell'Università di Cagliari - ha maturato esperienze a Roma, in Inghilterra e Brasile.
Andrea Figus. Lo specialista - professore associato area Scienze mediche dell'Università di Cagliari - ha maturato esperienze a Roma, in Inghilterra e Brasile.

Opzioni chirurgiche in loco per i pazienti affetti da tumore mammario, della testa e del collo

"Dopo una ricostruzione con impianto protesico era fallita in precedenza e le possibilità ricostruttive erano limitatissime considerando le dimensioni del seno controlaterale, abbiamo valutato insieme alle pazienti – spiega il professor Figus – soluzioni che potessero offrire una ricostruzione duratura e un risultato soddisfacente e abbiamo optato per una ricostruzione nuova e complessa ma che, vista la nostra esperienza, abbiamo potuto eseguire con successo e sicurezza a Cagliari, per la prima volta in Italia”. Ma non solo. “La chirurgia oncologica e la chirurgia traumatologica non possono prescindere dalla ricostruzione e avere in Sardegna un centro di eccellenza che consente di offrire tutte le opzioni ricostruttive disponibili nel settore offre ai cittadini una opportunità di migliorare la qualità di vita associata alla sicurezza del trattamento oncologico” aggiunge Andrea Figus. Lo specialista rilancia: “La nostra attività risponde alle esigenze dei pazienti sardi affetti da tumore mammario e della testa e del collo, non più costretti a trattamenti ricostruttivi costosi e difficili da affrontare al di fuori della nostra regione”.

 

Un intervento guidato dal professor Figus al Norfolk and Norwich University Hospital
Un intervento guidato dal professor Figus al Norfolk and Norwich University Hospital

Collaborazione trasversale e continua tra le varie branche mediche dell'ateneo e dell'Aou del capoluogo

 A circa due mesi dall’intervento, le pazienti stanno bene e stanno ritornando velocemente alla loro vita quotidiana con grande soddisfazione. La microchirurgia ricostruttiva della Aou di Cagliari, in poco tempo, si sta affermando come uno dei servizi di eccellenza della sanità in Sardegna. La sua attività è unica nel suo genere e collabora con tutte le altre discipline chirurgiche, prime fra tutte la Otorinolaringoiatria e la Chirurgia Generale. In meno di undici mesi sono stati eseguiti 54 interventi complessi con lembi microchirurgici, un numero altamente significativo per un centro Italiano appena costituito, che attualmente, grazie alla collaborazione con i reparti diretti da Roberto Puxeddu e Pietro Giorgio Calò sono diventati interventi di routine che portano l’Azienda diretta da Giorgio Sorrentino a essere punto di riferimento in Sardegna per la ricostruzione della testa e del collo e della mammella.

Giorgio Sorrentino, direttore generale dell'Aou di Cagliari, con il rettore, Maria Del Zompo
Giorgio Sorrentino, direttore generale dell'Aou di Cagliari, con il rettore, Maria Del Zompo

Ultime notizie

19 febbraio 2018

QualityRights in salute mentale, proseguono le iniziative

Si è conclusa nei giorni scorsi in Tunisia la fase di formazione per la conduzione del progetto che coinvolge l’Alto Commissariato dell’ONU per i diritti umani e che impegna il nostro Ateneo con il prof. Mauro G. Carta

19 febbraio 2018

Premio Italiadecide, menzione speciale all'Università di Cagliari

Ricerca applicata innovativa: il progetto sviluppato da Giorgio Cau e Daniele Cocco del Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali e Alfonso Damiano del Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica, centra un prestigioso riconoscimento per l'impianto realizzato nella zona del Consorzio Industriale di Ottana, parco solare sperimentale di Ottana, il primo impianto al mondo su scala industriale che integra le tecnologie solari a concentrazione di conversione termodinamica e fotovoltaica e due tecnologie innovative di accumulo termico ed elettrochimico

19 febbraio 2018

Il ricordo, la memoria

Addio a Filippo Pirisi, docente del nostro Ateneo e per anni preside dell'allora Facoltà di Farmacia. Uomo di profonda cultura, sempre pronto e disponibile a dare preziosi consigli ai colleghi. Il ricordo firmato da Alberto Angioni

Questionario e social

Condividi su: