UniCa UniCa News Notizie I regimi fascisti e la persecuzione degli ebrei dalle leggi razziali alla Shoah

I regimi fascisti e la persecuzione degli ebrei dalle leggi razziali alla Shoah

Ciclo di lezioni dal 16 al 25 gennaio in preparazione alla GIORNATA DELLA MEMORIA 2018, che si celebra venerdì 26 gennaio con il convegno “Verso la Shoah: lo sterminio dei disabili”
13 gennaio 2018
Seminario in preparazione alla GIORNATA DELLA MEMORIA 2018

Rivolto a studenti di Lettere, Filosofia, Beni culturali, Lingue e Scienze dell’educazione

Cagliari, 10 gennaio 2017
Ivo Cabiddu

   
  
L’Università degli Studi di Cagliari - con il Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio e il Dottorato in Storia, Beni Culturali, Studi Internazionali - in preparazione alla Giornata della Memoria 2018, organizza il seminario del professor Claudio Natoli “I regimi fascisti e la persecuzione degli ebrei dalle leggi razziali alla Shoah”, per studenti dei Corsi di laurea triennali e magistrali in Lettere, Filosofia, Beni culturali, Lingue e Scienze dell’educazione (per la partecipazione al seminario, corredata da una relazione scritta, è stato proposto il riconoscimento di 2 crediti).
 
CALENDARIO APPUNTAMENTI. Il seminario prevede un ciclo di lezioni con i seguenti incontri mattutini, sempre dalle 11 alle 13, nell’Aula 15 della Facoltà di Studi Umanistici:

16 gennaio, martedì
17 gennaio, mercoledì
18 gennaio, giovedì
23 gennaio, martedì
24 gennaio, mercoledì
25 gennaio giovedì

Francesco Atzeni, Direttore del Dipartimento di Storia, beni culturali e territorio dell'Università di Cagliari
Francesco Atzeni, Direttore del Dipartimento di Storia, beni culturali e territorio dell'Università di Cagliari

GIORNATA DELLA MEMORIA 2018. In occasione della celebrazione ufficiale, il prossimo venerdì 26 gennaio dalle 15,30 alle 19 c.ca sarà l’Aula Magna del Corpo aggiunto del Polo Umanistico (Sa Duchessa, Aula 1b, Edificio Psicologia ) ad ospitare il convegno “Verso la Shoah: lo sterminio dei disabili ”.

SEDICESIMA EDIZIONE. L’iniziativa, rivolta non solo al mondo accademico ma anche alle scuole e all’intera cittadinanza, viene organizzata da UniCa per il sedicesimo anno e come sempre intende offrire ulteriori spunti di riflessione e di arricchimento della conoscenza storica sui fatti riguardanti la shoah e la deportazione nei campi di concentramento e di sterminio

PROGRAMMA. All’introduzione del professor Francesco Atzeni (Direttore Dipartimento di Storia, beni culturali e territorio),  seguiranno gli interventi dei docenti Claudio Natoli (Ordinario di Storia contemporanea della Facoltà di Studi umanistici dell’Università di Cagliari) su “Un laboratorio per la Shoah: l’operazione T4 e le cliniche della morte” e Christoph Schminck-Gustavus (Professore emerito di Storia del Diritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Brema) su “Lothar Kreissig: la resistenza di un giudice contro il nazismo”.

PARTECIPANTI. Aderiscono e collaborano l’Archivio di Stato di Cagliari, la Soprintendenza Archivistica per la Sardegna, l’Istituto Sardo per la Storia della Resistenza (Issra), l’Associazione Italo-Tedesca (Cagliari), l’Ufficio Scolastico Regionale  della Sardegna con i Licei statali e istituti superiori: Eleonora D’Arborea, De Sanctis-Deledda, Dettori, Siotto Pintor, B. Motzo, Primo Levi, Bacaredda-Atzeni, Pietro Martini, A. Meucci, D. Scano, Sandro Pertini, A. Pacinotti, G. Brotzu.

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: per informazioni è possibile contattare il Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio - via Is Mirrionis 1 - tel. 070.275655 - email: dipstoge@unica.it

 

Christoph Schminck-Gustavus, Ordinario di Storia del Diritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Brema
Christoph Schminck-Gustavus, Ordinario di Storia del Diritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Brema

Per concessione del prof. Natoli ecco l’abstract di uno dei temi del convegno “Verso la Shoah: lo sterminio dei disabili”

OPERAZIONE T4. Lo sterminio dei disabili nel 1939-41 fu la prima operazione di omicidio tecnologico di massa attuata direttamente in Germania dal regime nazista. Già subito dopo l’avvento al potere di Hitler lo Stato discrezionale nazista aveva  scatenato la persecuzione contro gli oppositori politici, che a decine di migliaia erano stato rinchiusi nei campi di concentramento e sottoposti a brutali maltrattamenti, torture e uccisioni al di fuori di ogni tutela giuridica. In seguito, parallelamente al varo di una legislazione discriminatoria sempre più radicale a danno degli ebrei, la popolazione dei campi si era allargata ad altre categorie di “esclusi” dalla comunità popolare, come i Sinti e i Rom, gli omosessuali, i testimoni di Geova, i cosiddetti “asociali” e  anche determinati criminali comuni.
Con l’aggressione alla Polonia e lo scatenamento della guerra prese avvio l’Operazione T4. Su ordine di Hitler si costituì a Berlino un ufficio segreto, del tutto al di fuori della legge, guidato da burocrati della cancelleria del Führer e dal suo medico personale Karl Brandt con il compito di procedere allo sterminio delle “vite non degne di essere vissute”. Si procedette a una schedatura di tutte le persone già ricoverate in ospedali, case di cura e di riposo in ambito pubblico e privato e se ne organizzò il trasferimento, a scaglioni, in cinque sedicenti istituti sanitari (Grafenek, Hartheim, Sonnenstein, Bernburg, Hadamar) dove vennero uccisi collettivamente in numero di 80.000 con il sistema delle camere a gas, qui per la prima volta sperimentate, corredate da appositi forni crematori.

il professor Claudio Natoli, Ordinario di Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche dell’Università di Cagliari
il professor Claudio Natoli, Ordinario di Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche dell’Università di Cagliari

Ultime notizie

27 novembre 2021

Smart Grid Technologies, evento conclusivo del MOST project

Si svolgerà lunedì 13 dicembre alle 14 il webinar “The Smart Grid as Digital Superhero leading the Energy Transition", appuntamento conclusivo del master dedicato alla formazione di esperti ed esperte nella progettazione e gestione di tecnologie per le reti elettriche di nuova generazione. Il corso di alta formazione è coordinato dall'Università degli Studi di Cagliari e vede la partecipazione di atenei, enti di ricerca e imprese internazionali

27 novembre 2021

«Tecnologia è Biologia», una conferenza alla Fondazione di Sardegna

Venerdì 3 e sabato 4 dicembre dalle 18, nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna a Cagliari, si svolgerà l'iniziativa dedicata alla conoscenza nell'era digitale con il coordinamento scientifico di Silvano Tagliagambe, l'organizzazione di Kitzanos e EjaTv, il sostegno della Fondazione e il patrocinio dell'Università degli Studi di Cagliari. Previsti gli interventi del Magnifico Rettore, Francesco Mola, e della viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde

27 novembre 2021

Orto Botanico e Musei cittadini, verso il biglietto unico

Definito nei giorni scorsi un accordo che fa muovere i primi passi all'intesa firmata qualche settimana fa tra il Rettore Francesco Mola e il Sindaco Paolo Truzzu: Comune e Università favoriscono le visite ai beni culturali introducendo una speciale scontistica a favore di chi visita prima il polmone verde dell'Ateneo e poi i siti di proprietà del Comune, e viceversa. Cresce la sinergia a favore della cultura e della ricerca scientifica: la soddisfazione del Rettore, del Sindaco e dell'Assessora alla Cultura

26 novembre 2021

Cultura, formazione, supporto e inclusione per dire basta alla violenza sulle donne

Amministratori pubblici, docenti, magistrati, legali, giornalisti e associazioni di categoria assieme in un confronto utile ad innescare pratiche concrete e virtuose su un fenomeno dai numeri agghiaccianti: 109 “muliericidi” solo nel corso di quest’anno. In aula consiglio a Sestu le riflessioni di Maria Paola Secci, Ilaria Annis, Paolo De Angelis, Cristina Ornano, Elisabetta Gola, Antioco Floris, Susi Ronchi, Daniela Pinna e Valeria Aresti

Questionario e social

Condividi su: