UniCa UniCa News Notizie Controsensi e blasfemia: problemi di traduzione dall’italiano allo spagnolo

Controsensi e blasfemia: problemi di traduzione dall’italiano allo spagnolo

AULAS ABIERTAS: Il 6 e il 7 febbraio, in Campus Aresu, ne parlerà Tomás Serrano Coronado, docente di traduzione letteraria della UNAM, durante il seminario avanzato di ricerca, coordinato dalla professoressa Maria Cristina Secci, che utilizza l’aula quale foro naturale di discussione
05 febbraio 2018
AULAS ABIERTAS Seminario permanente di studi linguistici e letterari su America Latina e Caraibi

di Rossana Orrù

Cagliari, 21 dicembre 2017 – Il 6 e il 7 febbraio, alle 10 in Lab I del Campus Aresu, Tomás Serrano Coronado, docente di traduzione letteraria dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), terrà il seminario “Contrasentidos. Problemas de traducción del italiano al español originados por el contraste de aspectos sintácticos entre ambos sistemas lingüísticos” organizzato nell’ambito di “AULAS ABIERTAS Seminario permanente di studi linguistici e letterari su America Latina e Caraibi”, coordinato dalla professoressa Maria Cristina Secci.

Scopo del seminario è condividere con il pubblico il frutto di un progetto di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento di Linguistica applicata della Scuola Nazionale di Lingue, Linguistica e Traduzione dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM).

È luogo comune che la traduzione tra due lingue vicine sia relativamente facile. Tuttavia, la falsa trasparenza lessicale e le strutture sintattiche simili tra i due sistemi linguistici in gioco sono motivo frequente di calchi sintattici, casi di controsenso, falso senso e nonsenso da parte dei traduttori, dovuti alla mancanza di una conoscenza metalinguistica della lingua straniera. Durante gli incontri si condurrà un’analisi contrastiva di modi e tempi verbali, perifrasi verbali e marcatori di discorso tra l’italiano e lo spagnolo messicano.

Tomás Serrano Coronado
Tomás Serrano Coronado

Il 7 novembre, alle 12 nell’ex – Biblioteca del Campus Aresu, Tomás Serrano Coronado terrà la conferenza “Traducción de la blasfemia a una cultura no blasfema”, progetto di ricerca sviluppato dal Dipartimento di Linguistica applicata della Scuola Nazionale di Lingue, Linguistica e Traduzione dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM).

Nella cultura italiana è ben diffusa la blasfemia, intesa come atto linguistico la cui intenzione pragmatica è quella di offendere i valori sacri, dovuto senza subbio alla forte presenza della Chiesa cattolica. Tuttavia, con il passare dei secoli, a questo valore se n’è sommato uno più comune per esprimere contrarietà, frustrazione, sorpresa, accordo, elogio, a tal punto che la blasfemia si è trasformata in una semplice interiezione, portando a un uso frequente di eufemismi anche nella letteratura italiana.

Durante l’incontro si cercherà di capire come tradurre la blasfemia in una cultura non blasfema, come il caso del Messico, senza perdere la sua intenzione pragmatica. A tal fine verrà proposta la letteratura prodotta da Lawrence Venuti.

Il seminario è riservato agli studenti ispanisti, per iscriversi mandare una mail all’indirizzo secci@unica.it
La conferenza è aperta a tutti.

Guarda la locandina degli incontri
Guarda la locandina degli incontri

Allegati

Ultime notizie

30 giugno 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 giugno 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

28 giugno 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

Questionario e social

Condividi su: