UniCa UniCa News Notizie ContaminationLab, primo incontro a Cagliari con diciotto atenei e i rappresentanti di Miur e Mise

ContaminationLab, primo incontro a Cagliari con diciotto atenei e i rappresentanti di Miur e Mise

Comunità, Sostenibilità, Disseminazione e Governance. Il CLab di UniCa, capofila nazionale dell'Italian CLab Network, lunedì 4 dicembre ospita le delegazioni per ribadire le linee guida per i prossimi 36 mesi e approvare l'Advisory board
01 dicembre 2017
CLab, una storia di successo

ContaminationLab, Cagliari capofila nazionale
In città i delegati di diciotto atenei, Miur e Mise. Al primo incontro dell’Italian CLab Network prendono parte anche i rappresentanti dei ministeri per lo Sviluppo economico e dell’Università. “Puntiamo a facilitare la creazione di nuove imprese” dice il pro rettore Maria Chiara Di Guardo

 

Cagliari, 1 dicembre 2017

Mario Frongia


Lunedì 4 dicembre, alle 10, il Crea (Centro servizi per l’innovazione e l’imprenditorialità dell’Università di Cagliari) - via Ospedale n. 121 - ospita il primo incontro della rete nazionale dei ContaminationLab. All’evento prendono parte i delegati del Miur (ministero istruzione università e ricerca), del Mise (ministero per lo sviluppo economico) e dei diciotto atenei coinvolti nell’Italian CLab Network. All’apertura dei lavori partecipa anche il rettore, Maria Del Zompo. 

Culla di contaminazione, sostenibilità, talento. L’incontro curato dal ContaminationLab dell’ateneo di Cagliari, è il primo in ambito nazionale. Il CLab isolano è stato nominato dal Miur coordinatore e capofila nazionale dell’Italian CLab Network. Ai lavori prendono parte i delegati delle Università di Padova, Verona, Trento, "Ca' Foscari" Venezia, Modena e Reggio Emilia, Pisa, Torino, Bergamo, Basilicata, Napoli "Parthenope", Teramo, Palermo, Calabria, Salento, Catania, Sassari, “Mediterranea” Reggio Calabria e Politecnico di Bari. La rete nazionale dei CLab è stata approvata dal ministero per l’Università lo scorso 13 giugno. Al centro dei lavori di lunedì,  la mission del Network e l’approvazione dell’Advisory board che coordinerà le attività dei prossimi 36 mesi. Insomma, contaminazione di idee e discipline scientifiche, talento e intuito, programmazione e competenze hanno una culla naturale. Il CLab di Cagliari - National Winner 2016 del Premio Europeo per la promozione di impresa - sostiene e promuove gli obiettivi strategici del Miur per lo sviluppo del progetto: Comunità, Sostenibilità, Disseminazione e Governance.

 

 

CLab, festa e idee senza fine
CLab, festa e idee senza fine

 

Cultura di impresa e valori sociali. “L’obiettivo del Network – spiega Maria Chiara Di Guardo, prorettore all’Innovazione e al territorio e responsabile scientifico del CLab UniCa - è potenziare una rete informalmente già attiva da diversi anni, includendo tutti i CLab del territorio nazionale. Il Network, coinvolge diversi portatori di interesse, progetta, implementa e innova per la diffusione della cultura di impresa”. Ma non solo. “Puntiamo a facilitare la creazione di nuova impresa, veicolare le nostre esperienze fuori dal contesto accademico, promuovere i valori di responsabilità sociale ed esportare - rimarca la professoressa Di Guardo - il modello di eccellenza del CLab UniCa su l’intero territorio nazionale”.

 

Maria Chiara di Guardo, pro rettore Innovazione e territorio
Maria Chiara di Guardo, pro rettore Innovazione e territorio

Quattro precetti. L’obiettivo Comunità favorirà la diffusione del know-how e delle best-practice. I servizi per la Sostenibilità, con la creazione di sinergie con il mondo pubblico-privato e la valorizzazione economica del know-how e della rete, saranno volti a generare valore e a garantire il proseguimento delle attività del progetto una volta concluso. I servizi di Disseminazione, con i Contamination Camp, diffonderanno l’esperienza CLab, dando al Network visibilità nazionale, europea e internazionale. Infine, i servizi di Governance, coinvolgendo e responsabilizzando i nodi della rete, renderà efficiente la gestione delle realtà presenti e future e favorirà la diffusione di una strategia comune a livello nazionale. I CLab offrono percorsi di apprendimento extracurricolari (semestrali o annuali) sviluppati con modelli didattici innovativi e sperimentali, con un triplice obiettivo: catalizzare le competenze “accademiche” dei partecipanti, favorire la collaborazione, raffinare le doti di team-working, accrescere le abilità trasversali, stimolare e accompagnare le idee imprenditoriali proposte da gruppi di studenti di differenti estrazioni disciplinari.

ContaminationLab, il presente è già futuro
ContaminationLab, il presente è già futuro

Ultime notizie

16 luglio 2018

L'occhio degli economisti sul mercato del lavoro

Venerdì 20 luglio un workshop sugli effetti delle leggi di regolazione del mercato del lavoro organizzato da Giovanni Sulis, docente del dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali. Il lavoro del professore è stato citato nell’edizione 2018 dell’Employement Outlook dell’Organisation for Economic Co-operation and Development

16 luglio 2018

Senato accademico, on line i risultati provvisori

Disponibili nelle pagine del coordinamento Affari generali ed Elezioni della Direzione generale. Si attende ora l’ufficialità: in testa per le Macro Aree (docenti) Michele Mascia, Iole Tomassini Barbarossa e Tatiana Cossu, per il personale tecnico, bibliotecario e amministrativo Luigi Barberini e Ernesto Batteta

13 luglio 2018

"Ginecologia è un fiore all'occhiello per l'ateneo di Cagliari"

Il plauso di Francesco Marongiu, pro rettore per le Attività sanitarie dell'Università di Cagliari al congresso nazionale curato da Gian Benedetto Melis. La quattro giorni con specialisti nazionali ed esteri prosegue tra letture magistrali, relazioni e tavole rotonde. In prima fila i docenti dell’ateneo del capoluogo. Tra questi, i professori Fanos, Faa, Biggio, Finco, Angioni, Paoletti, De Lisa, Mercuro, Puxeddu, Mariotti, Mathieu,Calò, Mais, Rongioletti, Angiolucci

Questionario e social

Condividi su: