UniCa UniCa News Notizie Corruzione nella PA, la repressione non basta

Corruzione nella PA, la repressione non basta

L’intervento di Gianmario Demuro al simposio in videocollegamento con la base italiana di Herat (Afghanistan): “Occorre rendere effettivo il principio costituzionale di uguaglianza”. RESOCONTO e FOTO
12 ottobre 2017
La base di Herat durante il videocollegamento con Cagliari

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 13 ottobre 2017 – “La repressione penale non è sufficiente ad arginare il fenomeno della corruzione nella Pubblica amministrazione, ma occorre un cambiamento radicale sull'effettività dell'attuazione dei principi costituzionali: il primo è quello di eguaglianza”.

Lo ha sostenuto con forza il prof. Gianmario Demuro, ordinario di Diritto costituzionale all’Università di Cagliari, intervendo ieri pomeriggio al simposio sul tema del contrasto alla corruzione nella Pubblica Amministrazione, tenuto a favore delle forze di sicurezza afgane di Herat (Afghanistan) per approfondire e dibattere argomenti relativi al quadro normativo vigente  attraverso un confronto operativo con la situazione italiana.

L’iniziativa – prima nel suo genere - ha visto la sede del Comando del contingente italiano di Camp Arena a Herat in collegamento con il Tribunale di Cagliari e con il Post Conflict Operation Center di Torino per dibattere sul tema con il Procuratore Generale di Herat davanti ad una nutrita platea di autorità civili e militari afgane tra cui il governatore e il sindaco della città afghana.

“L’intervento del generale Massimo Biagini, comandante del TAAC WEST – si legge sul sito del giornale italiano delle Nazioni Unite e sul sito del Ministero italiano della Difesa - ha aperto i lavori del Simposio affrontando il tema della corruzione dal punto di vista della motivazione e onestà, aspetti fondamentali per svolgere il proprio servizio nell’ambito delle istituzioni pubbliche”.

Successivamente l’avvocato Giuseppe Ledda, direttore della Scuola della Camera Penale di Cagliari,  Maria Alessandra Pelagatti capo della Procura di Cagliari, Paolo De Angelis, magistrato della Procura del capoluogo sardo insieme con Rita Dedola, presidente dell’Ordine degli Avvocati della città, e  il prof. Demuro hanno dibattuto con il Procuratore Generale di Herat, Abdul Haq Amahdi, mettendo a disposizione della platea esperienze e conoscenze giuridico-legali di alto livello. La sinergia creata tra professionisti e docenti di Paesi ed esperienze diverse ha offerto spunti per trovare comuni misure di contrasto al fenomeno della corruzione.

Demuro, in particolare, si è detto d’accordo con quanto sostenuto dal Procuratore De Angelis sul fatto che la legislazione in materia penale sia ormai idonea a combattere il fenomeno drammatico della corruzione in Italia.

Il costituzionalista ha spiegato che “ogni attività corruttiva altera il rapporto tra Pubblica amministrazione e cittadini, nonché tra PA e imprese. In questo la violazione del corollario dell'imparzialità è ancor più grave perché mette a rischio il rapporto di fiducia che deve sussistere tra cittadini e potere pubblico. Un potere che discrimina è un potere delegittimato”.

Conseguenze gravi anche dal punto di vista personale: “Chi è corrotto – ha avvertito - viene meno al giuramento di fedeltà alla Repubblica e pone le basi per la violazione del principio democratico”. Con riferimento alle riforme che la Pubblica amministrazione ha necessità di approvare, il prof. Demuro ha proposto una chiara semplificazione dei procedimenti amministrativi in modo da ridurre i campi nei quali la corruzione può infilarsi: “Serve un uso maggiore della digitalizzazione dei processi decisionali – ha concluso - e un reclutamento straordinario per concorso di giovani laureati che possano portare conoscenza nuove in una PA ormai troppo invecchiata a causa del blocco decennale delle assunzioni”.

-------------------------

Il professor Gianmario Demuro, ordinario di Diritto costituzionale
Il professor Gianmario Demuro, ordinario di Diritto costituzionale

Sergio Nuvoli

Cagliari, 9 ottobre 2017 – Interverrà anche il prof. Gianmario Demuro, docente di Diritto costituzionale dell’Università di Cagliari, giovedì 12 ottobre al convegno-confronto organizzato dalla Camera penale di Cagliari su “La corruzione nella Pubblica amministrazione”. L’evento – che ha una valenza formativa riconosciuta per tutti gli avvocati, previa iscrizione – comincerà alle 15 nella Biblioteca dell’Ordine degli avvocati e si svolgerà in videoconferenza con Herat (Afghanistan), da dove dal Camp Arena interverranno il Comandante di TAAC-W, generale B. Massimo Biagini, e il Governatore di Herat insieme al Procuratore Capo della Procura di Herat e al Procuratore per il contrasto alla corruzione.

Partecipano il rappresentante speciale per il Segretariato Generale delle Nazioni Unite, Mr Tadamichi Yamamoto, il sindaco di Herat, il Comandante del 207mo C.A. dell’Esercito, il Comandante regionale della Polizia, e i rappresentanti di 65 istituzioni locali. Argomento degli interventi da Herat sarà il quadro normativo di riferimento afghano e le modifiche al codice penale in corso di approvazione, lo studio del fenomeno, le modalità nelle quali si estrinseca, e saranno riferiti dati statistici nel quadro dell’analisi sull’incidenza del fenomeno, con le misure di prevenzione e coercitive.

Dalla Scuola di Applicazione di Torino sarà collegata la prof.ssa Silvia Ponzio, docente di Diritto amministrativo, che interverrà sul fenomeno nella pubblica amministrazione italiana con particolare riferimento alle Forze armate.

Quindi la parte cagliaritana dell’incontro, introdotta dall’avvocato Giuseppe Ledda, direttore della Scuola della Camera Penale di Cagliari. Interverranno Maria Alessandra Pelagatti, Procuratore Capo della Procura di Cagliari, Paolo De Angelis, magistrato della Procura di Cagliari, Rita Dedola, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari, Rodolfo Meloni, Presidente della Camera Penale di Cagliari e Gianmario Demuro, docente di Diritto costituzionale. Al centro degli interventi i beni giuridici tutelati, gli elementi costitutivi dei reati, il contrasto in ambito giudiziario e le misure di prevenzione e coercitive, i limiti e le garanzie, i profili costituzionali e sviluppi legislativi. Quindi un confronto tra il fenomeno nella pubblica amministrazione italiana e quello presentato dai relatori afghani.

Allegati

Link

Ultime notizie

28 maggio 2022

Così sopravvive il super batterio anti-radiazioni

Dallo studio guidato dai ricercatori dell’Università di Cagliari Dario Piano e Domenica Farci e realizzato da un network internazionale di studiosi arriva nuova luce su un organismo capace di resistere ad una dose di radiazioni gamma 15mila volte superiori a quelle sufficienti ad uccidere un uomo. Possibili applicazioni in biomedicina per lo sviluppo di antibiotici di nuova generazione e nelle nanotecnologie per lo sviluppo di nuovi biomateriali

28 maggio 2022

Economia, ecco cosa ci ha insegnato la crisi

Dalla presentazione del Rapporto CRENoS gli spunti per la ripresa. Emergono alcuni insegnamenti: la dimensione piccola delle imprese espone a maggiori rischi, ma anche una elevata specializzazione produttiva aumenta il rischio. Va poi tenuta in considerazione l’importanza dei servizi pubblici, non solo sanitari. C’è, infine, un disallineamento delle competenze. “Tutto ciò è risaputo, ma non sempre chi disegna le politiche economiche sembra esserne consapevole”, ha avvertito Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica dell’Università di Sassari e coordinatore del Rapporto 2022. RASSEGNA STAMPA

27 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS. RASSEGNA STAMPA

26 maggio 2022

UniCa aderisce alla “Settimana mondiale della tiroide 2022”

Dal 25 al 31 maggio si celebra l’appuntamento con la campagna annuale che ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione generale sui problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo alla prevenzione attraverso l'uso di sale iodato. Il tema conduttore dell’edizione 2022, che non prevede eventi in presenza, è “Tiroide e salute: io mi informo bene”. Interviste e le risposte degli esperti ai quesiti più frequenti sulla pagina Facebook dedicata

Questionario e social

Condividi su: