UniCa UniCa News Notizie Congresso AIOL: la ricerca per la conservazione degli ecosistemi acquatici

Congresso AIOL: la ricerca per la conservazione degli ecosistemi acquatici

Dal 26 al 29 settembre nel Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente il XXIII Congresso dell’Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia
25 settembre 2017
Ecosistemi acquatici

di Sara Piras


Dal 26 al 29 settembre il Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università di Cagliari ospita nelle Aule di Ponte Vittorio il XXIII Congresso dell’Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia (AIOL) , incentrato sul funzionamento, le alterazioni e il recupero degli ecosistemi acquatici.


I maggiori ricercatori nazionali e internazionali, esperti nel campo delle scienze acquatiche, si confronteranno sui risultati delle più recenti ricerche sulla struttura e sulle funzioni degli ecosistemi, e sull’importanza di recuperarne le diversità. L’obiettivo è pianificare azioni di recupero attivo per la conservazione degli ecosistemi, sviluppando meccanismi virtuosi e sostenibili di adattamento dello sfruttamento delle risorse.


Il congresso dell’AIOL, riservato ai soci, rappresenta un’occasione unica di dibattito e di confronto, all’interno della comunità scientifica italiana, su temi che riguardano le scienze marine e limnologiche, ormai d’interesse globale.
L’iniziativa ha una connotazione fortemente interdisciplinare e mira a favorire la ricerca, la collaborazione e lo scambio di informazioni tra studiosi delle diverse discipline afferenti all’Oceanologia ed alla Limnologia, contribuendo al progresso di queste scienze e al trasferimento delle informazioni scientifiche alla società.


A margine del congresso, e nell’ambito dell’iniziativa “La notte dei ricercatori”, il 29 settembre il docente di Ecologia Antonio Pusceddu e la ricercatrice dell’Istituto di Scienze Marine del CNR Francesca Alvisi, membri dell’AIOL, terranno una conferenza intitolata “Le mille forme dell’acqua”, nell’aula C della Cittadella di  Monserrato.


Per saperne di più consulta il sito dell’AIOL.

Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia
Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia

Ultime notizie

22 maggio 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

20 maggio 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 maggio 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

Questionario e social

Condividi su: