UniCa UniCa News Notizie Acqua per agricoltura e usi civili in Africa

Acqua per agricoltura e usi civili in Africa

L’Università di Cagliari guida il progetto FLOWERED e sperimenta tecniche low cost di defluorizzazione in Etiopia, Kenia e Tanzania
03 luglio 2017
Lo staff di specialisti dell’Università di Cagliari, coordinati dal professor Giorgio Ghiglieri, guida il progetto FLOWERED e sperimenta tecniche low cost di defluorizzazione nella Rift Valley, tra Etiopia, Kenia e Tanzania. Il 18 e 19 luglio si svolge il primo Regional Workshop organizzato nell’African Institute of Science and Technology "Nelson Mandela"

paesaggio africano della Rift Valley (Etiopia, Kenia, Tanzania)
Nelle foto scene di vita e paesaggi africani della Rift Valley
 
Il 18 e 19 luglio il Nelson Mandela African Institute of Science and Technology - ad Arusha, in Tanzania - ospita il primo Regional Workshop del progetto europeo Horizon 2020 "FLOWERED, de-fluoridation technologies for improving quality of water and agro-animal products along the East African Rift Valley in the context of adaptation to climate change".
 
Cagliari, 3 luglio 2017
Ivo Cabiddu

 
Il progetto FLOWERED, coordinato dal professor Giorgio Ghiglieri dell’Università di Cagliari, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche, ha preso inizio nel giugno 2016 e mira a contribuire allo sviluppo di un sistema di gestione sostenibile delle risorse idriche per uso civile e agricolo in aree contaminate da fluoro, nelle acque nei suoli e negli animali nei paesi africani della Rift Valley (Etiopia, Kenia, Tanzania), così da migliorare le condizioni di vita della popolazione in termini di sicurezza ambientale, sanitaria e alimentare.
  
REGIONAL WORKSHOP. Il 18 e 19 luglio è in programma il primo Regional Workshop del progetto FLOWERED, che si terrà nell’African Institute of Science and Technology "Nelson Mandela", ad Arusha, in Tanzania. Alle attività prenderanno parte i partner di progetto, le autorità locali, ricercatori internazionali, PMI locali, ONG e rappresentati delle società civile. Durante la prima giornata avrà luogo una Conferenza, spazio prezioso per diffondere le attività e i primi risultati del progetto, condividere conoscenze ed esperienze sui temi del progetto e dialogare con gli attori locali. L’alto livello degli interventi e del pubblico garantirà nuovi e interessanti input. Il secondo giorno prevede un Field trip nelle aree interessate dalle attività di progetto. Saranno mostrate le problematiche geologiche ed idrogeologiche delle aree studio affetti da contaminazione da fluoro, dove attraverso le attività progettuali verranno sperimentate tecniche low cost di defluorizzazione delle acque destinate all’agricoltura e ad usi civili.

clicca per ingrandire clicca per ingrandire clicca per ingrandire
   
FLOWERED. Il progetto, nato da esperienze di successo pregresse dei ricercatori sardi, è la dimostrazione che adottando un approccio scientifico, anche in zone affette da inquinamento da fluoro, si possono trovare delle soluzioni sostenibili per rendere disponibile la risorsa acqua per l’agricoltura e per usi civili.
  
PARTNER. Nello sviluppo del progetto sono impegnati un cospicuo numero di giovani ricercatori, europei ed africani, che avranno la possibilità di lavorare in sinergia nell’implementazione delle attività progettuali. Il progetto prevede inoltre un attivo coinvolgimento di attori locali dei paesi africani che abitano le aree dove si implementano le attività sperimentali. La partnership di progetto è composta da 14 partner di 7 Paesi: Italia, Spagna, Inghilterra, Tunisia, Etiopia, Kenia e Tanzania e vede coinvolte Università, ONG, organizzazioni internazionali e SME:
  • Coordinamento
    UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI
    Contributo UE: EUR 551.750

     
  • Partner
    UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI
    UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA
    UNIVERSITAT DE BARCELONA - Spagna
    ABERYSTWYTH UNIVERSITY - Gran Bretagna
    ADDIS ABABA UNIVERSITY - Etiopia
    UNIVERSITY OF ELDORET - Kenia
    THE NELSON MANDELA AFRICAN INSTITUTE OF SCIENCE AND TECHNOLOGY - Tanzania
    OIKOS EAST AFRICA - Tanzania
    OBSERVATOIRE DU SAHARA ET DU SAHEL - Tunisia
    HYDRO TECHNICAL ENGINEERING SRL - Italia
    PLANETEK ITALIA SRL
    D D’ENGINY BIOREM SL - Spagna
    GEOMATRIX PLC - Etiopia
     
  • Info
    scheda di progetto

    www.floweredproject.org 
paesaggio africano della Rift Valley (Etiopia, Kenia, Tanzania)

clicca per ingrandire

 

 

Ultime notizie

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 settembre 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 settembre 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie