UniCa UniCa News Notizie Informatica in tribunale, progetto internazionale UniCa

Informatica in tribunale, progetto internazionale UniCa

Specialisti dell'ateneo impegnati per tre anni con otto partner, tra cui le università di Palestina, Giordania e Middlesex
14 gennaio 2017

pralab.diee.unica.it/it

Al via un progetto internazionale coordinato dall’Università di Cagliari. Gli specialisti di ingegneria elettrica ed elettronica impegnati per tre anni con otto partner. Tra questi, le università di Palestina, Giordania e Middlesex. Previsti fondi per circa 900mila euro. Ieri la firma con il pro rettore Alessandra Carucci e il presidente Corrado Zoppi


Cagliari, 14 gennaio 2017
Mario Frongia


PROGETTO ERASMUS. Si sono aperti giovedì 12 e si sono chiusi ieri, venerdì 13 gennaio, i lavori di avvio ufficiale del progetto Erasmus+ denominato Forc (Pathway in Forensic Computing). Coordinato dal PraLab del Diee (dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica, facoltà di ingegneria dell’Università di Cagliari) vedrà impegnati per tre anni otto partner nella costruzione di percorsi didattici innovativi nell’ambito dell’informatica forense. La chiusura del progetto è prevista per il 14 ottobre 2019. Il progetto coinvolge, oltre all’Università di Cagliari, gli atenei del Middlesex (UK), della città di Dublino (Irlanda), quelli palestinesi Al-Quds University e Palestine Technical University - Kadoorie, e le università giordane Jordan University e Princess Sumaya University for Technology.
 

Cagliari, Facoltà di Ingegneria (Diee): foto del gruppo di lavoro, al centro e nel tondo il professor Giorgio Giacinto

Operatività e futuro.
Le attenzioni degli specialisti del Diee riguardano l’enorme mole di dati utili per contrastare la criminalità informatica. “Dati che possiamo trovare in uno smartphone e nell’hard disk di un pc. Con l’uso di metodiche avanzate e sofisticate cerchiamo di rispondere alle esigenze degli inquirenti e della magistratura che - spiega il professor Giorgio Giacinto - necessitano di prove derivanti da materiale informatico valide e acquisibili in tribunale. La raccolta di questi elementi deve essere presentabile senza alcun dubbio in un processo”.
 
Accordi e prospettive. I partner europei elaboreranno in accordo con i partner extraeuropei otto insegnamenti nel settore dell’informatica forense da erogare alle università palestinesi e giordane. Sono previste sia visite agli atenei di Giordania e Palestina dei docenti europei, sia lo svolgimento di alcuni progetti da parte di studenti palestinesi e giordani da svolgersi in parte nelle università europee. Alla firma con le delegazioni dei partner stranieri, con i docenti guidati dal direttore del PraLab, Fabio Roli, hanno preso parte il pro rettore all’Internazionalizzazione, Alessandra Carucci, e il presidente della facoltà di Ingegneria, Corrado Zoppi.
 
Finanziamenti. Il bando che finanzia il progetto - budget di circa 900mila euro - è denominato “Capacity Building in the Field of Higher Education”. Le attività sono coerenti con il forte e pressante stimolo da parte delle istituzioni governative italiane verso le università, avente per obiettivo lo sviluppo di attività didattiche legate alla sicurezza informatica a alle investigazioni in ambito informatico. Tra queste, va citato il protocollo d’intesa siglato il 22 novembre scorso fra il Dis (Dipartimento delle informazioni per la sicurezza - Presidenza consiglio dei ministri) e la Crui (Conferenza dei rettori).

PRA LAB (DIEE)

 

Ultime notizie

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 settembre 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 settembre 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie