UniCa UniCa News Notizie Microrganismi intelligenti per la bonifica ambientale

Microrganismi intelligenti per la bonifica ambientale

I ricercatori guidati da Alessandra Carucci e Elena Tamburini in corsa per i Green awards, riconoscimenti a centri nazionali di eccellenza
26 ottobre 2016
Sversamento di idrocarburi da un’imbarcazione in un’area portuale turistica del Mediterraneo
Sversamento di idrocarburi da un’imbarcazione in un’area portuale turistica del Mediterraneo
 

I ricercatori guidati da Alessandra Carucci e Elena Tamburini in corsa per i Green awards. I riconoscimenti sono dedicati ai centri nazionali di eccellenza nell’innovazione sostenibile
 Campionamento di sedimenti marini dell’area portuale di Cagliari. Da sinistra a destra Claudio Ruggeri (UNICA-DiSB), Rossana Biella (UNICA-DICAAR), Eva Chatzinikolaou (HCMR) e Giovanna Cappai (UNICA-DICAAR)
Cagliari, 27 ottobre 2016
Mario Frongia

 
RICERCHE ALL’AVANGUARDIA. Lavorano sul risanamento ambientale con tecnologie biologiche. Sposano innovazione e intuito su ambiti di forte impatto sociale: inquinamento marino e terrestre, discariche e siti minerari contaminati da metalli pesanti. Hanno in corso lavori di bonifica e consulenza in vari aree del Mediterraneo. I ricercatori dell’Università di Cagliari sono all’avanguardia in un settore particolarmente significativo. I gruppi guidati da Elena Tamburini (docente microbiologia generale, dipartimento Scienze biomediche) e da Alessandra Carucci (pro rettore Internazionalizzazione, dipartimento Ingegneria civile, ambientale e architettura) hanno colto nel segno: la giuria scientifica nominata dal settimanale Sette-Corriere della Sera, li ha inseriti nella best list in corsa per i “Sette Green Awards”, riconoscimento dedicato ai centri nazionali di eccellenza impegnati nell’innovazione sostenibile.

 Analisi microbiologica di acque del porto di Cagliari nei laboratori UNICA-DiSB
 VIDEO - Intervista a Elena Tamburini
  
Idrocarburi petroliferi fuoriusciti da un’imbarcazione in un’area portuale turistica del MediterraneoRISANAMENTO AMBIENTALE DI QUALITÀ. I gruppi delle professoresse Tamburini e Carucci - in collaborazione da tempo anche con altri ricercatori dell’ateneo di Cagliari coinvolti nel risanamento ambientale con tecnologie biologiche - operano impiegando microorganismi naturali: “Si tratta di batteri presenti nei luoghi contaminati, quindi senza modificazioni genetiche, a cui insegniamo a comportarsi in modo da modificare e rimuovere gli inquinanti. Un esempio? Il petrolio, gli scarti delle miniere. In sostanza, bonifichiamo idrocarburi e metalli pesanti dalle acque, in particolare dal mare, e dal suolo”.
 
Test di biorisanamento su scala di campo attuato nel porto turistico di El Kantaoui (Tunisia) con l’impiego di boom in CorkSorb (Amorim Isolamentos S.A.). Da sinistra a destra Giovannimatteo Erby (UNICA-DICAAR), Nicola Frigau (UNICA-DiSB), Rym Zakhama-Sraieb (FST), Nessrine Ben Khalifa (FST), Carla Mancosu (RAS-ARDIS), Elena Tamburini (UNICA-DiSB)Analisi di microrganismi degradatori di idrocarburi isolati dalle acque del porto di Heraklion (Creta, Grecia) eseguita da Enrica Bullita nei laboratori UNICA-DiSB) Campionamento di sedimenti marini dell’area portuale di Cagliari. Da sinistra a destra Claudio Ruggeri (UNICA-DiSB), Rossana Biella (UNICA-DICAAR), Eva Chatzinikolaou (HCMR) e Giovanna Cappai (UNICA-DICAAR)
 
PROGETTI DI ALTO PROFILO. Il MapMed, finanziato con circa due milioni trecentomila euro da Enpi-CbcMed e seguito in tandem dagli staff Tamburini-Carucci, si occupa di gestione sostenibile dei porti turistici del Mediterraneo con riguardo agli inquinamenti da idrocarburi. Cagliari è ateneo capofila. Gli altri partner sono l’Università di Firenze, la Regione Sardegna (Agenzia distretto idrografico), l’Hellenic center for marine research di Creta (Grecia), gli atenei di Alessandria (Egitto) e Tunisi (Tunisia). Il BioLanClean - finanziato dall’Università di Cagliari nell’ambito di InnovaRe - è un altro progetto seguito dagli specialisti dell’ateneo del capoluogo apprezzato a livello internazionale. Finalizzato all’impiego di pura lana vergine di pecore sarde è teso allo sviluppo di prodotti in grado di assorbire e biodegradare gli idrocarburi in mare. Ha un budget di centomila euro e si attua in collaborazione con Edilana (Guspini).

Equipe multidisciplinare di biologi, biotecnologi ed ingegneri del progetto BIOLANCLEAN. Da sinistra a destra Andrea Piras (UNICA-DiSB), Marianna Perra (UNICA-DICAAR) e Francesco Vitali (UNICA-DiSB) Test di risanamento di acque del porto di Cagliari con l’impiego di materiali assorbenti in pura lana vergine di pecora sarda allestito nei laboratori UNICA-DICAAR
Da sinistra a destra Andrea Piras (UNICA-DiSB), Marianna Perra (UNICA-DICAAR) e Francesco Vitali (UNICA-DiSB), equipe multidisciplinare di biologi, biotecnologi ed ingegneri del progetto BIOLANCLEAN - Sulla destra: test di risanamento di acque del porto di Cagliari con l’impiego di materiali assorbenti in pura lana vergine di pecora sarda allestito nei laboratori UNICA-DICAAR
 
SINERGIE DI UNA STORIA DI SUCCESSO. Dal 2002 lo staff di Elena Tamburini studia i microorganismi. “Ma spesso li impieghiamo in sinergia con le piante in progetti regionali inerenti le aree minerarie dismesse nel Sulcis. Abbiamo collaborazioni proficue con i team di Gianluigi Bacchetta (direttore Orto botanico, dipartimento Vita e ambiente) e Giovanni De Giudici (dipartimento Scienze chimiche e geologiche”. E non solo. I ricercatori si occupano anche di progetti inerenti problematiche di inquinamento da idrocarburi a mare: “Per la precisione, le contaminazioni derivanti da incidenti su piattaforme o petroliere, che hanno un grande clamore, non le seguiamo. Ma operiamo nelle contaminazioni – rimarca la professoressa Tamburini - che avvengono in maniera cronica e costante nei porti, nelle linee di traffico e sulle rotte marittime, nelle aree costiere dovute alle attività e ai movimenti delle imbarcazioni”. Lo staff della docente ha all’attivo, tra l’altro, una consulenza scientifica con Ivi petrolifera di Cagliari. La società è impegnata nella bonifica biologica alla pineta di Torregrande (OR), area su cui insisteva una raffineria.

redazione web
 
STAMPA NAZIONALE: sulla rivista "SETTE" le ricerche di UniCa. Per "Green Awards / L’Italia che sa innovare" il servizio di Micaela De Medici pubblicato il 21 ottobre dal settimanale del Corriere della Sera

clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
clicca per ingrandire


Discarica di sterili di miniera di Campo Pisano (CI)

 

 

Ultime notizie

30 settembre 2022

Sharper 2022, la ricerca tra futuro del cibo e del clima, lauree in carcere, bullismo, fakenews, crisi idrica, farmaci anti cancro, scarti e materiali innovativi

Oggi l’Orto botanico ospita la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori. Stili di vita, robotica, astronomia, fascino della fisica e della matematica. Oltre cinquanta tra eventi, talk, esperimenti divulgativi e giochi per i bimbi curati da specialisti e partner dell’ateneo. Prevista anche una caccia al tesoro scientifica. Ieri a Massama il rettore Francesco Mola ha presenziato alla discussione della tesi in Scienze economiche di un detenuto

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie