UniCa UniCa News Notizie Ecco il simulatore per la guida dei bus: sicurezza e formazione

Ecco il simulatore per la guida dei bus: sicurezza e formazione

Presentato a Monserrato il BBBuS Box Bull Bus Simulator nei laboratori di Ingegneria della Cittadella Universitaria
29 settembre 2015

 

BBBUS
Il simulatore per la guida degli autobus: caratteristiche innovative indispensabili per sicurezza e ricerca

Un test su sessanta chilometri di tracciato misto in Sardegna, verifica di stress, abilità e fatica, addestramento continuo per gli addetti delle aziende di trasporto: lo strumento del progetto BBBus presentato nei laboratori di ingegneria in Cittadella universitaria a Monserrato, coniuga innovazione, formazione e utilizzo ad alto valore aggiunto. Il progetto rientra nel pacchetto Innova.Re finanziato con 25 milioni di euro dalla Regione

Cagliari, 29 settembre 2015
Mario Frongia
 
IL SIMULATORE DEL FUTURO. Stamani, i laboratori di Ingegneria (Cittadella Universitaria di Monserrato) hanno ospitato il BBBUSDAY, evento finale del progetto B.B.Bu.S. - Box Bull Bus Simulator. Gli specialisti hanno presentato i risultati del progetto realizzato dal dipartimento di Ingegneria civile ambientale e architettura dell’Università di Cagliari in collaborazione con il CenTraLabs, l’Arst e Dedoni Turismo.
 
RICERCA E SICUREZZA. Il simulatore prevede un test costruito su un tracciato misto: venti chilometri sulla SS 554 e nel centro di Cagliari, venti tra Sarule e Gavoi (SS 128) e altrettanti tra Tempio e Luogosanto (SS 133). “La ricerca compie passi da gigante anche per quanto riguarda la sicurezza dei conducenti e degli utenti: il simulatore permette di testare stress, fatica, vista, postura e anche il posizionamento degli apparati, dal volante alle leve. La sicurezza - ha detto Paolo Fadda, ordinario di progettazione dei sistemi di trasporti e amministratore unico dei laboratori Centralabs - è al centro della nostra mission”. Il simulatore è fondamentale anche per la formazione: “Abbiamo riprodotto una cabina uguale a quella del bus Mercedes Citaro 0530, usato anche dal Ctm a Cagliari, con piattaforma mobile, suoni e rumori in Dolby surround su schermi con visuali a 180 gradi. Inoltre, il lay out virtuale di simulazione rileva tutte le difficoltà che un autista incontra per strada. La situazione, dal punto di vista visivo, acustico, dei movimenti e delle vibrazioni - ha spiegato Gianfranco Fancello, responsabile scientifico del progetto e docente dell’ateneo di Cagliari - è per i conducenti reale e totalmente immersiva”.

BBBUS, RICERCA E FORMAZIONE. Il progetto, della durata di 14 mesi è costato 208mila euro ed ha avuto come obiettivo “la trasformazione del simulatore di ralla portuale Box Bull in un sistema di simulazione per la guida di autobus urbani ed extraurbani, finalizzato ad addestrare i conducenti professionisti e in grado di ridurre gli effetti da stress psicofisico” ha aggiunto il professor Fadda. “B.B.Bu.S. è uno strumento tecnologicamente innovativo al servizio della ricerca e della formazione, in grado – ha precisato Gianfranco Fancello - di simulare totalmente le condizioni di guida di un autobus”.
 
BBBUS, INNOVAZIONE E SVILUPPO. Il B.B.Bu.S. è stato sviluppato nell’ambito di Box Bull Bus Simulator, progetto di sviluppo congiunto Università-Impresa finanziato dall’intervento Innova.re(POR FESR 2007-2013) finanziato per sei anni dalla Regione Sardegna con 25 milioni di euro. “Siamo orgogliosi di poter presentare un progetto innovativo, ad alto valore aggiunto e immediatamente spendibile sui mercati del lavoro” ha scandito Annalisa Bonfiglio, prorettore per il territorio e l’innovazione dell’Università di Cagliari”. I laboratori CentraLabs hanno ospitato interventi di Bruno Leban (dipartimento ingegneria meccanica), Francesco Congiu (Didaxa), Marco Naseddu (Centro programmazione regionale), Fabiola Nucifora (Centralabs) e Carlo Poledrini (Arst). In video le relazioni di Agostino Bruzzone e Francesco Galante (docenti degli atenei di Genova e Napoli-Federico II).

INFO: Francesca Esu 340.5746150 – 070.6755261

 
Monserrato, 29 settembre 2015 - Presentazione BBBuS (foto: Francesco Cogotti)foto: francesco cogotti
 

a partire dalle ore 10 nei Laboratori di Ingegneria della Cittadella Universitaria di Monserrato si svolgerà il BBBUSDAY, evento finale del progetto B.B.Bu.S. – Box Bull Bus Simulator

 

Il B.B.Bu.S. è stato sviluppato nell’ambito di Box Bull Bus Simulator, progetto di sviluppo congiunto Università-Impresa finanziato dall’intervento Innova.re (POR FESR 2007-2013).

L’iniziativa sarà l’occasione per presentare i risultati del progetto realizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Architettura dell’Università degli Studi di Cagliari in collaborazione con il CenTraLabs l’ARST e Dedoni Turismo. Il progetto, della durata di 14 mesi, ha avuto come obiettivo la trasformazione del simulatore di ralla portuale Box Bull in un sistema di simulazione per la guida di autobus urbani ed extraurbani, finalizzato ad addestrare i conducenti professionisti e in grado di ridurre gli effetti da stress psicofisico. B.B.Bu.S. è, quindi, uno strumento tecnologicamente innovativo al servizio della ricerca e della formazione, in grado di simulare totalmente le condizioni di guida di un autobus, sia dal punto di vista visivo che acustico, che da quello della percezione dei movimenti e delle vibrazioni, risultando così totalmente immersivo.

Scarica il PROGRAMMA dell’evento, la LOCANDINA e il DEPLIANT del progetto.

(IC, 24 settembre 2015)

 

BBBUSArriva il simulatore per la guida degli autobus: martedì la presentazione nei laboratori di ingegneria in Cittadella
 
Centralabs, al polo universitario di Monserrato, ospita l’evento finale del progetto BBBuS, sofisticato e innovativo strumento per addestrare i conducenti dei bus urbani e extraurbani
 
Cagliari, 25 settembre 2015
Mario Frongia
 
Martedì 29 settembre, dalle 10, nei laboratori di Ingegneria della Cittadella universitaria di Monserrato si tiene il BBBUSDAY, evento finale del progetto B.B.Bu.S. - Box Bull Bus Simulator. L’iniziativa è tesa a presentare i risultati del progetto realizzato dal dipartimento di Ingegneria civile ambientale e architettura (Dicaar) dell’Università di Cagliari in collaborazione con CenTraLabs, Arst e Dedoni Turismo. Docenti, ricercatori e addetti ai lavori sono a disposizione delle testate giornalistiche. Previste visite guidate al simulatore

RICERCA E FORMAZIONE AVANZATA. Il progetto, della durata di 14 mesi, ha avuto come obiettivo “la trasformazione del simulatore di ralla portuale Box Bull in un sistema di simulazione per la guida di autobus urbani ed extraurbani, finalizzato ad addestrare i conducenti professionisti e in grado di ridurre gli effetti da stress psicofisico” dice Paolo Fadda, ordinario di progettazione dei sistemi di trasporti e amministratore unico dei laboratori Centralabs. “B.B.Bu.S. è uno strumento tecnologicamente innovativo al servizio della ricerca e della formazione, in grado - spiega Gianfranco Fancello, responsabile scientifico del progetto e docente dell’ateneo di Cagliari - di simulare totalmente le condizioni di guida di un autobus, dal punto di vista visivo, acustico, della percezione dei movimenti e delle vibrazioni”. Il B.B.Bu.S. è stato sviluppato nell’ambito di Box Bull Bus Simulator, progetto di sviluppo congiunto Università-Impresa finanziato dall’intervento Innova.re(POR FESR 2007-2013).
 
LA SCALETTA
. I lavori vengono aperti da Annalisa Bonfiglio, prorettore per il territorio e l’innovazione dell’Università di Cagliari. A seguire, interventi e relazione di Gianfranco Fancello, Paolo Fadda, Massimiliano Pau (dipartimento ingegneria meccanica, Cagliari), Francesco Congiu (Didaxa), Agostino Bruzzone e Francesco Galante (docenti degli atenei di Genova e Napoli-Federico II), Fabiola Nucifora (Centralabs), Carlo Poledrini (Arst) e Giulio Dedoni (Dedoni Trasporti).
 
INFO: Francesca Esu 340.5746150 – 070.6755261


 


 

 


 

 

 

 

 

 

Il simulatore per la guida degli autobus nei laboratori di ingegneria in Cittadella
 

Domani, il polo universitario di Monserrato ospita l’evento finale del progetto BBBuS, sofisticato strumento per addestrare i conducenti dei bus urbani e extraurbani
Docenti, esperti e ricercatori sono a disposizione delle testate giornalistiche, anche per le visite guidate all’innovativo sistema indispensabile per gli addetti ai lavori
 
BBBUS
Cagliari, 28 settembre 2015
Mario Frongia
 

Domani, martedì 29 settembre, dalle 10 alle 13,
nei laboratori di Ingegneria della Cittadella Universitaria di Monserrato si tiene il BBBUSDAY, evento finale del progetto B.B.Bu.S. - Box Bull Bus Simulator. Gli specialisti presentano i risultati del progetto realizzato dal dipartimento di Ingegneria civile ambientale e architettura dell’Università di Cagliari in collaborazione con il CenTraLabs, l’Arst e Dedoni Turismo.

RICERCA E FORMAZIONE AVANZATA
. Il progetto, della durata di 14 mesi, ha avuto come obiettivo “la trasformazione del simulatore di ralla portuale Box Bull in un sistema di simulazione per la guida di autobus urbani ed extraurbani, finalizzato ad addestrare i conducenti professionisti e in grado di ridurre gli effetti da stress psicofisico” dice Paolo Fadda, ordinario di progettazione dei sistemi di trasporti e amministratore unico dei laboratori Centralabs. “B.B.Bu.S. è uno strumento tecnologicamente innovativo al servizio della ricerca e della formazione, in grado - spiega Gianfranco Fancello, responsabile scientifico del progetto e docente dell’ateno di Cagliari - di simulare totalmente le condizioni di guida di un autobus, dal punto di vista visivo, acustico, della percezione dei movimenti e delle vibrazioni”. Il B.B.Bu.S. è stato sviluppato nell’ambito di Box Bull Bus Simulator, progetto di sviluppo congiunto Università-Impresa finanziato dall’intervento Innova.re(POR FESR 2007-2013).

LA SCALETTA
. I lavori vengono aperti da Annalisa Bonfiglio, prorettore per il territorio e l’innovazione dell’Università di Cagliari. A seguire, interventi e relazione di Gianfranco Fancello, Paolo Fadda, Massimiliano Pau (dipartimento ingegneria meccanica), Francesco Congiu (Didaxa), Agostino Bruzzone e Francesco Galante (docenti degli atenei di Genova e Napoli-Federico II), Fabiola Nucifora (Centralabs), Carlo Poledrini (Arst) e Giulio Dedoni (Dedoni Trasporti).
 
INFO: Francesca Esu 340.5746150 – 070.6755261


Martedì 29 settembre 2015

Ultime notizie

06 febbraio 2023

BullyBuster, il tour dell’acchiappa-bulli nelle scuole d'Italia

Dopo il via in un istituto di Avellino, ora è il turno del Liceo Motzo di Quartu Sant'Elena per la presentazione e prova pratica del sistema multidisciplinare messo a punto dai ricercatori delle università di Napoli, Cagliari, Foggia e Bari. Per UniCa il referente scientifico è il professor Gian Luca Marcialis: “La piattaforma e l’app per smartphone e pc sono ora a disposizione di ragazzi, famiglie, scuole e forze dell'ordine. Andando nelle scuole riusciamo a far ‘toccare con mano’ il semplice modo con cui le soluzioni avanzate, permesse dagli algoritmi dell’intelligenza artificiale e unite al diritto e alla psicologia, riescono ad essere estremamente utili per il rilevamento e il contrasto delle azioni di bullismo o cyberbullismo”

05 febbraio 2023

Torna la Coppa Rettore di calcio a 11. Adesioni entro venerdì

SCADENZA ISCRIZIONI IL 10 FEBBRAIO. Il torneo universitario 2023 è organizzato dal Cus Cagliari in collaborazione con l’ateneo. Ogni squadra (necessario per tutti il certificato medico) può essere composta da un numero illimitato di studenti, anche appartenenti a facoltà diverse, che per tutta la durata del campionato non potranno giocare con nessun altro team partecipante

03 febbraio 2023

Cure palliative e terapia del dolore: concluso il primo Master di UniCa

Il traguardo raggiunto ieri nell’aula magna di Palazzo Belgrano, con la discussione di una parte delle tesi del master di primo livello diretto dal professor Gabriele Finco. Presenti per l’occasione il rettore Francesco Mola, l’assessore regionale alla sanità Carlo Doria, l’assessora comunale alle politiche sociali, benessere e famiglia Viviana Lantini, il presidente della società italiana cure palliative Gino Gobber e, per l’Aou, la direttrice generale Chiara Seazzu e il direttore sanitario Giancarlo Angioni

03 febbraio 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali. RASSEGNA STAMPA

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie