UniCa UniCa News Notizie Miriam Melis si aggiudica il Gill Transformative Investigator Award

Miriam Melis si aggiudica il Gill Transformative Investigator Award

La professoressa associata del dipartimento di Scienze biomediche ha ritirato ieri, assieme ad altri quattro colleghi, il premio attribuito dall’Indiana University - Bloomington ai migliori studiosi nel campo delle neuroscienze e, in particolare, nelle ricerche sugli effetti della cannabis. Gli studi della docente si sono concentrati in particolare sugli effetti dell’uso dei cannabinoiodi in gravidanza, in aumento a seguito della legalizzazione e di atteggiamenti socio-culturali più permissivi.
15 settembre 2022
Miriam Melis riceve il Gill Transformative Investigator Award da Jason Gill (a sinistra) e da Norbert Hajos.

Attribuito durante la pandemia ma consegnato solo ieri: un premio tanto atteso quanto meritato quello che ieri l’Indiana University a Bloomington ha attribuito a Miriam Melis, professoressa associata del dipartimento di Scienze biomediche dell’Università di Cagliari, assieme ad altri quattro colleghi provenienti da altrettanti atenei in tutto il mondo: Francisco Guimaraes della University of Sao Paulo, Matthew N. Hill della Unviersity of Calgary, Yasmin Hurd della ICAHN School of Medicine at Mount Sinai ed Elizabeth A. Thiele, della Harvard Medical School.

Il premio è stato attribuito per le ricerche sul ruolo del sistema endogeno dei cannabinoidi nella regolazione delle funzioni dopaminergiche e, quindi, nella predisposizione a diversi disturbi mentali: l'uso della cannabis, interferendo con queste funzioni, pone infatti l'individuo a rischio per lo sviluppo di questi disturbi.

“Il mio interesse è rivolto alla comprensione dei meccanismi neurobiologici implicati nella vulnerabilità, e anche nella resilienza, verso i disturbi neuropsichiatrici. Il benessere psicofisico dipende dalle condizioni ambientali e dai fattori biologici"

“La mia ricerca - spiega Miriam Melis - mira a rispondere a queste domande: perché alcune persone sono sane e altre vivono nel disagio mentale? Perché alcuni sono più propensi a manifestare disturbi mentali quali la depressione, la psicosi e il suicidio e altri conservano la loro salute mentale dopo essersi scontrati con eventi avversi, ritrovando o addirittura accrescendo il loro funzionamento psicosociale?”

Partendo da qui, la professoressa Melis si è concentrata sull'associazione tra le psicopatologie dei genitori e le alterazioni del neurosviluppo della prole, con un'attenzione particolare verso le interazioni tra sistema dopaminergico ed endocannabinoide. Uno dei fattori predittivi di rischio è l’esposizione alla cannabis durante periodi i critici del neurosviluppo: infatti, con l'espansione della legalizzazione della cannabis, sia a scopo medicale che ricreativo, e di atteggiamenti socio-culturali più permissivi in tutto il mondo, l'uso della cannabis tra le donne in gravidanza è in forte aumento.  Da questo impegno di ricerca è nato anche un libro, edito insieme a Olivier JJ Manzoni, che si intitola "Cannabis and the Developing Brain" e che è il primo libro a fornire informazioni circa l'impatto che l'esposizione alla cannabis ha durante il neurosviluppo, con particolare riguardo agli aspetti emozionali, cognitivi e comportamentali.

Miriam Melis con due degli altri studiosi premiati: Yasmin Hurd (Mount Sinai, a sinistra) e Matthew Hill (University of Calgary, al centro))
Miriam Melis con due degli altri studiosi premiati: Yasmin Hurd (Mount Sinai, a sinistra) e Matthew Hill (University of Calgary, al centro))

Link

Ultime notizie

07 ottobre 2022

Gli Scritti in onore di Pietro Ciarlo, un convegno

Il Dipartimento di Giurisprudenza e il Dottorato di ricerca in Scienze giuridiche hanno organizzato per oggi un convegno per celebrare il costituzionalista emerito, docente dell'Università di Cagliari fino al 2021. Il professore è atteso dai suoi ex colleghi nell'aula magna "Maria Lai" . Numerosi gli interventi previsti, la conclusione dei lavori - aperta dai saluti di Francesco Mola e Cristiano Cicero - è affidata al presidente dell’Associazione italiana dei costituzionalisti, Sandro Staiano

06 ottobre 2022

Presentazione dei risultati del progetto di ricerca BIRDIE-S

Oggi, nell’aula magna del rettorato di Cagliari, si svolge il convegno sugli importanti studi condotti dalle ricercatrici e dai ricercatori di Enel Foundation, Università di Cagliari e Politecnico di Torino sulle opportunità e prospettive per la Sardegna, che può ambire a diventare un polo di eccellenza per lo studio e l’attuazione delle politiche di transizione energetica. Anche alla luce dell’attuale scenario internazionale, si parla di elettrificazione dei consumi, dello sviluppo di comunità energetiche rinnovabili, di stabilità dei prezzi e della sicurezza energetica. Fabrizio Pilo, prorettore all'innovazione e ai rapporti con il territorio: "L'obiettivo è creare le condizioni affinché la Sardegna diventi il riferimento internazionale per la transizione energetica, dalla quale può ottenere grandi benefici ambientali, sociali ed economici". L'EVENTO ANCHE IN STREAMING, SU TEAMS

06 ottobre 2022

Urban Nature 2022

L’8 ottobre torna in tutta Italia "Urban Nature", sesta edizione dell’iniziativa promossa dal WWF per diffondere il valore e la cura della natura in città per il benessere delle persone. Al convegno organizzato nel Parco di Molentargius partecipano esperti e ricercatori universitari. Appuntamento alle 10, nell’edificio Sali Scelti del Parco naturale regionale Molentargius-Saline

05 ottobre 2022

Igag days, si parla di Capitale Naturale

Dal 6 ottobre due giornate in cui il personale dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igag) proveniente dalle sedi di Roma, Milano e Cagliari si riunisce in Sardegna per discutere dei temi di ricerca nel campo delle scienze delle Terra solida. Apertura dei lavori nell'Aula magna di via Marengo con la partecipazione del direttore del DICAAR Giorgio Massacci

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie