UniCa UniCa News Notizie L’Università di Harvard punta di piu su religione ed etica nei piani di studio

L’Università di Harvard punta di piu su religione ed etica nei piani di studio

Cambia il programma di studi della prestigiosa università statunitense. Si punterà su temi religiosi, culturali e scientifici
18 febbraio 2007

Roma (Agenzia Fides) - E’ la più grande rivoluzione culturale che Harvard abbia conosciuto dagli anni Settanta: dopo 30 anni, cambia il programma di studi della prestigiosa università statunitense. Si punterà su temi religiosi, culturali e scientifici. Il nuovo elenco di materie che gli studenti dovranno affrontare è frutto del lavoro di tre anni di una commissione composta da sei docenti e due studenti.

Negli ultimi anni il programma della più antica università americana era stato più volte contestato per l’attenzione eccessiva agli argomenti puramente accademici e lo scarso interesse per i temi che più da vicino toccano la vita degli esseri umani.

Così si è deciso di introdurre otto nuove aree tematiche di studio. Una di queste ha il titolo ’società nel mondo’ e permetterà agli studenti di “conoscere i valori, le tradizioni e le istituzioni” di altri paesi, si legge in un rapporto di 34 pagine che anticipa le novità. Lo scopo, è stato chiarito, è di “provincializzare” gli studenti che, forti di una cultura dominante nel mondo, raramente si interessano a usi e costumi del resto del pianeta.

Harvard ha rischiato per qualche tempo di essere l’unica istituzione della Ivy League in cui si studiava la materia ’religione’, ma l’ipotesi è stata fatta cadere nel dicembre scorso. Nonostante sia stata fondata 370 anni fa per istruire pastori puritani, l’università è laica. Per questo ci sarà una cattedra di “cultura e credo religioso” che consentirà di conoscere “idee, arte e religione nel contesto di condizioni sociali, politiche, religiose ed economiche”.

“Harvard è un’istituzione laica, ma la religione rappresenta una parte importante della vita dei nostri studenti”, si sottolinea nel documento. Del resto, il 94 per cento delle matricole sostiene di discutere “di frequente” o “occasionalmente” di religione, mentre il 71 per cento assicura di frequentare regolarmente funzioni religiose.

Gli studenti avranno l’occasione di studiare più approfonditamente materie scientifiche, ma potranno farlo con un occhio più attento all’etica, per esempio quando si parla di ricerca sulle cellule embrionali. Ci sarà spazio anche per il ragionamento empirico ed etico, così come per “la comprensione interpretativa ed estetica”.


 
Fonte: http://www.fides.org

 

Ultime notizie

28 novembre 2022

Viaggio di studio negli USA, tra New York, Filadelfia, Atantic City e Washington

Studentesse e studenti della laurea magistrale in Ingegneria civile dell'Università di Cagliari per nove giorni a contatto con la realtà dei grandi cantieri americani di infrastrutture stradali, in contesti urbani e logistici molto diversi da quello locale. Da questa esperienza didattica scaturiranno lavori di tesi e tirocini formativi negli Stati Uniti. La soddisfazione del gruppo di allievi/e del professor Mauro Coni nel report inviato dai giovani universitari alla nostra redazione

25 novembre 2022

CAREER DAY 2023

Il 12 e il 13 gennaio 2023 sono in calendario le due giornate organizzate dall’Università di Cagliari con l’Assessorato regionale del Lavoro e con l’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (Aspal) per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Da una parte laureati/e, studenti e studentesse di UniCa e dall’altra le imprese del territorio impegnate nella ricerca di giovani preparati per garantire un apporto innovativo alle esigenze aziendali presenti e future

25 novembre 2022

25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Si rinnova l’appuntamento con la ricorrenza istituita dall’assemblea delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999. Numerose le iniziative che coinvolgono la nostra università. Ester Cois, delegata del Rettore per l’Uguaglianza di genere e presidente del Comitato unico di garanzia di UniCa, spiega: “Tenere viva l’attenzione di tutta la comunità d’ateneo - personale docente e ricercatore, personale tecnico amministrativo e bibliotecario, corpo studentesco - sul tema della diffusione di una cultura improntata sui principi dell’equità, dell’intersezionalità, dell’inclusione, della valorizzazione delle differenze”.

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie