UniCa UniCa News Notizie Progetto "Senti che notizia"

Progetto "Senti che notizia"

Università di Verona, 25 gennaio 2007: presentazione del servizio di lettura automatica del giornale con interazione vocale. Dialogare con il computer per farsi leggere il giornale, richiedendo le notizie al proprio pc semplicemente a voce, con linguaggio naturale
25 gennaio 2007
R A S S E G N A   W E B
 
Università di Verona, 25 gennaio 2007: presentazione del servizio di lettura automatica del giornale con interazione vocale. Dialogare con il computer per farsi leggere il giornale, richiedendo le notizie al proprio pc semplicemente a voce, con linguaggio naturale
 

  
UNIVERSITY .IT
 
 
Dialogare con il computer come con un amico per farsi leggere il giornale, richiedendo le notizie al proprio pc semplicemente a voce, con linguaggio naturale. E’ quanto permette «Senti che notizia!», il servizio di lettura automatica di un giornale con interazione vocale, promosso dal Consorzio per gli Studi Universitari in Verona e sviluppato dall’azienda Dreams & Co, che sarà presentato alla cittadinanza giovedì 25 gennaio alle 11 nella sede della sezione provinciale dell’Unione italiana ciechi, in via Trainotti, 1 a Verona.
 
All’incontro interverranno Alberto Fenzi, presidente del Consorzio per gli Studi Universitari in Verona, Mirco Moschini, amministratore delegato di Dreams & Co, che ha sviluppato al suo interno la tecnologia per la gestione dei dialoghi interattivi, e Franco Zamboni, direttore Information Technology del Gruppo Athesis, che ha concesso per la fase di progettazione l’utilizzo dei contenuti del giornale digitale «L’Arena Click», con l’obiettivo di presentarli ai propri clienti ciechi e ipovedenti.
 
Nel corso dell’evento si svolgerà una dimostrazione pratica dell’utilizzo del software, sviluppato in sinergia con un gruppo di non vedenti, principalmente rivolto a persone disabili e anziani per consentirne l’accesso ai contenuti giornalistici. Attualmente, oltre a L’Arena, il servizio è stato arricchito dei contenuti di quotidiani nazionali come «Il corriere della sera», «La Repubblica» e «La gazzetta dello sport».
«La novità principale del progetto – spiega Mirco Moschini – è che l’utente, utilizzando l’interfaccia SCN, potrà essere informato sulle notizie appena uscite o presenti in archivio, grazie al motore di ricerca integrato, semplicemente parlando in modalità estesa, ovvero senza l’uso di parole chiave, regole o restrizioni, e quindi senza la necessità di addestramento. Anche la lettura dell’articolo individuato da parte del sistema avverrà in maniera naturale ed empatica. Naturalmente rimane la possibilità di utilizzare la tastiera, o di passare in ogni momento da una modalità all’altra. Inoltre l’utilizzo del software è possibile anche per utenti dotati di connessioni lente».
 
«Si tratta di un progetto assolutamente originale nel panorama italiano – commenta il presidente del Consorzio Alberto Fenzi – che permette di abbattere le barriere tra utente e computer, rendendo partecipi anche categorie, come ciechi, disabili e anziani, che altrimenti rischierebbero di rimanere escluse dalle nuove tecnologie e dal mondo dell’informazione».

Ultime notizie

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 settembre 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 settembre 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie