UniCa UniCa News Notizie Università: crediti formativi per i dipendenti della P.A.

Università: crediti formativi per i dipendenti della P.A.

Nelle facoltà di Scienze sociali, politiche e del territorio e di Ingegneria industriale nel Polo Universitario di Brindisi
13 gennaio 2007

A seguito dell’istituzione delle facoltà di Scienze sociali, politiche e del territorio e di Ingegneria industriale nel Polo Universitario di Brindisi il vicepresidente della Provincia Damiano Franco, che ha delega al Personale, comunica che tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione potranno fare richiesta di riconoscimento dei crediti formativi presso le due facoltà.
Gli interessati possono inoltrare apposita domanda di richiesta, redatta in carta semplice, al Rettore e ai presidi delle Facoltà nella quale si specifica la propria iscrizione ai corsi universitari e il proprio status di dipendente della Pubblica Amministrazione. Tale opportunità viene estesa anche ai dipendenti che siano iscritti a qualunque facoltà dell’Università del Salento purché vi sia congruenza tra il titolo di studio da conseguire e la mansione svolta nella Pubblica Amministrazione.

“Il credito formativo – spiega il vice presidente della Provincia Damiano Franco - è il valore che, nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale, si attribuisce alla competenza, che può essere ottenuta sia attraverso un percorso formale - come la frequenza di un corso scolastico o formativo - o informale, cioè ottenuta attraverso esperienze lavorative, di vita o di volontariato.
Per valorizzare le competenze acquisite dall’individuo, la Provincia di Brindisi promuove il riconoscimento degli apprendimenti, derivanti sia da contesti formali che non formali, così da consentire ai dipendenti pubblici della Provincia la personalizzazione o la riduzione della durata di eventuali percorsi di istruzione o di formazione. Attribuiamo ai crediti formativi la capacità di misurare l'impegno e il tempo che ogni operatore della Provincia ha dedicato annualmente all'aggiornamento ed al miglioramento del livello qualitativo della propria professionalità.

Mediante il riconoscimento di crediti formativi – dichiara Damiano Franco – da spendere ai fini del conseguimento di titoli universitari cerchiamo di incrementare ulteriormente la crescita culturale e formativa dei dipendenti provinciali”.

Fonte: Comunicato stampa Provincia di Brindisi

Ultime notizie

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 ottobre 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie