UniCa UniCa News Notizie Curcio all’Università, scoppia la polemica

Curcio all’Università, scoppia la polemica

Proteste a Lecce per l’arrivo di Renato Curcio all’Università del Salento, invitato per presentare il suo libro "Il carcere speciale"
07 gennaio 2007
R A S S E G N A   W E B
 
Polemiche a Lecce per l’arrivo di Renato Curcio all’Università del Salento, invitato per presentare il suo libro "Il carcere speciale"



Porta di mare .it
 
Lecce, domenica 7 gennaio 2007 - L’ideologo della lotta armata, che ha già scontato 28 anni di carcere, arriverà all’Università di Lecce mercoledì per presentare il suo libro «Il carcere speciale» e partecipare, il giorno successivo, ad un convegno promosso dall’Università del Salento.
«Una visita faziosa e inutile». Così il centrodestra leccese, Poli Bortone in testa, giudica la visita nella città salentina dell’ex brigatista Renato Curcio.
«Non vedo cosa mai potrà insegnare un personaggio come lui», attacca Adriana Poli Bortone. La sua critica è condivisa dagli altri esponenti del suo partito, Alleanza nazionale, ma anche di Forza Italia. Fuori dal coro l’Udc: le persone cambiano. Lo stesso era accaduto nel 2001, quando l’arrivo di Curcio era stato bocciato dalla Cdl e dai professori di destra.
Il professore Piero Fumarola, ordinario di Sociologia delle religioni e autore dell’invito a Curcio replica: «Criticare l’invito di Renato Curcio a Lecce è un atto di intolleranza, ma stavolta diversamente da sei anni fa il programma è confermato. Alza la voce solo certa politica».
Curcio fu, per un quadriennio, assieme alla moglie Mara ed ad Alberto Franceschini nel direttorio delle BR, fu arrestato nel settembre 1974. Come conseguenza di un’azione diretta e guidata da Mara, Curcio evase dal carcere già nel febbraio 1975, per esser poi ripreso e definitivamente incarcerato all’inizio del 1976. Nel frattempo, in un conflitto a fuoco coi carabinieri, Mara era morta nel giugno del ’75.
Con la morte di Mara e con la carcerazione di Curcio e di Franceschini, la direzione del movimento passò ai "duri e puri" e nel giugno del 1976, con l’omicidio del magistrato Coco, iniziò ufficialmente la stagione degli omicidi e dei ferimentisi. Curcio non aveva teorizzato lo spargimento di sangue e mai si è pentito delle sue scelte, rimanendo uno dei cosiddetti "irriducibili". Curcio è rimasto in carcere dal 1976 al 7 aprile del 1993. 
 
 


IN RETE

- Porta di mare .it

- Corriere del mezzogiorno

Ultime notizie

30 settembre 2022

Sharper 2022, la ricerca tra futuro del cibo e del clima, lauree in carcere, bullismo, fakenews, crisi idrica, farmaci anti cancro, scarti e materiali innovativi

Oggi l’Orto botanico ospita la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori. Stili di vita, robotica, astronomia, fascino della fisica e della matematica. Oltre cinquanta tra eventi, talk, esperimenti divulgativi e giochi per i bimbi curati da specialisti e partner dell’ateneo. Prevista anche una caccia al tesoro scientifica. Ieri a Massama il rettore Francesco Mola ha presenziato alla discussione della tesi in Scienze economiche di un detenuto

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 settembre 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 settembre 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie