UniCa UniCa News Notizie Tra Italia e Cina progetti comuni nella ricerca scientifica sulla fisiologia dello Sport

Tra Italia e Cina progetti comuni nella ricerca scientifica sulla fisiologia dello Sport

Accordo tra la scuola di specializzazione in Medicina dello Sport di Cagliari e la cinese Capital Sports University
04 gennaio 2007
 
(unicaweb) - Un accordo per l’avvio di comuni progetti di ricerca scientifica è stato raggiunto tra la Scuola di specializzazione in Medicina dello Sport del nostro Ateneo e la Capital Sports University della capitale cinese Beijing, sede di ricerca e nota tra l’altro per essere la sede degli allenamenti della Nazionale cinese in vista delle Olimpiadi del 2008. L’intesa tra i due atenei è stata perfezionata durante una recente missione svolta in Cina dai responsabili della Scuola di specializzazione diretta da Alberto Concu.
 
“Si tratta di un accordo che offre grandi soddisfazioni ed enormi potenzialità – è il commento del prof. Concu – Si potranno mettere a frutto le diverse competenze acquisite dai rispettivi scienziati e ricercatori. La Cina, infatti, sta pubblicando sempre più sulle riviste scientifiche internazionali grazie ai grandi investimenti che il Governo sta attuando in vista delle Olimpiadi, con una grande dotazione di mezzi e tecnologie. Oltre che di atleti di indiscusso talento mondiale”.
 
La Capital Sports University è la principale struttura universitaria della capitale cinese: al suo interno si trovano il campus studenti, il centro ricerche, il centro didattico e tutti gli impianti sportivi dal nuoto al pattinaggio su ghiaccio. Il centro ricerche cinese si è dichiarato pronto ad attivare protocolli sperimentali su atleti di élite in team con il gruppo dell’Università di Cagliari con obiettivi scientifici comuni.
 
Entro il prossimo mese sarà avviata la prima fase della collaborazione scientifica con l’attivazione dei primi protocolli sperimentali che si terranno presso i laboratori sardi e cinesi.
 
“L’Università di Cagliari – conclude Concu - sta lavorando con grande attenzione sulla ricerca applicata alla Scienza dello Sport grazie ad un team di ricercatori, dottorandi e specialisti in Medicina e scienza dello sport che ha iniziato da alcuni anni ad ottenere importanti riconoscimenti internazionali. Lavorare ora anche con la Cina, in anteprima assoluta tra le università italiane ed europee, ci consentirà di condividere ed accrescere le conoscenze. Il nostro obiettivo è quello di trasferire a livello nazionale e regionale le conoscenze verso i tecnici e gli atleti di élite per contribuire alla ricerca di nuove performance. Il progetto ‘Sport Science Labs’ presentato recentemente a Cagliari dal nostro gruppo è infatti parte di questa visione complessiva.”
 
 


IN RETE

- Rassegna stampa del 5 gennaio 2007

- Campus .it (news dell'8 gennaio 2007)

Ultime notizie

05 ottobre 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 ottobre 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 ottobre 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 settembre 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie