UniCa UniCa News Notizie "Dal presidente sorpresa di fine anno" Parla la ricercatrice citata da Napolitano

"Dal presidente sorpresa di fine anno" Parla la ricercatrice citata da Napolitano

Enza Colonna del Cnr di Napoli, &è; stata menzionata nel discorso di fine anno come esempio della "forza morale che anima tante donne" del Sud. E’ una precaria e lavora con un contratto in scadenza il prossimo maggio ad un progetto per identificare geni responsabili delle malattie complesse.
01 gennaio 2007

NAPOLI - "Non lo nego: è stata una sorpresa, una bella sorpresa di fine anno. Sono contenta perché è stata portata all'attenzione della politica la situazione dei giovani ricercatori in Italia". Enza Colonna, 30 anni, ricercatrice del Cnr di Napoli, ieri è stata citata, senza farne il nome, nel discorso di fine anno del presidente Giorgio Napolitano come esempio della "forza morale che anima tante donne" del Sud.

Il capo dello Stato ha incontrato la ricercatrice, originaria di Lavello (in Basilicata) nel corso della sua visita a Napoli lo scorso 27 novembre. Enza Colonna, in quell'occasione, ha illustrato il progetto al quale lavora insieme ad altri colleghi nel laboratorio della dottoressa Graziella Persico. Qualcuno, al termine del discorso, ha detto al Capo dello Stato che lei era precaria, con un contratto in scadenza il prossimo maggio.

"In quell'occasione ho illustrato al presidente il progetto al quale lavoro con l'orgoglio di chi crede nel proprio impegno. Ho tenuto un discorso scientifico in cui non c'e stata una sola parola di lamentazione. La situazione in cui versa la ricerca in Italia è tristemente nota a tutti, e non sembrava il caso di doverlo sottolineare", ha precisato oggi Enza Colonna.

Il progetto al quale prende parte la ricercatrice è iniziato nel 2001 ed ha l'obiettivo di identificare i geni che sono responsabili delle malattie complesse ovvero quelle malattie in cui, come ha spiegato lei stessa Colonna al presidente Napolitano lo scorso 27 novembre "c'è una forte componente ambientale che molto spesso interferisce con la componente genetica e rende problematica l'identificazione dei geni".


"L'approccio che utilizza il nostro progetto è quello delle popolazioni isolate - ha spiegato sempre in quell'occasione la giovane ricercatrice -. Queste popolazioni sono particolarmente indicate per lo studio dei tratti complessi perchè possiedono una eccezionale uniformità genetica ed anche una uniformità ambientale". Al capo dello Stato Enza Colonna ha spiegato che il progetto è iniziato nel 2001 "con uno studio di fattibilità che è stato svolto su diversi comuni del Cilento e questo studio si è basato su un parametro che è l'endogamia che descrive la propensione per matrimoni tra gente dello stesso villaggio". Un approccio che ha permesso di identificare due villaggi "Gioi e Campora che presentavano un tasso di endogamia particolarmente elevato e su questi villaggi abbiamo cominciato uno studio di tipo archivistico".

Fonte: http://www.repubblica.it


Ultime notizie

25 giugno 2022

Antonio Pigliaru, un pensiero ancora attuale che sfida il presente

Convegno internazionale di ampio respiro sull'opera dello studioso sardo, a 100 anni dalla nascita. In Aula Maria Lai si sono confrontati sui suoi studi docenti e ricercatori di tutto il mondo: in tutti gli interventi è emerso l'estremo rigore della sua ricerca, il metodo e la passione che costringono a confrontarsi senza retorica sui suoi scritti, a partire dalla nuova edizione del volume più noto

24 giugno 2022

International Smart City School 2022: the challenge of climate change

SUMMER SCHOOL EUROPEA A CAGLIARI. Dal 20 giugno sono iniziate le attività della scuola internazionale sulle smart cities e la sfida imposta dal cambiamento climatico. L’iniziativa dell’Università di Cagliari, curata dal docente Luigi Mundula e organizzata insieme agli altri atenei Ue dell’alleanza Educ - Paris Nanterre, Rennes 1, Potsdam, Masaryk, Pécs - impegnerà studenti e professori delle sei università fino al primo luglio. In programma un ricco calendario di lezioni in lingua inglese, eventi, aperiNET, lavori di gruppo, visite di studio e culturali, con ampio spazio all’interazione dei partecipanti internazionali

24 giugno 2022

Un percorso che punta sulle persone: inaugurato oggi il master in gestione delle risorse umane

“L’obiettivo è agire sul territorio per rilanciarlo attraverso la formazione di profili di alta professionalità”: così Gianni Fenu, prorettore vicario dell’Università di Cagliari, ha aperto l’incontro inaugurale del master di II livello in Gestione e sviluppo delle risorse umane, che formerà 36 professioniste e professionisti nel settore della gestione e valorizzazione del personale.

23 giugno 2022

Gestione e sviluppo delle risorse umane: il 24 giugno l’evento inaugurale del master

Nasce in collaborazione con l’ASPAL il nuovo master dell’Università di Cagliari dedicato a formare nuovi manager delle risorse umane. Si tratta di figure chiave per le imprese, sempre più impegnate non solo nel controllo, ma anche nella valorizzazione del personale. L’evento di inaugurazione si svolgerà alle 10 nell’Aula Magna del Rettorato, in via Università 40

Questionario e social

Condividi su: